/media/post/flbh59q/3282-viverelondra-622x466.jpg

Vivere a Londra. Quanto costa trasferirsi all'ombra della Regina

Tutto quello che dovete sapere per trasferirvi nella capitale del Regno Unito

Londra è una delle città più cosmopolite d’Europa. Vivere a Londra è l’aspirazione di molti giovani in cerca di lavoro e di studenti con la voglia di far esperienza all’estero.

Vivere a Londra è un sogno, un obiettivo, un progetto. Ma quanto costa vivere a Londra? e comprare casa? Qui di seguito vi proponiamo un elenco di costi (in euro) in cui vi potreste imbattere nella quotidianità di una vita a Londra, le info necessarie per comprare una casa e i quartiri piu belli o quelli in cui è possibile fare un investimento.

Un elenco che può però rivelarsi utile anche per chi visita Londra per pochi giorni.

 

Vivere a Londra – quanto costa?

 

  • Una birra media in un pub vi può costare 4,18 euro
  • Ordinare una tazza di caffè nero a Londra vi costa 1,91 euro
  • Le sigarette a Londra sono decisamente un po’ care: una delle marche più famose (e più vendute al mondo) qui vi costa 8,13 euro
  • Affittare un’automobile per una settimana a Londra costa 218 euro
  • Il biglietto per il cinema a Londra costa 8,35 euro
  • L’abbonamento mensile per i trasporti pubblici costa 133,84 euro
  • Affittare un appartamento di 100 mq vi costerà quasi 1800 euro al mese (ma qui bisognerà poi distinguere la zona della città, i servizi, ecc)
  • Una notte in ostello a Londra costa all’incirca 13 euro
  • Mangiare un Big Mac a Londra vi farà sborsare 2,85 euro
  • La benzina costa 1,63 euro al litro
  • Un litro di latte fresco al supermercato costa 1,10 euro
  • Un chilo di pasta acquistato al supermercato 2,79 euro (ma ne vale la pena?)

Leggi anche: - Quanto costa vivere a New York? - Il prezzo della vita a Cuba

 

Comprare casa a Londra

(descrizione)

Aspetti legali

Nella capitale britannica si trovano tanti agenti immobiliari, ma i più affidabili e introdotti hanno sedi in tutta Londra, col vantaggio di poter cercare in zone diverse e la garanzia di una struttura professionale con prezzi onesti.

I nomi più noti sono Foxtons, John D Wood & Co., Faron Sutaria, Marsh & Parsons: oltre ad avere le migliori proprietà a portafoglio, hanno venditori esperti che potranno consigliarvi su come condurre la negoziazione.

Inoltre, le grandi agenzie hanno team dedicati per l’affitto e la gestione degli immobili, a un costo che varia dal 6 al 10%, a seconda dell’affitto percepito e del servizio prestato. Anche in questo caso, utilizzate un’agenzia conosciuta, per la garanzia di filtro dei potenziali affittuari e per evitare mancati pagamenti o danni all’appartamento.

 

(descrizione)

 

A Londra esiste ancora il principio medievale del proprietario terriero: in passato il re allocava le terre alle famiglie aristocratiche in cambio di supporto, e ancora oggi il Duca di Westminster, il Conte di Cadogan e pochi altri posseggono il suolo su cui è costruito il centro di Londra. Queste case hanno l’obbligo di pagare il “ground rent”, un affitto per l’occupazione della terra, di solito di valore nominale (1-100 sterline all’anno).

L’aspetto legale si complica quando l’immobile è in “leasehold”, cioè il proprietario terriero vende solo il beneficio del possesso per un numero limitato di anni, al termine dei quali l’immobile ritorna di sua proprietà (esistono appartamenti con un “lease” di soli 15 anni).

I “lease” corti si possono estendere pagando un prezzo commerciale, ma la trafila è complicata e l’esito incerto, incluso il valore da pagare. Si consiglia quindi di verificare con l’agente immobiliare e di privilegiare proprietà “freehold” o con un lease di almeno 100 anni.

 

(descrizione)

 

Il mercato è molto fluido, soprattutto per gli appartamenti di prezzo fino a 1 milione di sterline. Siate pronti a fare un’offerta in giornata, dopo la visita, e a fare l’“exchange” (il nostro compromesso) in 2 settimane, se il vostro avvocato dice che le carte sono in regola. Il “completion”, l’equivalente del nostro rogito, si fa in 1-3 mesi.

I costi aggiuntivi da considerare non sono molti: le tasse sull’acquisto sono il 2% fino a 2 milioni, e poi per scaglioni di prezzo fino al 5%; il “solicitor”, un avvocato (la figura del notaio non esiste in Inghilterra), dovrebbe costare fra le 5.000 e le 15.000 sterline, incluse le ricerche catastali.

NB: Ricordatevi che l’agente immobiliare viene pagato solo dal venditore.

 

Perchè e dove investire a Londra

Trasferirsi definitivamente a Londra acquistando una casa? L’investimento è sicuro. La qualità della vita anche. Ecco le zone consigliate.

 

(descrizione)

 

Comprare casa (e quindi perché no, trasferirsi) a Londra è ancora un investimento sicuro, perché il mercato è trasparente e liquido su vendite e affitti: gli immobili  a Londra rimangono un’interessante alternativa per proteggersi dal rischio inflazione dell’Euro, garantiscono ritorni interessanti (3-5%), e risultano migliori rispetto a molti strumenti finanziari, in questi tempi di tassi di rendimento depressi.

Si aggiunge poi la rivalutazione del capitale investito: i prezzi al centro di Londra sono saliti in media dal 6 al 13% negli ultimi anni. Le cifre sono alte, dalle 9.000 alle 20.000 sterline al mq, in base al quartiere.

 

Le zone e i quartieri dove comprare?

(descrizione)

 

Le zone più famose di Londra (dove trasferirsi e comprare casa) si confermano Kensington, Notting Hill, South Kensington, Knightsbridge e Chelsea, dove vivono i professionisti internazionali e i giovani dell’aristocrazia e della famiglia reale: sono centrali, ben collegate e ottime per shopping e vita notturna.

 

(descrizione)

 

Le zone più costose di Londra restano Mayfair, St. James, Belgravia, Islington e St. John’s Wood, centrali e residenziali, preferite dalle famiglie con figli e dove avrete come vicini principi arabi, oligarchi russi e celebrities.

Le zone “up-and-coming” sono Fulham, Shepherd Bush, Parsons Green, Marylebone e Bermondsey: quartieri divertenti, giovani e con prezzi più accessibili. Perfetti per i ragazzi che si vogliono trasferire a Londra.