/media/post/9z4eglz/8118-riad_marrakech1s-622x431.jpg

Marrakech Riad

l'ospitalità fatta ad arte

Di riad a Marrakech ce ne sono molti. Ma cosa sono i riad? "Riad" viene dall'arabo "riyad", che è il plurale di rawda, significa "giardini". Si riferisce a una casa o a un palazzo tradizionale marocchino, con un giardino interno. Oggi poi, molti riad si sono dotati anche di hamman.

Secondo alcuni, questo modello architettonico prese origine dalla città romana di Volubilis durante la dinastia Idriside (tra l'VIII e il X secolo d.C.): il design di queste corti interne nelle regioni costiere del Marocco fu probabilmente un adattamento del modello della villa romana (leggi la Guida di Marrakech). Secondo altri, è possibile che, quando gli Almoravidi conquistarono la Spagna nell'XI secolo, abbiano mandato artigiani musulmani, cristiani ed ebrei dalla Spagna in Marocco: questi artigiani portarono con sé l'idea di ordinare le stanze di una casa intorno a un cortile centrale di forma quadrangolare (in Spagna, il patio), che ad ogni modo derivava sempre dal modello della villa romana.

In tutti i casi, questa struttura del riad, "orientata verso l'interno", permetteva la privacy della famiglia e anche di proteggersi dal clima torrido. Sono diversi i riad che si possono ammirare negli itinerari di Marrakech. Di recente, la maggior parte dei riad più belli di Marrakech ed Essaouira è stata recuperata con un attento lavoro di restauro, come per i giardini di Majorelle, e molti sono stati trasformati in hotel di lusso o ristoranti alla moda.