/media/post/8e8944v/qual e la capitale di Malta.jpg

Malta Capitale

Qual è la capitale di Malta?

"Ideale, bella come cristallo, realizzazione perfetta": Valletta è così secondo l'urbanista tedesco Hanno Walter Kruft, una Capitale misteriosa e affascinante, nelle sue salite ripide, nelle discese tutte gradini, nei vicoli e nei palazzi mossi dalle gallarija, le piccole verande da cui le dame potevano osservare la strada senza esporsi.


Partendo dalle sue fondamenta storiche, la capitale di Malta venne fatta costruire a seguito dell'assedio dei turchi del 1565, per iniziativa del Gran Maestro Jean de la Vallette.

Francesco Laparelli firmò il disegno architettonico della fortezza, su un enorme reticolato di fossati sotterranei e un fitto intreccio di vie: è il nucleo centrale di quello che diverrà il nuovo baluardo del Cristianesimo nel Mediterraneo.

A testimonianza di quel passato glorioso rimangono i Palazzi, gli Auberge dei Cavalieri, la Co-Cattedrale di San Giovanni, ma anche i templi più modesti, prove raffinate della capacità di Malta di rompere il suo isolamento insulare, inserendosi a pieno nelle grandi correnti dell'arte italiana ed europea, dal barocco alle influenze manieriste.

In soli 3 chilometri di estensione il Belt, come i locali chiamano il centro urbano, racchiude capolavori come:

Capitale Malta: Co-Cattedrale di San Giovanni

La Co-Cattedrale di San Giovanni, che è l'espressione più alta dell'arte di Girolamo Cassar: all'essenzialità della facciata in stile rinascimentale fa da contrappunto la decorazione interna di Mattia Preti, commissionata dai Fratelli Cotoner, Gran Maestri dell'Ordine dal 1613 al 1699. Gli affreschi della navata realizzati in olio su pietra rappresentano, in diciotto episodi, la vita di Giovanni Battista a cui è dedicata l'intera chiesa conventuale.

Il suggerimento è di non limitarsi ad attraversare la cattedrale a testa in su, varcare la soglia della chiesa significa, infatti, camminare sulla storia, calcare un pavimento che custodisce le sepolture dei Cavalieri sotto quattrocento pietre tombali in marmi policromi.

Il fulcro dell'intero complesso resta l'oratorio, dove vengono custoditi La Decollazione di San Giovanni Battista e il San Gerolamo, dipinti nel 1608 da Caravaggio. Otto le cappelle laterali, ciascuna dedicata alle nazioni di appartenenza dei membri della Confraternita.

Capitale Malta: Mediterranean Conference Centre

Il Mediterranean Conference Centre. I luoghi della storia talvolta subiscono metamorfosi imprevedibili: il Mediterranean Conference Centre, vicinissimo al forte Sant'Elmo (fortezza che domina l'ingresso ai due porti principali di Valletta), oggi ospita conferenze, meeting, e mostre proprio dove un tempo dava soccorso a pazienti di ogni razza e credo religioso.

L'odierno Centro Congressi più grande dell'Arcipelago venne, infatti, costruito nel 1574 come Sacra Infermeria, voluta dal Gran Maestro Jean de la Cassiere, Cavaliere dell'Ordine Ospedaliero.

In passato l'edificio si strutturava intorno alla Sala Grande, lunga 116 metri e larga 11, dove potevano essere curati ben 600 infermi, mentre ai giorni nostri l'attrezzatissimo palazzo accoglie 2400 persone per manifestazioni e conferenze.

Un soggiorno a Malta non può che iniziare da qui, dalla Malta Experience, spettacolo multimediale proiettato tutti giorni per ripercorrere gli episodi salienti di 7000 anni di storia locale.

Capitale Malta: Museo Nazionale delle Belle Arti

Il Museo Nazionale delle Belle Arti, galleria che occupa uno dei più bei palazzi costruiti in città dopo che l'Ordine lo elesse residenza principale nel 1571.

Il magnifico impianto barocco che lo contraddistingue trionfa nello scalone d'accesso.

Qui sono esposte le opere di Mattia Preti, Cassarono, Favray e Schranz, mentre i sotterranei sono consacrati al tesoro dei Cavalieri.

Capitale Malta: Il Museo Nazionale di Archeologia 

Il Museo Nazionale di Archeologia: già Auberge di Provenza, le sale del museo raccolgono una splendida collezione di reperti archeologici come la statuetta in terracotta della Donna Dormiente, proveniente dall'Ipogeo di Hal Saflieni, la Venere di Malta dal tempio di Hagar Qim, e la Fat Lady trovata a Tarxien.

Capitale Malta: Palazzo del Gran Maestro 

Il Palazzo del Gran Maestro. Affacciato su Palace Square, "il Palazz" è un edificio simmetrico, massiccio, sobrio, costruito intorno al suggestivo cortile di Nettuno.

Il progetto porta la firma di Girolamo Cassar che iniziò i lavori nel 1571 per richiesta di Pietro del Monte, da allora la reggia ha rappresentato la sede del potere: dei Gran Maestri prima, in seguito dei governatori britannici e, oggi, del Parlamento Maltese.

Oltre alle grandi sale di rappresentanza come la Supreme Council Chamber, l'Ambassador Room, la Pages' Waiting Room e la State Dancing Room, tutte ornate di splendidi fregi e soffitti in legno, la Reggia conta una fornitissima Armeria in una collezione di ben 6000 pezzi del XVI-XVII secolo provenienti da tutta Europa, tra cui spicca l'armatura del Gran Maestro Alof de Wignacourt, pesante ben 50 chili.

Capitale Malta: Il Teatro Manoel

Il Teatro Manoel. Venne costruito per le messe in scene di corte sotto il regno del Gran Maestro Manoel de Vilhena nel 1731, oggi resta uno dei teatri più antichi di Europa.