/media/post/l94at8p/pompei1.jpg

Scavi di Pompei

L'antica città romana

Pompei era una ricca città romana dove la vita scorreva nel lusso fino al 24 agosto del 79 dopo Cristo. Quando il Vesuvio cristallizzò case, strade, templi, anfiteatri. E vite!

Gli scavi dell’antica città romana di Pompei è una delle mete turistiche più popolari  in Italia. Un luogo che – negli ultimi tempi – ha attirato su di sé molta attenzione a causa dei continui crolli che vi si sono verificati.

 

(descrizione)

 

Scavi di Pompei: cosa sono

Gli scavi di Pompei sono le rovine di una città romana sepolta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo. Il sito archeologico è enorme. Per una visita più o meno completa c’è bisogno di un’intera giornata.

 

L’antica città di Pompei

(descrizione)

 

È senz’altro uno dei siti archeologici più famosi al mondo. La città di Pompei era una specie di resort di lusso per l’Impero romano. Una città dal destino beffardo: fu sepolta sotto la cenere e la lava eruttate dal Vesuvio il 24 agosto del 79 dopo Cristo.

Fino a quel 24 agosto, Pompei era un fiorente porto commerciale alla foce del fiume Sarno. Una città ricca di edifici: una basilica romana, un anfiteatro,  diversi templi. E ancora: strade, giardini, posti dove mangiare e dove dormire.

 

(descrizione)

 

Probabilmente gli edifici di maggior fascino sono le case private e la vita – la vita di quotidiana -  rimasta come cristallizzata al momento della tragedia.

 

Scavi di Pompei: dove si trovano

Gli scavi di Pompei si trovano non distante dalla Costiera Amalfitana. Da Sorrento è possibile raggiungere facilmente gli scavi di Pompei con la linea ferroviaria Circumvesuviana. Ci vuole all’incirca mezzora.

Da Positano o da Amalfi, invece, il viaggio è più lungo. Bisogna prima arrivare a Sorrento con un autobus e da qui prendere la Circumvesuviana.