/media/post/z439vbb/san-daniele2.jpg

San Daniele del Friuli

Esempio di eccellenza cittadina e gastronomica

San Daniele del Friuli è una cittadina in provincia di Udine, conosciuta in tutto il mondo per la produzione di uno dei prodotti italiani più famosi, il prosciutto San Daniele.

Iniziamo con il presentarvi la biblioteca Guarneriana, importante punto di riferimento storico-culturale poiché è la più antica biblioteca friulana, oltre ad essere una delle prime istituzioni di pubblica lettura in Italia.

 

(descrizione)

 

Nella parte alta dell'abitato, la ristrutturazione in chiave barocca del Duomo ha risparmiato il Campanile del 500, mentre affreschi di straordinaria bellezza li troviamo all'interno della chiesa di S. Antonio Abate.

San Daniele del Friuli è un comune interessante non solo per il suo spiccato lato storico ma anche per un aspetto gastronomico che lo contraddistingue. San Daniele del Friuli, infatti, annovera il primato nazionale nella produzione del prosciutto che prende il nome proprio dalla città, per l'appunto il prosciutto San Daniele.

Buona carne, sale marino e soprattutto l'aria di san Daniele, poco umida e molto ventilata.

Qquesti gli ingredienti del prosciutto a denominazione di origine prottetta. Il prosciutto viene fatto salare a seguendo la famosa legge del "tanti chili tanti giorni", lasciando che sia il prosciutto stesso ad assorbire il sale necessario (quello in eccesso viene levato a mano).

 

(descrizione)

 

Finita questa fase, si passa a quella della pressatura al termine della quale, i prosciutti restano a riposo 90 giorni, per poi essere lavati in attesa della stagionatura che dura otto mesi. Il tutto finisce con la prova caratteristica dell'osso di cavallo per misurarne la fragranza.

Al prosciutto si affianca un altro prodotto che non lascia indifferenti al suo gusto unico: la trota affumicata di San Daniele, un prodotto tipico del posto, riconosciuto dal Ministero come prodotto agroalimentare tradizionale.