/media/post/74lslbz/rieti_sabina_soggiornare_lazio.jpg

Rieti e la Sabina: soggiornare nel Lazio

Tutti i soggiorni da favola nei dintorni di Rieti

Soggiorni rilassanti dove lo sguardo si perde all’orizzonte, buon cibo e antichi sapori, shopping locale e laboratori artigianali. La Sabina è anche questo. Tutti i soggiorni da favola nei dintorni di Rieti.

 

(descrizione)

 

Ampi spazi verdi e luoghi incontaminati. La Sabina offre soggiorni meravigliosi e unici, all’insegna della natura e del buon cibo. Quasi tutto gravita intorno a Rieti. A Colli sul Velino, al Relais Villa D’Assio lo sguardo si perde per chilometri. Qui si cerca di sviluppare un turismo responsabile e sostenibile attraverso il rispetto delle tre E: ecologia, equità ed economia. Nella Valle Santa di Poggio Bustone, una pianura solcata dal fiume velino e da monti e colline, sorge il B&B Chez Angelina, San Francesco Suite, un ambiente familiare ma ricercato allo stesso tempo. Da qui parte il Cammino di San Francesco, un percorso molto amato dai pellegrini, la cui parte centrale si snoda nella Valle di Spoleto.

 

Nella stessa cornice di Poggio Bustone si trova La Locanda Francescana, un ostello di lusso per famiglie completo di tutti i comfort, ristorante e servizio massaggi.

 

Vicino Poggio Bustone, a Rivodutri, i fratelli Maurizio e Sandro Serva portano avanti il loro ristorante di pesce, La Trota, che hanno scelto di far nascere proprio nella Riserva dei laghi. Accanto alla cucina c’è Alimentària, il loro negozio online dove poter acquistare direttamente i prodotti della Sabina.

 

Anche a Castelnuovo di Farfa si soggiorna immersi nella natura. L’azienda agricola biologica Sulla Collina, nella località Pantane, propone le sue specialità preparate con prodotti assolutamente locali e a km zero ed è possibile anche fare splendide passeggiate a cavallo.

 

E per chi ama restare in aperta campagna, l’agriturismo Il Gelso Nero propone cucina
tipica della Sabina
 in un paesaggio
ricco di siti di
interesse storico e
naturalistico.

 

Nella
 stessa zona si può
 anche visitare il
 Museo dell’Olio
che ha sede a Palazzo Perelli, recentemente ristrutturato, dove si può acquistare l’olio locale. Produttore di olio è anche l’Agriturismo Le Murene a Montopoli di Sabina, che è anche ristorante, azienda agricola e fattoria didattica. Tra le specialità della casa ci sono frascarelli alla sabinese, pecorino mielato con pere, maialino porcettato rucola e pachino.

 

Spostandosi verso l’Abbazia di Farfa, è d’obbligo una sosta a La Badiola, ristorante caratteristico a conduzione familiare dove la cortesia è di casa. E ancora una tappa da fare è lo Studio d’Artista Ceramiche, dove si esercita ancora il lavoro come un tempo; il Centro Missionario Brigidino di Farfa, che racchiude un po’ tutto l’artigianato locale; il Laboratorio Artigiano Tessile della famiglia Scipioni che da più di 70 anni, da generazione in generazione, porta avanti questa attività; la Monastica Officina, l’erboristeria dell’Abbazia di Farfa. E infine, dopo aver visitato il presepe di Greccio, vi consigliamo di passare dal laboratorio di Veronica Caffarelli dove Europa, America Latina e Asia si fondono dando vita a gioielli unici e originali.