/media/post/a5sgv3t/porto-venere.jpg

Porto Venere

Il mare e le grotte

Le case colorate che si affacciano sul porto sono tra i paesaggi marini più belli d'Italia e forse del mondo.

Arrivando dal Mar Tirreno, l'Isola di Palmaria e il Golfo della Spezia creano un'insenatura naturale che protegge Porto Venere e che le conferisce quel fascino che l'ha resa una delle mete preferite dai turisti.

Un punto perfetto per godere degli splendidi panorami della riviera spezzina è la Grotta Byron, dedicata al famoso poeta inglese. Da qui si può imboccare il carruggio, una strada stretta e tortuosa che attraversa la parte alta di Porto Venere, dove si incontrano le tipiche trattorie della cittadina.

Su un'altura rocciosa che domina il borgo marinaro si trova una delle più maestose architetture militari della Repubblica di Genova, il Castello Doria.

Un altro importante sito turistico che dall'alto domina le onde di Porto Venere è la chiesa di San Pietro: posta in una suggestiva posizione, fu eretta tra il 1256 e il 1277 in segno di ringraziamento per la vittoria sui Pisani.

Di fronte a Porto Venere si trovano tre isole, disposte in ordine di grandezza, dalla più grande alla più piccola: Palmaria, Tino e Tinetto.

Palmaria, che ha collegamenti giornalieri in estate, è un'isola ideale per gli amanti della natura e per i nuotatori. Sul lato occidentale, quello più difficilmente raggiungibile si trovano la Grotta Azzurra, visitabile in barca, e la Grotta dei Colombi, che si può raggiungere solo calandosi con delle corde.

Per tutti gli escursionisti, segnaliamo un sentiero dal quale è possibile ammirare i 10 chilometri di costa selvaggia che separano Porto Venere e Riomaggiore, due dei borghi delle Cinque Terre. Da questo sentiero si può ammirare il susseguirsi di paesaggi sempre diversi: terrazze coltivate a vigna o ulivo, pinete o fitti castagneti, e lunghi splendidi tratti affacciati a picco sul mare.