/media/post/5c9at77/roma_cucina_orientale-jpg.jpg

Roma, tradizioni e innovazioni culinarie

Scoprire la gastronomia di Roma

Roma, dalla cucina orientale a quella americana, i sapori del mondo nei ristoranti più internazionali di Roma, fino ad arrivare alle fraschette, le tipiche osterie caserecce. Un viaggio tra tradizione e innovazione.

Il mondo nel piatto

Nella Capitale non possono mancare ristoranti internazionali, e per chi ha voglia di provare sapori nuovi c’è l’imbarazzo della scelta. Sempre di grande tendenza è la cucina di estremo oriente, tra cui spicca il nuovo Me Geisha Luxury, ristorante giapponese di lusso a due passi da Piazza Navona, e il Green T., elegante ristorante cinese che vanta inoltre una sala da tè molto fornita e un negozio di abiti tipici.

(descrizione)

Un’idea particolare è dietro al Coffee Pot, sospeso a metà fra Giappone e Messico e unico luogo dove si può passare da tacos e burritos a fusion sushi elaborato. E a proposito di melting pot culinario, per chi non sa decidere quale cucina provare, il Lime le propone tutte, permettendo di scegliere tra della cucina asiatica, americana o mediorientale senza cambiare tavola; idea simile muove il Sapori dal Mondo, che spazia da Italia ed Europa ad Asia ad american grill.

(descrizione)

Per chi non può resistere ad un bell’hamburger Percorsi è la tappa perfetta: potrete godervi ottima carne italiana ed internazionale abbinata ad uno specifico cocktail creato su misura. Per concludere i nostri consigli tre chicche: la Cantina Tirolese, dedicato alla cucina austriaca con più di 70 piatti tradizionali, il Sahara, cibo di tradizione eritrea che si può mangiare con le mani come da usanza africana, e la particolare Taverna del Ghetto, ristorante Kosher nello storico quartiere ebraico che propone il meglio della cucina giudaico-romanesca.

Le fraschette

Se a Roma dici “Castelli Romani”, il pensiero vola automaticamente alle fraschette. Cosa sono? Delle classiche osterie molto caserecce, dove si possono gustare piatti tipici, salumi, ottimo vino della zona e soprattutto l’immancabile porchetta.

(descrizione)

Ma le fraschette non sono solo questo: soprattutto racchiudono in loro dei pezzi di storia della città e l’essenza della romanità goliardica e popolare. Non ci andate, insomma, per una serata elegante o raffinata: sono perfette per serate con gli amici in bermuda e maglietta.

La quantità di fraschette in tutta la zona dei Castelli è tale da rendere impossibile un elenco esauriente (ma può aiutarvi il sito fraschette.com), ma tra gli indirizzi da non lasciarsi sfuggire segnaliamo Dal Brigante Gasperone ad Ariccia (il centro nevralgico delle fraschette), cibo abbondante e ambiente goliardico, in cui si intonano i più famosi stornelli romani, Le Fratte Ignoranti di Castelgandolfo, che oltre a cibo di alto livello vanta una spettacolare vista sul lago, o ancora ad Ariccia La Selvotta, una fraschetta all’aperto con file di tavoli rustici immersi nel verde di una bosco di castagni centenari.