/media/post/vr5ctu5/praga-notte.jpg

Praga, la magica

Una città romantica e affascinante, ricca di storia e cultura, tutta da visitare e vivere

Se volessimo adoperare degli aggettivi per descrivere Praga, la capitale ceca, dovremmo adoperare tutte quelle parole che hanno a che fare col “magico”: incantata, ammaliante, seducente, altezzosa, imperscrutabile.

Raggiungere Praga non è difficile, basta uno dei tanti voli low cost che da più parti della Penisola portano alla città di Kafka in poche ore.

Coglierla, invece, proprio come lo scrittore boemo, è cosa ben più difficile. Perché che la città di Praga sia “bellissima” è innegabile, evidente, tangibile. Passeggiare per il Ponte di San Carlo dà la sensazione di essersi tuffati improvvisamente in piena età barocca, se non fosse per i turisti dai vestiti moderni si avrebbe la netta sensazione di essere finiti improvvisamente nel secolo scorso e se si prosegue per Praga vecchia, la sensazione si rafforza e diventa piena quando si passeggia per il caratteristico “quartiere piccolo”, Malà Strana, che per scherzo della linguistica ha in sé questa connotazione che ad un parlante romanzo suona come “particolare”. 

 

(descrizione)

 

Di notte la vista del castello illuminato toglie il fiato, ma prima di mettere mano all'immancabile macchina fotografica – a proposito di modernità, alla camera digitale – l'occhio pretende qualche secondo di godimento. Merita la visita, ma prendetevi tempo: la fortezza è uno dei baluardi più grandi d'Europa ed ha a sua volta in sé una delle cattedrali più maestose del Vecchio Mondo (larga sessanta metri e alta più trenta!).

E sempre per restare in tema di magia ed esoterismo, qui si distende il Vicolo d'Oro, dove alchimisti di ogni angolo di mondo, religione e cultura spesero ingegno, fatica, arte e sudore alal corte di re Rodolfo II per la ricerca dell'oro dal vil metallo. 

 

(descrizione)

 

A chi ha amato e ama Kafka, Praga svela con i suoi panorami e le sue vedute i criptici motivi delle sue tematiche oniriche e fantastiche. È una fascinazione che il turista sente discendere su di sé, quando si passeggia, specialmente di notte, fra i vicoli di una Praga mai dormiente e che eppure conserva il suo fascino aristocratico anche quando, specialmente il fine settimana, torme di giovani allegri ridono o schiamazzano per i suoi vicoli.

Non ci si sente a disagio, il clima goliardico non dispiace e chi deve mantenere l'ordine c'è e non è troppo accondiscendente con chi è in spirito di esagerare. A una vita notturna che offre divertimenti di molte nature si affiancano tuttavia scorci, vicoli e angoli illuminati da luci delicate che rendono il centro di Praga una grande, immensa cartolina nella quale passeggiare, una sensazione che non abbandona nemmeno molti giorni dopo il ritorno a casa.

 

(descrizione)

 

In mancanza di voli diretti per Praga – la città attira turisti in tutti i periodi dell'anno – da non dimenticare la vicina Brno: anche un volo con la Ryanair è comodo, prezzi solitamente low cost e vicinanza con la città (meno di 200 km). Da non sottovolatare, poi, la possibilità di allargare gli orizzonti del viaggio.

Leggi anche: - Praga, cosa vedere - I locali notturni di Praga