/media/post/ltqav4s/71-madonna_campiglio_neve1s-622x431.jpg

Madonna di Campiglio. Da convento di frati a moderna ski area

Madonna di Campiglio: la storia fin dalle origini

Madonna di Campiglio nacque, secoli fa, ai piedi dell’Adamello, nel cuore delle Dolomiti del Brenta, in Trentino.

Correva l’anno 1188, quando un monaco di nome Raimondo creò un rifugio. Si trattava di un piccolo convento in cui i frati si prendessero cura dei viandanti, minacciati dal freddo dagli orsi e dai lupi che erano allora i soli abitanti dell’attuale Madonna di Campiglio.

Passa qualche secolo, e nel 1868, quel piccolo rifugio – prima abitazione di Madonna di Campiglio - si trasformò in vera e propria località turistica.

Questo successe quando Giambattista Righi – che di mestiere faceva l’imprenditore - acquistò i terreni dell’attuale Madonna di Campiglio, per 40.000 fiorini.

Quattro anni dopo trasformò il Monastero di Santa Maria di Campiglio nel primo albergo della zona e lo chiamò Stabilimento Alpino. Poi, ne seguirono tanti altri.

Franz Joseph Osterreicher, figlio dell’Imperatore Francesco Giuseppe, continuò l’opera iniziata da Giambattista Righi. Acquistò nuove terre e fondò la società che gestiva le funivie. La famiglia reale degli Asburgo si innamorò – “perdutamente” - di Madonna di Campiglio, e la volle come corte reale viennese del trentino.

Sciare a Madonna di Campiglio

Situata a 1522 metri sul livello dl mare, Madonna di Campiglio rappresenta una delle migliori porte d’accesso alle Dolomiti di Brenta.

Tra le montagne che si tingono di rosa, attorno a Madonna di Campiglio, i divertimenti sono assicurati, sia in estate che in inverno.

Le piste sono tante e per tutti gli stili. Il panorama, l’efficienza delle strutture ricettive ed una neve garantita in qualunque stagione e condizione climatica, fanno di Madonna di Campiglio una delle mete sciistiche più ambite al mondo.

I numeri di Madonna di Campiglio

Del resto la ski area di Madonna di Campiglio vanta numeri non indifferenti: 57 impianti di risalita. 150 km di piste. Con una capacità di 31mila persone all’ora. E ancora: 50mila metri quadrati di snowpark, e 40 km per lo sci nordico.

Madonna di Campiglio: non solo ski

Ma non si va a Madonna di Campiglio solo per sciare. O non si dovrebbe.

Basta fare qualche chilometro in più, spostarsi sulle montagne vicine, nelle malghe, ed ecco che c'è un'altra "magia".

Quella del formaggio. È infatti possibile assistere alla produzione artigianale del formaggio in molte delle malghe che si trovano vicino Madonna di Campiglio.