/media/post/d3a3c7q/Meteora_Greece_3-650x4871.jpg

Meteore, Grecia. I monasteri sulle stalagmiti

Monasteri sospesi nell'aria

Un gruppo di monasteri in Grecia che sembrano sospesi nell’aria: le Meteore.  Abitate da pochissimi monaci, queste abbazie godono di una posizione spettacolare. Ma sono quasi inaccessibili Meteore in greco significa  “monasteri nell’aria”.

E questo nome – meteore -   rende perfettamente l’idea di cosa sia questo complesso di grandiose costruzioni (tutelate dall’Unesco). Le Meteore si trovano all’estremità occidentale della pianura della Tessalia (nella Grecia centro-settentrionale): là dove inizia la catena montuosa del Pindo.

 

Meteore, Grecia:  cosa sono

Le Meteore sono in sostanza ventiquattro pinnacoli, in cima ai quali seicento anni fa  alcuni monaci di Bisanzio fondarono una comunità monastica. Desideravano trovare un angolo lontano da quell’invasione islamica che sembrava volesse travolgere tutto l’Occidente, e ci riuscirono in questo angolo sperduto della Grecia.

 

(descrizione)

 

Meteore, Grecia: la storia

Ciascun monastero del gruppo delle Meteore si erge su una roccia gigantesca, modellata dal tempo. Un luogo di solitudine e di silenzio nella Grecia lontana dal mare. Le Meteore sembrano quasi delle enormi stalagmiti che toccano il cielo.

I primi eremiti delle Meteore vi si fermarono già nel nono secolo a.C. scegliendo le grotte come rifugio di preghiera.  Solo più tardi furono costruiti i veri monasteri. Tra il 1356 e il 1372 fu portata a termine la Grande Meteora, che divenne il centro della comunità: una sorta di guida, da cui venivano emanate le regole più severe. Nei due secoli seguenti si aggiunsero altre ventitré abbazie, in pratica inaccessibili.

L’unico mezzo per raggiungerle era un montacarichi a corda attraverso il quale persone e cose venivano issate da valle. Non esistevano scale o sentieri, costruiti solo negli ultimi decenni per permettere l’accesso ai turisti.

 

(descrizione)

 

Meteore, Grecia: oggi

Oggi però solo cinque delle ventiquattro Meteore sono abitate: la Grande Meteora, Varala e Agias Tria da monaci, Agios Stephanos e Roussano da monache. Ne rimangono in piedi e visitabili solamente un quarto del numero originario.

 

Meteore, Grecia: come arrivare

Per raggiungere le Meteore bisogna partire da Igoumenitza e percorrere duecentoquaranta chilometri di strada tortuosa e tutta in saliscendi, che attraversa di continuo boschi lussureggianti.

Una curiosità: nel piccolo paese vicino, Kastrakis, i forni vendono un pane “sacro”: che reca impresso i simboli di Cristo. Lo stesso pane venduto cinquecento anni fa.