/media/post/vlhdzbg/ustica_territorio5.jpg

Ustica

Ustica è il paradiso delle vacanze attive, protagonisti assoluti sono il mare, la ricchezza naturale e le specialità culinarie.

Ustica è l'isola delle meraviglie. A Ustica arrivano turisti e vacanzieri desiderosi di lasciarsi cullare dal mare cristallino, di rifarsi gli occhi con la ricchezza del paesaggio e la bellezza della natura. Ustica è tutto questo e molto di più, scopri qui tutto il meglio di Ustica.

 

Come una piccola gemma nera, Ustica si staglia nel mare cristallino: isola vulcanica nata circa un milione di anni fa, è caratterizzata da un profilo aguzzo e da un colore scuro donatole dalle colate laviche, tanto che i romani la chiamavano proprio Ustum, “bruciata”. Grazie alle sue insenature, alle piscine naturali e alle grotte, è un vero paradiso per gli appassionati delle immersioni: già a pochi chilometri dalla riva, infatti, è possibile ammirare fondali ricchi di vegetazione, ma anche pesci variopinti e una serie di reperti archeologici che testimoniano l’antichità del luogo.

 

(descrizione)

 

Ustica è parte della prima riserva marina istituita in Italia, proprio per la sua incredibile ricchezza naturale, che va da una vegetazione rigogliosa a un mare incredibile. Le spiagge sono poche, piccole e per la maggior parte protette: da segnalare in particolare la Caletta e Cala Sidoti dove è concessa la balneazione, ma basta una piccola imbarcazione per tuffarsi al largo in acque che sembrano vetro.

 

Da non perdere un bagno al Fossazzu, nome locale della piscina naturale scavata ai piedi del faro di Punta Cavazzi, dove immergersi in fondali coloratissimi, e un giro di esplorazione alle moltissime grotte che si aprono lungo la costa: fra le più belle, visitabili anche con maschera e pinne, la Grotta Azzurra, la Grotta Pastizzia, caratterizzata da una serie incredibile di cunicoli sommersi, e la Grotta delle Barche, raggiungibile anche a piedi percorrendo un bel sentiero tra pini e fichi d’india, che tagliando il fianco della collina offre scorci molto belli della costa.

 

(descrizione)

 

Di particolare fascino la Grotta Segreta, situata oltre Punta Spalmatore e chiamata così perché è difficile da raggiungere: per entrarvi infatti bisogna attraversare un anfratto sottomarino. C’è un trucchetto però, ed è aspettare la bassa marea, quando l’acqua ritiratasi arriva alle caviglie ed è possibile entrarvi anche a piedi: lo spettacolo all’interno è impagabile, con le pareti della grotta tutte rosa grazie ad una particolare specie di alga. 

 

(descrizione)

 

Anche sulla terra di Ustica c’è molto da vedere: il piccolo paesino, unico centro abitato, è vivace e caratteristico con le sue basse case bianche che si arrampicano sulla costa rocciosa, con un corso pedonale che culmina nella piccola chiesa madre.
Ovunque sono visitabili i resti dell’antica storia dell’isola, tra cui il villaggio preistorico di Tramontana e i reperti conservati nel Museo di Torre Santa Maria, un avamposto borbonico costruito per proteggere tutta la Sicilia; testimonianza dell’antico regno dei Borboni è anche il Castello Falconeria, antica fortezza in cima al cono del vulcano spento.

 

(descrizione)

 

Il suolo vulcanico ha reso l’isola un vero paradiso di sapori: la lenticchia è il prodotto più tipico, servito in zuppe e spesso accompagnata da ottimi piatti di pesce.

 

(descrizione)

 

Un assaggio di queste delizie usticesi si può avere da Schiticchio, locale dall’atmosfera bucolica dove gustare specialità tipiche, e Da Umberto, che usa prevalentemente prodotti biologici isolani per creare specialità come linguine all’aragosta, polpette di finocchietto e la famosa zuppa di lenticchie.

 

(descrizione)

 

Ottimo anche Carruba e Cannella, dove gustare una serie di delizie locali o ai colorati tavolini o portandole a casa grazie al servizio take away.

 

Per una cena più raffinata c’è il rinomato Ristorante Giulia, dove l’executive chef Giuseppa Lo Schiavo delizia il palato con piatti a base esclusivamente di pesce locale, contraddistinti da un buon mix di tradizionalità e innovazione; location d’eccellenza per Il Faraglione, che affacciato sul porto inizia la sua proposta con un ricco aperitivo e prosegue con cene ottime a base del pescato giornaliero.

 

(descrizione)

 

Per un po’ di shopping di qualità non mancano i negozi tipici: souvenir originali si possono trovare da I colori del Mare, che propone oggetti realizzati a mano a tema prevalentemente marino, mentre per della spesa enogastronomica è perfetto il laboratorio artigianale Specialità da Maria Cristina, che con le sue antiche ricette della tradizione usticese ha creato un vero marchio famoso in tutta Italia, e che realizza le sue specialità solo con prodotti tipici locali. Dopo cena il paesino si trasforma in un salotto a cielo aperto: la zona centrale viene chiusa al traffico e invasa di tavolini dei locali che rimangono aperti fino a tardi, come il Bar Centrale, noto per la sua pasticceria e per le granite ottime
Il Kiki’s e il Carpe Diem animano la notte con la loro proposta a base di cocktails originali, buona musica e vista mozzafiato sul mare, mentre per ballare fino all’alba c’è la Discoteca Alianto, luogo ideale dove scatenarsi e fare nuovi incontri. 

 

(descrizione)

 

E quando arriva il momento di dormire si può scegliere tra l’Hotel Clelia, storico usticese, o il Diana, entrambi contraddistinti dalla tipica accoglienza siciliana, confortevole e familiare e accessibili a tutte le tasche. Accoglienza eccellente anche da Mamma Carmela: gli ospiti dei suoi appartamenti sono come amici di famiglia; l’orto in campagna è a disposizione degli affittuari, che troveranno anche un barbecue compreso nell’appartamento.

 

(descrizione)

 

Affacciato sulla baia, nel cuore della riserva naturale, l’Hotel Villaggio Punta Spalmatore, composto da bungalow che affacciano su una caletta privata, mentre gli appassionati di immersioni potranno scegliere Sogni nel Blu, un complesso di appartamenti arredati con i colori del mare, che mette a disposizione imbarcazioni e programmano escursioni negli splendidi dintorni.