/media/post/8gpvgl4/fonti_clitunno.jpg

Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati

L'Umbria è una regione che riserva sempre belle sorprese a coloro che vogliano scoprire posti nuovi e meno noti.

L'Umbria è una regione bellissima che oltre a vantare gioielli d'arte ormai ben noti come Perugia, Assisi, Todi, Spoleto, Orvieto, Gubbio (solo per citarne alcuni), offre luoghi di rara bellezza e che valgono la pena di essere scoperti come le Fonti del Clitunno un vero paradiso in terra tra il verde e sorgenti d'acqua, e castelli come quello di Pissignano o borghetti come Castel Rinaldi, Giano dell'Umbria. Ecco un itinerario in Umbria alla scoperta di piccoli insediamenti e castelli sparsi nella campagna e tra i boschi della montagna, ognuno con una proprio storia.

 

Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati

(Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati: fonti del clitunno)

A soli 10 km da Spoleto, non può mancare una sosta a Campello sul Clitunno che comprende Campello Alto, borgo fortificato sviluppatosi attorno al Castello e Campello Basso, dove si trova la chiesa della Madonna Bianca con un bel portale in pietra e all'interno due importanti affreschi. Il Castello di Campello Alto conserva le sue mura ed è unica accesso al borgo, dove si trova la chiesa di San Donato con un pregevole altare ligneo barocco.

(Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati: tempietto del clittunno)

Ma il vero gioiello di questo territorio sono le Fonti del Clitunno, un insieme di sorgenti , già famose in epoca romana, che formano un laghetto da cui nasce il piccolo fiume Clitunno. Un oasi di verde dove godere dei suoni della natura in pieno relax. Poco distante si trova il Tempietto del Clitunno, tra i più antichi esempi di arte sacra umbra.

(Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati: Pissignano)

Nei dintorno merita una visita il Castello di Pissignano del IX secolo con una singolare forma triangolare.

Lungo la strada che da Spoleto porta a Montefalco si trova il Borgo di Castel Ritaldi che domina un territorio bellissimo costutuito da boschi e colline di uliveti e vigneti. Il Borgo prende il nome dal Castello Ritaldi che conserva ancora l'antica strutttura medievale.

Nei dontorno si trova anche Giano dell'Umbria che conserva le mura medievaleie e al centro del paese si trovano la chiesa di San Michele e la chiesa di Santa Maria. Fuori le mura si trova invece la Chiesa di San Francesco, con importanti affreschi.

(Umbria, itinerario: le Fonti del Clitunno e altri luoghi incantati: Abbazia di San Felice)

A pochi chilometri da Giano in una posizione isolata e dominante si trova l'Abbazia  di San Felice, capolavoro dell'arte romanica