/media/post/b9u4tdl/panama_3-650x4871.jpg

Vivere all’estero

Le 5 città meno care del mondo

Vivere all’estero? Trasferirsi in una metropoli dove la vita costi poco? Ecco la classifica delle 5 città meno costose al mondo. Che però necessitano di una scelta forte.

Trasferirsi all’estero potrebbe sembrare qualcosa di impossibile da affrontare dal punto di vista economico, eppure ci sono delle città in cui è effettivamente poco costoso vivere. Certo, si tratta di metropoli in cui magari è difficile immaginare una nuova vita… però… non si può mai sapere…

 

Vivere all’estero – La classifica delle 5 città meno costose

Ecco quindi le città meno costose al mondo per chi abbia la voglia, il coraggio, la necessità di mollare tutto e andare a vivere all’estero. I dati sono stati diffusi dal Worldwide Cost of Living Index nei mesi scorsi.

 

Vivere all’estero – Mumbai, India

 

(descrizione)

 

Una delle città meno care al mondo dove vivere è anche la più popolosa dell’India: Mumbai. Questa metropoli è un melting pot di culture diverse. Commercio, cinema e moda sono i settori in pieno sviluppo. Mezzi pubblici e taxi costano un decimo rispetto a Londra e New York. La parte più moderna della città è quella a nord dove sono stati costruiti grattacieli con tanto di palestre e piscine. La zona più bella dove vivere è quella che si trova a sud dove domina lo stile vittoriano.

 

Vivere all’estero – Katmandu, Nepal

 

(descrizione)

 

Certo poteste chiedervi: cosa ci faccio io qui? ma la bellezza di Katmandu, per chi ama questo tipo di Oriente, è innegabile. Inutile dire che affittare un appartamento è molto economico così come mangiare al ristorante (a meno che non si tratti di un ristorante occidentale). Nella parte più antica della città le costruzioni sono in legno e pietra, ma gli stranieri e i ricchi tendono a vivere nei quartieri nuovi che si trovano in periferia.

 

Vivere all’estero – Panama City, Panama

 

(descrizione)

 

La città è stata protagonista pochi anni fa di un vero e proprio boom edilizio che ha visto la nascita di un gran numero di grattacieli sparsi qua e là tra gli edifici più vecchi. Comunque i costi degli affitti rimangono più che ragionevoli. Come ragionevoli sono i prezzi dei biglietti per i mezzi pubblici. Da considerare anche il fatto che con un paio d’ore si possono raggiungere le spiagge caraibiche o le montagne più fredde.

 

Vivere all’estero – Bucarest, Romania

 

(descrizione)

 

C’era un tempo in cui la capitale della Romania veniva chiamata la “piccola Parigi” a causa dell’influenza francese nell’architettura urbana. Molti di quegli edifici sono andati in rovina con l’avvento del regime comunista dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma negli ultimi dieci anni Bucarest ha fatto un notevole sforzo per tornare a quella sua antica bellezza. In particolare nel centro storico che pullula di locali dove trascorre le serate fuori. Se cercate una città per vivere all’estero in modo economico e che non sia lontana dall’Italia, prendete in considerazione Bucarest. A nord della città c’è un quartiere particolarmente adatto per chi viene dall’estero: si tratta del quartiere chiamato Pipera, dove ci sono le scuole internazionali.

 

Vivere all’estero – Gedda, Arabia Saudita

 

(descrizione)

 

A Gedda gran parte degli stranieri che sosta in città è di passaggio per la Mecca. È una città di sicuro difficile da vivere: le leggi religiose dell’Arabia Saudita sono molto pesanti se confrontate con la nostra cultura. Trasferirsi qui è una scelta forte. Ma questa è una delle città meno care al mondo.