/media/post/az4747g/sinagoga_pinkas_2-650x4871.jpg

Praga cosa vedere: il ghetto ebraico

Il ghetto ebraico, tra i piu antichi e ricchi di fascino d'Europa

Una delle cose da vedere a Praga è il quartiere ebraico con il memoriale dedicato alla Shoah e il cimitero. Il ghetto di Praga è tra i più antichi d’Europa

La città – città magica, come vuole la tradizione – è una delle più belle d’Europa.

Torri gotiche, campanili chiese e cupole barocche. Tetti spioventi e stradine. L’ansa di un fiume. E quel ponte punteggiato di statue sui due lati. E una collina che domina la città di Praga. E in cima a quella collina un castello.

L’intera geografia di Praga disegna una città da fiaba. Ma c’è un posto a Praga che più di ogni altro risente il peso della storia e il carico delle storie più dolorose: è il ghetto.

(descrizione)

 

Il quartiere ebraico

Praga nella storia ebraica è chiamata città madre d’Israele. Infatti, la comunità ebraica di Praga è una delle più antiche d’Europa. Qui esisteva un quartiere ebraico molto prima che a Venezia venisse coniato il termine ghetto.

 

Il ghetto di Praga e le deportazioni

(descrizione)

 

Il ghetto di Praga sopravvisse all’occupazione nazista, caso unico in Europa, perché proprio qui Hitler progettava di istituire il suo “Museo esotico di una razza estinta”.

Dopo l’occupazione di Praga, il 15 marzo del 1939, gli ebrei furono soggetti a una serie crescente di restrizioni. Furono banditi dalla maggior parte delle professioni, soggetti al coprifuoco e costretti a portare la stella di David sul petto (come in molte altre città europee).

Le deportazioni iniziarono nel novembre del 1941. Dei 55.000 ebrei che vivevano a Praga all’inizio della guerra, più di 36.000 morirono nei campi di sterminio; tra i sopravvissuti, molti emigrarono in Israele o negli Stati Uniti.

 

La sinagoga e il memoriale

(descrizione)

 

Nel quartiere ebraico di Praga c’è un posto dedicato alla Shoah. È il memoriale ricavato dalla Sinagoga Pinkas nel 1958. Date precise e nomi: un modo per contrastare l’oblio e l’annullamento.

 

Il cimitero ebraico

(descrizione)

 

Per tutto il tempo in cui esistette il ghetto, il cimitero ebraico era l’unico luogo consentito per la sepoltura. Poi, nel 1787 le stesse norme igieniche che andavano diffondendosi in tutta Europa, come un’eredità del secolo dei lumi, decisero che le sepolture dovevano effettuarsi fuori dalle mura cittadine.

Il cimitero ebraico oggi è uno dei posti più visitati della città (ed è anche uno dei cimiteri monumentali più curiosi del mondo). Un luogo suggestivo e decadente, con le lapidi disposte l’una sull’altra.

 

La Sinagoga Vecchia-Nuova

(descrizione)

 

La Sinagoga Vecchia-Nuova è la più antica sinagoga d’Europa. Ancora oggi è il centro religioso per gli ebrei di Praga. È anche una delle prima costruzioni gotiche europee: risale al Tredicesimo secolo.

 

Il ghetto di Praga: cosa vedere. La Sinagoga Spagnola

(descrizione)

 

La Sinagoga Spagnola fu costruita nel Diciannovesimo secolo e ricorda un po’ l’Alhambra di Granada.