/media/post/ebz8795/sicilia-spiagge-occidentali.jpg

Sicilia Occidentale

Le spiagge più belle

Se siete in Sicilia o pensate di andarci in vacanza, vi renderete conto come le spiagge più belle non coincidono necessariamente con le più conosciute dell'isola.

Se è vero che alcune delle spiagge siciliane più rinomate sono davvero meritevoli della loro fama, è altrettanto vero che esistono spiagge belle e semisconosciute, che vale la pena di provare.

 

Mondello (PA) - Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

E' sicuramente tra le più belle spiagge della Sicilia, ma anche tra le più conosciute. E' la spiaggia per antonomasia dei palermitani, dista pochi km dal centro cittadino. Mondello era in passato un piccolo borgo di pescatori, ai piedi del Monte Pellegrino (uno dei simboli della città di Palermo).

E' caratterizzata da spiaggia fine e da un'acqua cristallina e dalla temperatura ideale per un bagno a partire già dal mese di maggio. Da giugno a settembre si attrezza con ogni genere di comodità, dai piccoli bar allo stabilimento che noleggia (per un giorno o per tutta la stagione) cabine, sedie a sdraio e ombrelloni.

Tutti gli anni vi si svolge, nel mese di maggio, il Windsurf World Festival, importante appuntamento per gli amanti della tavola a vela organizzato dal circolo Albaria. Mondello si raggiunge facilmente da Palermo attraversando il Parco della Favorita, autentico polmone verde della città.

 

San Vito lo Capo (TP) – Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

Nella provincia di Trapani, nella parte nord-occidentale della Sicilia, si trova il paese di San Vito Lo Capo. La sua spiaggia è certamente una delle più conosciute dell'isola ed è frequentatissima durante tutta la stagione estiva, fino alla fine di settembre, quando nel paese si svolge l'amata sagra del cous cous.

Se siete degli amanti delle spiagge deserte e isolate, forse non è la più adatta a voi. Ma se, ad esempio, avete dei bambini con voi, apprezzerete la comodità di un mare incantevole a pochissimi passi da un centro abitato che offre ogni genere di comodità e di servizio.

Per di più nel comune di San Vito Lo Capo ricade buona parte della Riserva Naturale dello Zingaro, che può rappresentare un'ottima opportunità per allontanarvi dal litorale più battuto e godervi, solo dopo una lunga camminata, delle calette semi-deserte e di incomparabile bellezza.

San Vito si raggiunge in auto da Palermo prendendo l' autostrada A29 uscita Castellammare del Golfo a 45 Km, SS187 per San Vito lo Capo. Per chi atterra all'aeroporto di Trapani, ci sono servizi di navetta che portano direttamente alla località turistica.

 

Eraclea Minoa (AG) – Spiagge sicilia

 

(descrizione)

 

Ci troviamo questa volta nella provincia di Agrigento, sulla costa sud della Sicilia.
Eraclea Minoa è sicuramente da annoverare tra le spiagge più belle della Sicilia per via della sua sabbia chiara e finissima che si presta perfettamente a lunge passeggiate.

La spiaggia , per di più, si trova ai piedi di una ripida e spettacolare parete di roccia bianca ricoperta di macchia mediterranea. Non distante dalla spiaggia, il sito archeologico di Eraclea ci porta indietro nei secoli fino al tempo in cui la sicilia era una colonia della cosiddetta Magna Grecia.

Eraclea Minoa dista appena 13 km dal comune di Cattolica Eraclea (del quale è l'unica frazione). E' attrezzata con chioschi, ristoranti e campeggi, ma se volete godervi una giornata nella parte più selvaggia della spiaggia, dovrete attraversare sentieri poco battuti ed è consigliabile portare cibo e bevande al sacco.

 

Scopello (TP) – Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

Torniamo in provincia di Trapani, nella Sicilia nord-occidentale e scopriamo Scopello. Il minuscolo villaggio di Scopello è arroccato su una rupe a cento metri di alztezza e offre una vista mozzafiato su tutto il Golfo di Castellammare, dal promontorio di Punta Raisi sulla destra, a San Vito lo Capo sulla sinistra.

Ai suoi piedi si trova la piccola baia di Scopello, caratterizzata da acqua di un blu profondo per via dei fondali rocciosi. Caratteristici sono gli imponenti faraglioni che emergono dalle acque nei pressi dell’antica tonnara. Non c’è sabbia qui, ma scogli.

Almeno quattro i luoghi degni di nota per fare il bagno: Cala Rossa, la Baia di Guidaloca, la Tonnara, Punta Pispisa e Cala Mazzo di Sciacca. E al termine della vostra giornata in spiaggia potete visitare il “baglio” di Scopello e assaggiare il cosiddetto “pani cunsato”: pane casareccio condito con olio locale, acciughe e pomodorini.

 

Riserva dello Zingaro (TP) – Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

Parlando delle spiagge più belle della Sicilia, avrete certamente sentito parlare delle calette della Riserva Naturale dello Zingaro, a cavallo tra i comuni di Castellammare del Golfo e di San Vito Lo Capo, nel trapanese.

La maggior parte delle sette cale che la riserva ospita, sono raggiungibili soltanto via mare tramite imbarcazioni, visto che il litorale roccioso che caratterizza la zona è molto scosceso e si presta pcoo alla discesa verso il mare.

Una passeggiata attraverso la riserva è comunque una esperienza da fare, ma occorre armarsi di scarpe adatte al trekking e portare con sé uno zaino con tutto quanto può servirvi. Ci troviamo in questo caso in un vero e proprio paradiso naturale, caratterizzato da acque cristalline e da fondali limpidi. Il mare a volte può essere agitato a causa del vento, caratteristico di questa zona.

La Riserva presenta due ingressi, uno a sud a un km circa dal borgo di Scopello e uno dal versante nord dal paese di San Vito Lo Capo ( circa 12 km).

 

Cefalù (PA) – Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

Cefalù è una delle località siciliane più visitate in assoluto. Sulla costa settentrionale dell'isola, più o meno a metà strada tra Palermo (a ovest) e Messina (a est), la cittadina è molto facile da raggioungere, ricca di strutture turistiche per tutte le tasche e decisamente interessante da visitare per le sue bellezze storiche e architettoniche. C'è dunque il giusto mix per fare di Cefalù una vera "perla".

Questo significa che, per quanto le sue spiagge meritino decisamente una visita, è conveniente non programmarla quando la città è invasa dai turisti. Meglio, dunque, godersi un bagno "fuori stagione", tanto più che (per i meno freddolosi), nuotare da queste parti è possibile già a partire dalla tarda primavera.

A ridosso del centro abitato, che merita di essere scoperto rigorosamente a piedi, c'è una frequentata spiaggia di sabbia, perfetta per chi ha bambini. A 20 minuti a piedi dal centro, invece, si trova Caldura di Cefalù, un'incantevole spiaggetta di ghiaia bagnata da un bel mare turchese, limpido e trasparente, dal quale emergono delle rocce scure da cui è possibile anche tuffarsi.

Cefalù si raggiunge facilmente in treno da Palermo o da Messi na, ma molto più rapidamente in auto percorrendo la A20 PA-ME e uscendo allo svincolo di Cefalù, appena 35 minuti di strada da Palermo. Esistono anche dei servizi di autolinee private che la raggiungono.

 

Triscina di Selinunte (TP) – Spiagge Sicilia

 

(descrizione)

 

Nella parte sud della costa occiedentale della Sicilia, ecco un'altra delle spiagge più belle dell'isola: Triscina di Selinunte. Questa località turistica si trovoa a 10 km circa dal celebre parco archeologico di Selinunte ed è molto amata da chi ama coniugare il relax della vacanza balneare con gli stimoli culturali che un territorio ricco di storia come questo può offrire.

Quante sono dopo tutto le spiagge italiane nelle quali, allontanandosi di pochi metri a nuoto dalla riva e guardando in direzione di quest'ultima, si possono ammirare i resti di un imponente tempio dorico? Il paesaggio costiero è caratterizzato da una spiaggia fine e dorata, simile a quella delle coste nordafricane, e da una fitta vegetazione che riveste le dune modellate dal vento.

Insomma: un piccolo angolo di paradiso!