/media/post/czv5p7h/marocco-citta-blu-Chefchaouen.jpg

Marocco: la città blu di Chefchaouen

In Marocco alla scoperta della città blu di Chefchaouen

Una delle città più belle del Nord-Africa è sicuramente la città blu in Marocco conosciuta come Chefchaouen. Difficile da raggiungere, ma assolutamente tutta da scoprire è un piccolo paradiso ancora nascosto al turismo di massa.

La città blu di Chefchaouen è una città Marocchina che si raggiunge solo dopo un viaggio di circa 4/5 ore partendo dalla città più vicina con dei servizi adeguati per farlo e cioè Fez. Da quì, infatti, potete raggiungere Chefchaouen affittando una macchina o viaggiando su di un pullman.

Il viaggio è lungo e difficoltoso, ma quando vi avvicinerete alla città blu rimarrete meravigliati dallo spettacolo e dall'incanto che saprà suscitarvi. Il blu è il colore dominante, porte, finestre, mura, edifici, pali, tutto insomma è dipinto di blu, celeste, turchese, acqua marina e tutte le altre gradazioni di blu che conosciamo.

Girando tra le vie sembra quasi di dovere scorgere da un momento all'altro o dietro qualsiasi angolo il mare, e invece, vi trovate nell'entroterra marocchino. È proprio questo susseguirsi di emozioni e sensazioni contrastanti che rende la città blu di Chefchaouen in Marocco, una città unica nel suo genere.

Marocco città blu: le origini della "perla blu" del Marocco

Era il 1400 circa quando un gruppo di esuli andalusi decise di trasferirsi in questo territorio e fondare Chefchaouen quella che in seguito sarebbe diventata e conosciuta come la città blu del Marocco.

(marocco città blu: piazza blu con costruzione araba)

L'influenza dell'Andalusia è forte e si sente in ogni angolo, basta pensare a come la città appare, visto lo stretto dedalo di vie che sembrano essere nate quasi per caso e che, rispecchiano profondamente lo stile andaluso.

A questa si unisce una forte influenza Ebrea, Mussulmana tipica delle regioni nord africane, e in maniere minore ma comunque importante anche Berbera. Un "meltin pot" di culture e tradizioni che hanno influenzato moltissimo lo sviluppo di Chefchaouen rendendola a ragion veduta "la perla blu" del Marocco

Marocco città blu: passeggiando tra le vie

Nel vostro tour in Marocco, e precisamente nella città blu di Chefchaouen, a stupirvi maggiormente, come già detto, sarà il blu che domina in tutti gli spazi della città, ma anche le persone sapranno meravigliarvi, così come il clima e la pacatezza che si respira tra queste vie vi rapiranno completamente.

(marocco città blu: immagini di un uomo con lo djellaba)

Non sarà difficile trovare persone accoglienti e scostanti allo stesso tempo. Le donne non amano che i turisti le immmortalino in foto mentre svolgono la loro quotidianeità, cosi come gli uomini spesso si nascondono dietro il loro abito tipico lo DJellaba.

Un identita cosi forte e radicata che la sera, passeggiare in abiti occidentali mentre gli uomini del posto fumano o si rilassano nei bar e nei locali della loro cittadina a volte potrebbe farvi sentire un pò fuori luogo.

Marocco città blu: una città ancora da scoprire

Chefchaouen la città blu in Marocco, è una meta turistica appena sbocciata. Fino agli anni '50 infatti era proibita per motivi religiosi e solo i fedeli potevano accedervi, inoltre la sua posizione e le molteplici difficoltà che s'incontrano per raggiungerla, sono una barriera per tutti coloro che vogliono passare un week end visitando questa meraviglia.

(marocco città blu: la foto di una turista)

Per questi motivi in Marocco la città blu ancora non è diventata una meta presa d'assalto dai turisti e tutti coloro che amano passeggiare in tutta calma e tranquillità godendo delle bellezza e delle caratteristiche di questa città possono ancora farlo.

Fotografare angoli tipici, perdersi nelle botteghe artigianali, provare le tipicità gastronomiche, semplicemente osservare e godersi il sole tra queste splendide mura blu, sono tutte attività che ancora si riescono a fare. Ma se avete intenzione di andare a visitarla, affrettatevi perchè sempre più turisti si stanno accorgendo della sua esistenza e sempre di più sono i viaggiatori che vogliono avere una foto tra le porte e le finestre di Chefchaouen.

Marocco città blu: come arrivare

Per arrivare a Chefchaouen la città blu in Marocco abbiamo già detto che spesso è molto difficoltoso. Alcuni proprio per questo motivo, tendono ad unire la visita a questa città insieme a quella delle altre città imperiali e quindi la raggiungono con un bus o con la macchina, presa in affitto e dopo 4/5 ore di viaggio, percorrendo strade impervie e non al massimo della sicurezza.

Un modo sicuramente più semplice e più utile, per visitare la città senza farsi prendere dalla frenesia di tour organizzati "mordi e fuggi", è quello di arrivare a Tangeri e di lì con un driver (se ne trovano parecchi e con facilità), farsi portare nella città blu. Potete anche accordarvi già per farvi venire a riprendere dopo un paio di giorni. 

Un week end a Chefchaouen è ll tempo giusto per godersela ed ammirare anche i particolari più interessanti e affascinanti.

(marocco città blu: la vista dall'alto di Chefchaouen)

Marocco città blu: dove dormire

Essendo Chefchaouen in generale, una "perla" ancora del tutto da scoprire, non essendo, quindi, presa d'assalto da orde di turisti, le strutture ricettive non sono ancora così sviluppate, ma non abbiate paura potete alloggiare in uno dei ryad in centro e, godere dell'ospitalità e delle usanze tipiche del posto ancora non contaminate dal turismo di massa.

Non c'è niente di più coinvolgente!

Marocco città blu: cosa vedere e fare

In Marocco nella città blu di Chefchaouen ci sono poche cosa che dovete vedere e fare ma tutte vi lasceranno senza fiato.

La Medina è sicuramente il centro della città vecchia dove si svolge la vita sociale e culturale degli abitanti. È molto piccola e compatta e il suo cuore è costituito da Plaza Una el-Hammam con la Kasbah e la Moschea.

La piazza è interamente circondata da locali e negozzi di artigianato, dove potrete rilassarvi bevendo e assaporando dell'ottimo caffè, scoprire i migliori scorci da fotografare e soprattutto perdervi tra i negozzi e le botteghe artigianali che producono borse, vestiti e soprattutto adorabili profumi, saponi e olii (su tutti l'olio d'argan)

(Marocco città blu: vista delle botteghe in una via di Chefchaouen)

Marocco città blu: perche blu?

Le legende intorno al colore utilizzato per le mura della città di Chefchaouen sono molteplici e con sicurezza non si sa quale di queste è reale.

Alcuni pensano che il colore blu sia quello scelto dagli Ebrei del posto. Questi, infatti, per ricordare le sofferenze che hanno dovuto subire nella loro storia, hanno voluto dipingere la città con il colore che più richiamasse al paradiso e al cielo: il blu, appunto.

C'è anche una versione più pratica e meno trascendentale se vogliamo. Infatti il blu è un ottimo repellente naturale per le fastidiose zanzare che disturbano gli abitanti: Dipigendo di blu gli edifici, le porte, le finestre e tutto il resto, sono riusciti ad allontanare questi fastidiosi insetti

Quale delle due motivazioni è reale a noi interessa il giusto. Quello che ci interessa veramente è continuare a poter sognare tra le mura di questa città.

potrebbe interessarti anche