/media/post/7s3drue/palmanova_1.jpg

Palmanova, perfetta geometria di guerra

Palmanova è una città nata per far battaglia. E per difendersi dagli attacchi esterni.

È il simbolo di ogni teoria architettonica che riguarda la guerra  Palmanova, in Friuli Venezia Giulia, è una cittadina che non è nata sotto l’ombra di un campanile (come succede per ogni borgo d’Italia. Palmanova, al contrario, è nata… sotto l’ombra di un cannone. Basta vederla dall’alto: con quella sua forma squadrata. Il perimetro di Palmanova è geometria pura. Una geometria che diventa guerra.

Il video di Palmanova

Napoleone a Palmanova

Fu Napoleone a far costruire torri e torrette a Palmanova per renderla città fortificata esemplare.

Attorno a Palmanova - che già era nata come manufatto militare - vennero scavati sotterranei, innalzate mura. Diventando così la città della guerra. Dove nemmeno alla Chiesa era permesso “alzar la testa” oltre le mura: nessun campanile infatti doveva superare lo skyline di Palmanova.

La piazza di Palmanova

(la piazza di palmanova)

Una volta varcate le mura, il posto più bello della cittadina è senz’altro la piazza di Palmanova.

Una piazza enorme, quasi a occupare l’intera area della stessa Palmanova. Una piazza dalla geometria rigorosa: come l’intera cittadina. Di un rigore quasi eccessivo. Che secondo alcuni cela qualche imponderabile mistero.

Vedi gli altri borghi più belli d'Italia: