/media/post/8dcv4rt/reggio-emilia.jpg

Reggio Emilia - guida

Le piazze, le strade porticate e gli spazi contemporanei di Reggio Emilia: la città del Tricolore

Reggio Emilia è una piccola perla, una città a misura d’uomo dalla forma esagonale, racchiusa nella zona a traffico limitato del centro storico, dove i veicoli a motore sono banditi e la vita ferve sotto ai porticati e nelle piazze.

Difficile stabilire quale tra le tante piazze di Reggio Emilia sia la più bella e la più importante ma per visitarla si può partire da:

 

Piazza della Vittoria

Piazza della Vittoria è stata recentemente restaurata è la più grande della città. Insieme all’adiacente Piazza Martiri del 7 Luglio forma uno spazio di scambio cittadino sul quale si affacciano alcuni dei più importanti edifici, monumenti e musei della città di Reggio Emilia:

  • Il Teatro Municipale Valli.
  • Il Teatro Ariosto.
  • Il Palazzo dei Musei.
  • Il Monumento alla Resistenza dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale.
  • La Galleria Parmeggiani: all’interno di un palazzo dalle bizzarre forme gotico-rinascimentali su corso Cairoli, che raccoglie la collezione d’arte di Luigi Parmeggiani con dipinti ottocenteschi, mobili, tessuti e armi.

 

(descrizione)

 

Museo del Tricolore

All’interno del Palazzo del Comune, il Congresso delle città dell’Emilia diede vita il 7 gennaio
1797, alla Repubblica Cispadana che durò fino al 1799 quando Napoleone fu sconfitto dagli austro-russi.

La Repubblica scelse come bandiera il tricolore che divenne poi la futura bandiera d’Italia. Il palazzo è sovrastato dalla “torre del bordello” che ospita il Museo del Tricolore, dove sono conservati i documenti sulla storia della bandiera.

 

(descrizione)


Al primo piano, la sezione Bandiera Tricolore documenta la storia della bandiera nazionale e la storia delle vicende politiche di Reggio Emilia.

Al secondo piano, nella sezione Italia Tricolore sono esposti materiali e cimeli che vanno dalla Restaurazione al completamento dell’Unità Nazionale fino al 1897, anno delle celebrazioni del primo centenario del Tricolore.

 

(descrizione)

 

Il percorso si compie nella settecentesca Sala del Tricolore, dove i delegati delle città di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia decretarono e proclamarono la nascita del vessillo verde, bianco e rosso quale emblema della Repubblica Cispadana.

 

Piazza Prampolini

Piazza Prampolini è la piazza principale di Reggio Emilia, anche chiamata “piazza grande”. Qui si trovano importanti palazzi storici tra cui:

  • Il Battistero.
  • Il Palazzo Vescovile.
  • La Cattedrale, con all’interno la famosa tela de “L’Assunzione di Maria Vergine con San Pietro in cattedra e San Girolamo” del Guercino.
  • Il Palazzo dei Canonici.
  • Il fronte principale del Palazzo del Monte di Pietà.
  • Il Palazzo del Comune: dove si trova l’importante Sala del Tricolore.

 

Piazza San Prospero

(descrizione)

 

Piazza San Prospero è nota anche come Piàsa Céca, cioè “piazza piccola”, dove si trova l’omonima Basilica dedicata al patrono della città e caratterizzata dalla imponente torre campanaria a pianta ottagonale e dalla facciata realizzata a metà Settecento su disegno di Giovanni Battista Cattani.

All’interno si trovano gli affreschi del presbiterio di Camillo Procaccini e importanti tele di artisti reggiani del Cinquecento e Seicento.

 

Basilica della Beata Vergine della Ghiara

La Basilica della Beata Vergine della Ghiara si trova vicino alla piazza centrale. La sua costruzione è legata al miracolo avvenuto il 29 aprile 1596 quando il giovane Marchino, sordomuto dalla nascita, ottenne miracolosamente parola ed udito mentre pregava davanti a un’immagine della Madonna dipinta dal Bertone.

All’interno uno straordinario ciclo di affreschi e pale d’altare eseguiti dai migliori artisti del ’600 emiliano: Ludovico Carracci, Gianfrancesco Barbieri (il Guercino), Lionello Spada, Alessandro Tiarini, Carlo Bonomi e Luca Ferrari.

Dove dormire

Di seguito passeremo in rassegna i migliori hotel e le migliori strutture ricettive più in generale, adatte ad essere un luogo privileggiato per iniziare a scoprire la città:

 

Hotel Posta

(descrizione)

 

All’interno dell’antico Palazzo del Capitano del Popolo, tra Piazza del Monte e Piazza del Duomo, al fianco della Via Emilia, si trova l’Hotel Posta, uno dei più antichi d’Italia che vanta cinquecentotre anni di attività alberghiera.

Un hotel che appartiene alla storia di Reggio Emilia: nasce infatti la prima locanda nel 1515 e da allora per continuità non ha mai chiuso. È della stessa famiglia dal 4 gennaio 1919 che proprio il mese scorso ha festeggiato i cento anni di storia.

La colazione vi accoglie in un’affascinante sala liberty con un’ampia scelta di prodotti locali provenienti dall’azienda agrituristica di proprietà, sulle colline reggiane.

Si parte da 90 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Piazza del Monte, 2, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 432944
  • sito web: www.hotelposta.re.it
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Albergo delle Notarie

(descrizione)

 

A cinquanta metri da Piazza del Duomo, si trova l’Albergo delle Notarie, recentemente ristrutturato conservando le caratteristiche architettoniche di pregio storico e artistico del periodo medievale.

Offre camere e appartamenti abbelliti con originali pezzi d’antiquariato, dotate di moderni comfort e
servizi tecnologici.

Si parte da 110 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Via Palazzolo, 5, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 453500
  • sito web: www.albergonotarie.it
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Borgo Cadonega Relais & Spa

(descrizione)

 

Per chi cerca una dimensione di tranquillità il Borgo Cadonega Relais & Spa è stato realizzato all’interno di una delle più antiche e significative dimore patrizie della collina reggiana.

Il palazzo di Cadonega fu infatti per secoli la residenza della nobile famiglia degli Spadoni, imparentati con il Cardinale Toschi che, nel Conclave del 1605, sfumò per poco l’elezione a Papa.

Le ampie camere che affacciano sul borgo o sulle colline circostanti sono personalizzate con opere originali di Alinari, Joan Mirò, Valerio Adami ed arredate coniugando insieme mobili di antiquariato e di design moderno.

 

(descrizione)

 

La Spa è collegata al palazzo padronale da un suggestivo percorso sotterraneo. Un’oasi di relax, abbracciata dalla natura circostante, ideale come punto di partenza per visitare le vicine città d’arte.

Si parte da 150 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Via Cadonega, 7, 42030 Viano RE
  • telefono: 0522 988318
  • sito web: www.cadonega.it
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Dove mangiare

Negli ultimi due anni nel centro storico e nell'immediata periferia, sono nati numerosi locali nuovi di tendenza, con ambienti e menù contemporanei, molti dei quali con un ndirizzo totalmente vegan. Nuove caffetterie e bistrot che si affiancano alle storiche trattorie reggiane.

 

Caffè Arti e Mestieri

(descrizione)

 

All’interno di uno storico palazzo nel centro storico della città, luogo che è stato in passato sede di un teatro dialettale e poi culla della tradizione gastronomica reggiana, si trova il Caffè Arti e Mestieri gestito dallo Chef Gianni D’Amato e famiglia.

Nella bella stagione si gode di un incantevole e suggestivo giardino e viene proposta la cucina emiliana rivisitata.

Si parte da 40 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Via Emilia A S. Pietro, 14, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 432202
  • orari: Aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Chiuso il lunedì
  • sito web: giannidamato.it
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Casa delle Sementi

(descrizione)

 

In Piazza Casotti, piazzetta gioiello alle spalle di Piazza Duomo, si incontra Casa delle Sementi, una caffetteria-brasserie arredata con mobili vintage e di recupero restaurati e acquistabili, così da permettere un rinnovo continuo dell’ambiente.

C’è poi un corner dedicato completamente ai fiori e alle piante con pochi elementi selezionati presentati dentro a meravigliose scatole indonesiane decorate a mano o in vasi di ceramica handmade.

Tutto in questo locale si basa sul concetto di recupero: dei sapori veri, del mobilio, delle bottiglie di vetro trasformate in bicchieri.

Si parte da 30 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Via Arcipretura, 4/A, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 375 549 9669
  • orari: Aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Chiuso il lunedì
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Marta in Cucina

(descrizione)

 

Il ristorante Marta in Cucina propone i “Percorsi” pensati da Marta Scalabrini e Ivan Giglio per consentire ai propri ospiti di gustare in modo coerente la loro filosofia di cucina, composta da un menù che rispetta le stagioni e le materie prime esplorando le bontà d’Emilia con piglio gustoso.

Il Menu della tradizione consiste in sei portate che traggono spunto da ingredienti e usi della regione. Il pesce è il protagonista nel menu "Se avessi potuto vivere al Mare".

Si parte da 50 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Vicolo del Folletto, 1, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 435755
  • sito web: www.martaincucina.it
  • orari: Aperto tutti i giorni a pranzo e cena. Chiuso il lunedì
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

The Craftsman Jazz Club

(descrizione)

 

Ha aperto da un anno a Palazzo del Carbone The Craftsman Jazz Club, un contenitore di iniziative che coniuga la cucina alla musica negli spazi di una vecchia casa di carbone dove tutti gli elementi del precedente allestimento sono stati mantenuti intatti, dalle fessure alle pareti originali.

Lo Chef Mattia Trabetti propone una cucina non convenzionale con un menu che cambia regolarmente.

Si parte da 70 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Via del Carbone, 3, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 439442
  • sito web: www.thecraftsman.it
  • orari: Aperto tutti i giorni a cena. Chiuso il martedì
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

La Piccola Piedigrotta

(descrizione)

 

Per chi ha voglia di pizza, Giovanni Mandara con la sua pizzeria La Piccola Piedigrotta è un’istituzione nella città. Giò, come tutti qui lo chiamano, coniuga la tradizione culinaria da cui proviene con le prelibatezze della Food Valley.

Per le farine si affida ai mulini locali e la mozzarella ottenuta con il latte del Consorzio delle Vacche Rosse è uno dei suoi ingredienti principali.

Si parte da 30 euro a notte per una camera doppia.

 

info:

  • indirizzo: Piazza XXV Aprile, 1, 42121 Reggio Emilia RE
  • telefono: 0522 434922
  • sito web: www.piccolapiedigrotta.com
  • orari: Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena. Chiuso il lunedì
  • come arrivare: clicca qui per arrivare dalla tua posizione

 

Dove comprare

Passeggiando per le vie del centro storico di Reggio Emilia si può scoprire in via della Croce
Bianca il laboratorio di scarpe di Antonia Micheletti, una piccola bottega dove c’è il banco da lavoro, i modelli delle scarpe esposti e gli utensili che utilizza.

 

(descrizione)

 

Qui prendono vita pezzi unici, disegnati, modellati e cuciti da Antonia che realizza scarpe su misura, lavorate con metodi tradizionali, ma con un’attenzione al design più attuale. Dopo aver scelto tra i pellami più pregiati, insieme al cliente sceglie il modello, il tacco, e le rifiniture.
Prima con un disegno e poi con una scarpa di prova.

Fiera di poter custodire un “saper fare” tutto italiano, è tra i soci fondatori di Mestieri d’arte, un’associazione di artigiani e restauratori del centro storico di Reggio Emilia che tutela le attività e il ruolo dell’artigiano nella società contemporanea.

 

(descrizione)

 

In via due Gobbi si incontra l’atelier di Laura Cadelo Bertrand, la jewel designer che realizza minuziose sculture-gioiello principalmente utilizzando materiali da riflesso come l’alluminio, il rame e l’ottone, attirata dalla luce di questi metalli.

Gioielli dinamici e leggiadri che fanno percepire il suo passato di danzatrice, mimo e pittrice. Vere e proprie opere d’arte da indossare, sospese, saldate o appese.

Nell’antico Palazzo dei Canonici del XV secolo è nata nel 1962 l’Antica Salumeria Pancaldi che vende specialità di carne nazionale di produzione propria come il prosciutto di Parma e culatello, oltre a un favoloso Parmigiano Reggiano della zona collinare reggiana del quale la famiglia Pancaldi è produttrice e grossista.

 

(descrizione)

 

Per chi vuole acquistare i tipici cappelletti, La Casalinga è l’indirizzo giusto. In questo laboratorio producono e vendono tutti i tipi di pasta fresca della tradizione emiliana.

Presso lo spaccio aziendale del Consorzio Vacche Rosse si può invece acquistare il Parmigiano Reggiano ottenuto dal latte delle Vacche Rosse di Razza Reggiana che possiede delle caratteristiche qualitative che lo differenziano dal Parmigiano Reggiano tradizionale. È di stagionatura lunga e con un’aroma intenso.

 

(descrizione)

 

Oltre al parmigiano vendono il burro, lo stracchino, e la ricotta derivanti dal latte delle Vacche Rosse.