/media/post/h383fch/skopelos_un_paradiso_verde_blu.jpg

Skopelos, il paradiso verde e blu del film "Mamma mia!"

Skopelos, la "grande roccia" delle Sporadi

Definita così dall’International Organization of Biopolitics, l’isola è la location perfetta per sognare e far sognare. Tutto quello che c'è da sapere su Skopelos, il gioiello delle Isole Sporadi protagonista del film "Mamma mia!".

(descrizione)

Novantasei chilometri quadrati di baie protette, coste sepolte da abeti secolari, valli ricoperte di mandorli, pruneti, uliveti e vigne che arrivano fino al mare. E poi, antichi quartieri veneziani e oltre 360 tra chiese e monasteri, nascosti tra le pieghe delle colline. Skopelos è semplicemente irresistibile. Verdissima, è sovrastata dai 668 metri del monte Delfi e si sviluppa in altezza, come “racconta” il suo nome: “skopelos”, in greco, significa “grande roccia”.

(descrizione)

Lo scenario che si presenta a chi decide di visitarla è un paesaggio agreste e senza tempo, tinteggiato da una sinfonia di tonalità color smeraldo e di blu: proprio questa tavolozza di colori, e il rifiuto della mondanità, ha incantato i produttori di Mamma Mia!, fortunato musical che proprio qui ha girato gran parte delle scene.

Oggi i turisti si tuffano nelle stesse calette della troupe americana, veleggiano lungo il litorale e tra gli anfratti immortalati dalla regista Phyllida Lloyd, o scelgono di sposarsi nella chiesetta bianca di Agios Ioannis, aggrappata in cima a un promontorio che si conquista salendo oltre cento gradini e set della scelta del matrimonio nel film cult.

Per vivere appieno l’isola, conviene noleggiare una moto o un’auto, percorrere la strada asfaltata in direzione nord, alla ricerca della caletta ideale dove trascorrere la giornata. Ci si può fermare nella Baia di Panormos, con la spiaggia ampia e attrezzata su cui affaccia il Blue Green Bay, immerso in un contesto naturalistico da favola proprio sulla spiaggia. Scendendo lungo la costa frastagliata ci si può crogiolare al sole nelle baie di Limnonari, mezzaluna bianca e sabbiose tra le più belle dell’isola, e di Agnondas, con un bel porticciolo. Si pranza da Pavlos: pesce fresco e insalate di stagione sono sempre garantite.

(descrizione)

A nord di Panormos, invece, di fronte all’isoletta di Dassia, si aprono Milià e Kastani, due semicerchi di arena orlata di alberi che si riflettono nell’acqua, con ottimi beach bar. Sul versante est, a 5 km da Skopelos Città, il capoluogo, merita una sosta Glysteri, un lido ghiaioso dove è facile avvistare i delfini. Chi si stanca di fare vita di mare, può dedicarsi a lunghe passeggiate in campagna, tra frutteti di prugne e paesini caratteristici.

Risalendo ancora la strada tutta curve si arriva a Glossa, sede di Glossiotissa, cooperativa di donne che vendono prodotti tipici. È qui che si trova anche Kyria Leni, il più antico forno a legna dell’isola.

A picco sulla costa nord, il villaggio rurale è il secondo abitato di Skopelos e incanta per i favolosi scorci panoramici sull’Egeo. Come quello che si gode dalla terrazza di Agnanti, uno dei migliori ristoranti dell’isola. Da segnalare anche il porticciolo di Loutraki, il secondo attracco di Skopelos, con i suoi caffè e le taverne.

Quando cala la sera ci si rifugia a Skopelos Città con il suo porto e il lungomare, che inizia sotto il Kastro, antico castello di cui resta la chiesa di Panaghia, un’infilata di caffè, taverne e ristoranti dove gustare le specialità locali. Come Molos, dove si assaggiano pesce fresco e piatti tipici, e si passano allegre serate accompagnati dalla musica dal vivo.

Molto carino anche Muses con i suoi tavolini bianchi sul lungomare: oltre ad essere ristorante tradizionale è anche grill house di carne e pesce. L’isola ha conquistato Hollywood anche per l’architettura del vecchio quartiere veneziano, Frankomachala, con le sue dimore-fortezza, e per la Chora (la città vecchia) con i vicoli, le minuscole piazzette, le case in pietra o tirate a calce, i vialetti tra cui si nascondono ben 123 chiese, come Agios Athanassios e Agii Apostolis.

A piedi, dal porto, si raggiunge Skopelos Village, tra i migliori hotel dell’isola, scelto anche dalla troupe di “Mamma Mia!”. Un altro ottimo indirizzo è Skopelos Holidays & Spa, unico cinque stelle del centro di Skopelos. In molti preferiscono affittare le case, dislocate sia nella Chora, sia isolate sulle colline, per lo più ispirate alle costruzioni isolane. Tra le più esclusive le due Villas Skopelos, di grande charme e immerse in una vasta proprietà coltivata a ulivi.

Mamma Mia!

Il primo weekend che uscì nelle sale americane incassò 27 milioni di dollari in appena 3.000 sale, il record di miglior esordio di tutti i tempi per un musical. Adattamento cinematografico dell’omonimo musical teatrale, nel 2008 Mamma Mia! sbancò i botteghini di mezzo mondo. Basato sulle canzoni del gruppo svedese ABBA, è stato diretto da Phyllida Lloyd e ha avuto come protagonista una magnifica Meryl Streep.

Dopo aver perlustrato oltre 20 isole greche, i produttori scelsero le Sporadi, e principalmente Skopelos, per le riprese del film. Tra le location più iconiche la bella spiaggia di Kastani – dove si svolgono diversi numeri musicali – e la chiesa del matrimonio Agios Iannis, mentre tra quelle riconoscibili a Skiathos segnaliamo il Vecchio Porto e la chiesa di Agios Nikolas, protettore dei marinai, da cui si ha una vista magnifica della città.

Il 2018 è proprio l’anno del grande ritorno del musical, con l’uscita – a luglio – del secondo capitolo della fortunata pellicola, Mamma Mia: ci risiamo!.