/media/post/d9f3vat/san-vito-lo-capo1.jpg

Sicilia: da Trapani a San Vito Lo Capo

Il Couscous Festival, un evento internazionale

Un itinerario per il settembre in Sicilia

Un itinerario lungo la costa nordoccidentale della Sicilia, in occasione di una delle manifestazioni gastronomiche di maggior richiamo che si svolge nel mese di settembre: il Couscous Fest di San Vito Lo Capo.

 

Il Couscous Fest di San Vito Lo Capo

San Vito Lo Capo - in provincia di Trapani -  è un grazioso borgo marinaro di case bianche, con una spiaggia lunga tre chilometri, bagnata da onde cristalline e ben servita, che è stata eletta “spiaggia più bella d’Italia” (2011 e 2012, secondo gli utenti di Tripadvisor) e ha avuto cinque vele assegnate da Legambiente.

 

(descrizione)

 

Ogni edizione del Couscous Fest (www.couscousfest.it), vede declinata questa pietanza in ogni possibile variante, con “contorno” di vari eventi, come spettacoli e laboratori del gusto.

 

Vaggiando a settembre in Sicilia

Oltre al festival, godetevi la zona visitando i dintorni: da Erice, un imprevedibile frammento di Medioevo custodito intatto, a Trapani, il capoluogo, che si estende su un promontorio falcato, con un piacevole centro storico fra i viali e gli avanzi di mura che orlano il mare.

 

(descrizione)

 

Ristrutturato in gran parte, il centro di Trapani custodisce bei palazzi sette-ottocenteschi (come Palazzo Cavarretta, Palazzo San Rocco, Palazzo Riccio di San Gioacchino, Palazzo Lucatelli), alcune chiese di pregio, fra cui spiccano la cattedrale e begli affacci sul mare che scintilla di quando in quando fra le case.

 

Settembre in Sicilia: verso sud

Continuando verso sud, si estende la Riserva Naturale delle Saline, gestita dal WWF, con i numerosi uccelli che in ogni stagione affollano le vasche per la produzione del sale (www.wwfsalineditrapani.it).

 

(descrizione)

 

Un battello porta all’isoletta di Mozia (www.fondazionewhitaker.it), sede di un insediamento punico, che offre una bella area archeologica e un buon numero di cantine che producono il celebre Marsala.

La maggior parte di esse è visitabile su prenotazione (ad esempio Florio www.cantineflorio.it e Donnafugata www.donnafugata.it) per degustare le diverse qualità del rinomato vino.

La cittadina è un gioiellino, raccolta com’è intorno alla piazza del Duomo, dominata dalla mole secentesca della chiesa. Se si è fatto tardi ed è l’ora dell’aperitivo andate al vecchio mercato del pesce: adiacente all’antica Porta di Mare, dopo il recente restauro ospita anche alcuni piacevoli locali.