/media/post/qvr7hta/sicilia_accoglienza_di_charme_baglio_della_luna_partinico.jpg

Sicilia - accoglienza di charme

Hotel di lusso per re e regine in Sicilia

Accoglienza di Charme: indirizzi di dimore da favola in Sicilia, castelli, palazzi nobiliari e bagli storici trasformati in location esclusive per soggiorni regali. Dove dormire da re e regine in Sicilia. 

(descrizione)

Terra di famiglie antiche e dinastie nobili, la Sicilia è piena di magnifiche residenze, molte delle quali oggi sono state parzialmente o interamente riconvertite in strutture di accoglienza, che offrono a chi le sceglie la possibilità di avere un assaggio della vita dell’antica nobiltà.

 

Al Palazzo Alliata di Pietratagliata di Palermo, splendido risultato di cinque secoli di storia dell’arte, gli attuali proprietari hanno trasformato il piano della biblioteca in un appartamento elegantemente arredato, munito di tutti i comfort senza però aver perso il suo fascino cinquecentesco.

 

Villa Lampedusa, fondata nel XVIII secolo, è la residenza storica dei Principi di Lampedusa e il luogo che ha ispirato al famoso scrittore della casata la colossale opera del Gattopardo: qui passava lunghi periodi il Principe Giulio Fabrizio Maria Tomasi di Lampedusa, figura su cui si basa il romanzo, e la stessa villa appare tra le pagine come “villa Salina”.

 

Oggi questa dimora storica è diventata il Villa Lampedusa Hotel & Residence, con camere e suite accoglienti di varia grandezza, arredate con mobili d'epoca e bagni in marmo, e le sue antiche sale e scuderie fanno da location per l’organizzazione di feste ed eventi. Villa Spaccaforno potrebbe essere familiare per le sue molte apparizioni in film e serie tv, compreso il Commissario Montalbano: realizzata alla fine dell’Ottocento alle porte di Modica, è ancora abitata dai Baroni Bruno Statella di Spaccaforno ma accoglie anche gli ospiti nella “Casa Gialla”, un appartamento elegantemente rifinito nella dependace in pietra immersa nel verde della tenuta.

 

Nel cuore di Modica, l’Hotel Palazzo Failla ha mantenuto intatta l’autentica atmosfera di un palazzo nobiliare siciliano: tra  maioliche, ferro battuto, ceramica decorata, volte affrescate e mobili d'epoca sembrerà di essere tornati indietro nel tempo in un’epoca di principi e principesse.

(descrizione)

Lo Charming Hotel Seven Rooms Villadorata vuole offrire ai suoi ospiti il fascino antico della Sicilia nell’ala privata di Palazzo Nicolaci: appartenuta da secoli alla Casata dei Villadorata, ora propone sette camere di lusso con nomi evocativi che si riferiscono all’antica Grecia o ai venti siciliani, e si affacciano nel bellissimo centro storico della capitale del barocco, Noto.

 

(descrizione)

Nella cornice di Scicli, l’Hotel Novecento è una residenza di charme in un palazzo nobiliare di fine ‘800, con otto camere e una suite abbellite da affreschi, modernamente arredate ma con numerosi dettagli originali dell’epoca. Sulle colline rocciose della costa di Taormina, il Belmond Grand Hotel Timeo è un edificio storico che vanta una vista spettacolare dalla sua posizione alle spalle del teatro Greco: ambienti lussuosi con arredi storici, locali esclusvi sulle terrazze vista mare, una spa e la Terrazza Letteraria in stile liberty –che ha ospitato scrittori e poeti– sono solo alcuni dei servizi che si possono trovare in questo resort letteralmente da favola.

 

Sempre a Taormina, l’Ashbee Hotel sembra quasi sospeso nel tempo, tra riferimenti storici e modernità. La costruzione che oggi ospita questo albergo di lusso è Villa San Giorgio ed è nata ai primi del Novecento da un progetto dell’architetto inglese Charles Robert Ashbee, che la elaborò su commissione del Colonnello Shaw-Hellier, innamorato dell’atmosfera di Taormina tanto da volersi trasferire: quello che la rende così singolare è proprio questa commistione unica tra l’architettura siciliana da una parte e quella più cosmopolita inglese dall’altra.

(descrizione)

In una posizione privilegiata anche il Baglio La Porta di San Vito lo Capo, un country boutique hotel in un baglio di pietra del ‘700, con un’ampia corte centrale attorno alla quale si collocano gli appartamenti della casa. Atmosfere di campagna mixate con l’eleganza moderna anche al Zash Country Boutique Hotel, un rifugio che vuole riproporre le atmosfere di cento anni fa e unirle ad un’eleganza minimalista e contemporanea: tra i tessuti bianchi delle camere e i muri di pietra viva della hall sembra di compiere un continuo viaggio nel tempo. Un’esperienza che unisce storia, natura ed eleganza è quella di dormire in un baglio, una masseria fortificata tipica della Sicilia.

 

La scelta è vastissima: il Baglio della Luna per esempio, in provincia di Palermo, è una costruzione dell’ottocento in pietra, immersa in quindici ettari di vegetazione mediterranea. Ovunque sono riscontrabili gli elementi tipici dell’architettura rurale e una chiara influenza araba, ma gli interni e le camere sono state sapientemente ristrutturate per dare ai visitatori ogni comfort moderno.

La Dimora delle Balze di Noto è una tenuta storica, acquistata e ristrutturata negli anni duemila mantenendone l’atmosfera ricca di fascino: nella casa padronale sono state ricavate stanze che conservano affreschi d’epoca risorgimentale e il giardino ospita i resti delle colonne classiche ritrovate nel terreno, ma non manca nell’arredo anche un tocco di design più contemporaneo.

(descrizione)

Nella provincia di Trapani, l’antico feudo Chiuse Abbandonate è stato trasformato nel resort a quattro stelle Baglio del Basile, che propone ambienti di fascino come la Bottaia, la cantina dove si fermentavano i vini o le antiche sale dove oggi sono stati creati bar e ristoranti, mentre il Palazzo Villadorata è il centro della Tonnara di Marzamemi ed è attrezzato per ospitalità extra-lusso nell’appartamento del Principe al piano nobile, o in due grandi suites al piano terra con accesso diretto dal cortile.

(descrizione)

Anche antichi conventi e abbazie sono state trasformate in resort esclusivi: è il caso dell’Eremo della Giubiliana, uno degli hotel di lusso più affascinanti della regione, in una fortificazione ecclesiastica del XII secolo. Oltre che nell’edificio principale, tra pareti in pietra, camini scolpiti e arredi d’antiquariato, si può soggiornare in villini e cottage d’epoca; inoltre l’Eremo mette a disposizioni servizi superlativi come la Giubiliana Experience, percorsi nelle bellezze naturali e artistiche circostanti e persino tour aerei, dato che il resort ha un aeroporto privato ad uso turistico.

(descrizione)

In provincia di Palermo invece, l’Abbazia Santa Anastasia propone un soggiorno dallo stile medievale: fondata, nel XII secolo come  abbazia benedettina immersa nella pace e nel silenzio delle montagne, oggi è divenuta un relais di charme in cui ogni camera evoca il fascino, lo stile e i colori della Sicilia.

(descrizione)

Dalla finestra è possibile godere della vista dei vigneti e degli oliveti della tenuta, e si possono vivere esperienze come degustazione enogastronomiche, visita alle cantine, percorsi a cavallo o gite in barca. Non mancano nemmeno i castelli, dimore da favola per eccellenza: il Castello San Marco è una principesca dimora barocca di fine Seicento trasformata in uno charming hotel a quattro stelle con spa, wine bar e camere dallo stile raffinato, mentre Castello Camemi risale al 1412 ed è stata la sontuosa residenza estiva dei Vicerè, che oggi ha a dispozione suite raffinate, piscina nel parco e percorsi gourmet tutti da scoprire.

 

Dimora storica del XIV secolo, il Castello di Falconara si affaccia sulla costa del sud vicino Butera, immerso in un rigoglioso parco di essenze mediterranee e con una piscina che a prima vista sembra un laghetto naturale. Si può scegliere, tra le varie opzioni, di alloggiare nella Dimora Storica, che permette di avere a disposizione ben tre piani all’interno della costruzione principale.

(descrizione)

Nella splendida cornice di Portopalo di Capopassero, è molto elegante e romantico Castello Tafuri, un magnifico maniero in pietra in stile liberty che oggi è residenza storica di charme: le undici suites si affacciano sul mare, come la terrazza panoramica che ospita il ristorante ViDi, dove lo chef Roberto Pirelli propone i suoi piatti dai sapori tradizionali ma preparati con le tecniche più moderne.