/media/post/t37p5g3/5718-marcopolo-lucca-cosa-vedere-622x471.jpg

Lucca - Cosa vedere

Il gioiellino storico della Toscana

Come Firenze o Siena, Lucca, città di nascita di Puccini, possiede un corposo retroscena storico che va dal periodo romano fino ai giorni nostri, passando per il Rinascimento.

Storia che può essere scoperta visitando uno dei tanti musei di Lucca o anche passeggiando per l'antico borgo medievale, anche noto come la "città delle cento chiese" per il suo abbondante numero di chiese.

Lucca - Le mura di Lucca

Il borgo di Lucca è racchiuso da un’imponente cinta muraria risalente al 1504, mura interrotte solo dagli 11 baluardi per le cannoniere.

Le mura hanno sei porte d’ingresso: Porta San Pietro, Porta Santa Maria e Porta San Donato Nuova, le tre porte originarie a cui si sono poi aggiunte le più recenti Porta Vecchia San Donato, Porta Elisa e Porta Vittorio Emanuele.

Passeggiando per il viale alberato delle mura è possibile godere di ottimi scorci su Lucca.

Lucca - La Torre delle Ore

La Torre delle Ore di Lucca, sita in via Fillungo, è la torre più alta di Lucca.

La Torre delle Ore nacque dall’idea del Consiglio di Lucca di mettere un orologio su quella che era un tempo al Torre dei Quartigiani (o Torre dei Diversi).

Durante il corso degli anni l’orologio è stato ammoderanto: quello visibile oggi è il modello montato nel 1754.

Fatti i 207 gradini della scala di legno della Torre delle Ore, è possibile vedere il paesaggio della piana lucchese oltre al meccanismo a carica manuale dell'orologio.

Lucca - Musei

Museo della Cattedrale 

Piazza Antelminelli (Informazioni: tel. 0583 490530). È il museo del duomo che custodisce arredi sacri e opere d’arte pittoriche e scultoree disposte secondo un ordine cronologico ben preciso.

Tra le opere, il museo espone diversi dipinti di Frediani e argenterie di Marti.

Museo Nazionale di Villa Guinigi

Via della Quarquonia (Informazioni: tel. 0583 496033). Il museo espone raccolte di opere d’arte che comprendono quasi esclusivamente opere prodotte per Lucca o per i signori lucchesi, per la maggior parte dipinti e sculture, ma non mancano anche reperti archeologici.

Museo Nazionale di Palazzo Mansi 

Via Galli Tassi 43 (Informazioni: tel. 0583 55570). Il Palazzo di Mansi è pinacoteca e secondo museo nazionale (dopo quello di Villa Guinigi) di Lucca.

Il museo espone principalmente affreschi del Seicento e del Settecento.

Museo del Risorgimento 

Cortile degli Svizzeri 6 (Informazioni: tel. 0583 91636). Il Museo espone reperti e cimeli dell’epoca garibaldina e dell’epoca della seconda Guerra Mondiale.

Interessanti tra questi le collezioni di armi e di giubbe garibaldine, oltre alla bandiera tricolore che fu issata durante le 5 giornate di Milano.

Museo Nazionale del Fumetto e dell’Immagine 

Piazza San Romano 4 (Informazioni: tel. 0583 56326). Il museo, terzo in Europa nel suo genere, espone tavole di alta qualità e utilizza moderne tecnologie per permettere ai visitatori di scoprire il vivace mondo del fumetto.

Lucca - Colonna della Madonna dello Stellario

La Colonna della Madonna dello Stellario è una colonna di tipo corinzio sul cui basamento è rappresentata una veduta secentesca di Lucca.

Sulla sommità della colonna, la statua della Madonna, opera di Lazzoni, troneggia in tutto il suo gusto barocco.

Lucca - Orto Botanico

L’orto, tra i più antichi d’Italia, accoglie, tra serre e un laghetto, numerose specie vegetali, come arbusti esotici e il famoso Cedro del Libano, della circonferenza superiore ai 6 metri.

Anesso all’Orto Botanico vi è il Museo Naturale “Cesare Bicchi” che ha in esposizione diversi erbari d’epoca e altri documenti del settore.

Lucca - Casa natale di Giacomo Puccini

La casa dove nacque Giacomo Puccini nel 1858 comprende un museo che conserva diversi oggetti appartenuti al noto musicista, come il pianoforte, i bozzetti, le opere, i costumi, le lettere e le fotografie.

Lucca - Mostra permanente Il “Genio di Leonardo”

Alla Mostra permanente Il “Genio di Leonardo” è possibile osservare diversi modelli di macchine edili, da guerra e per il volo riprodotte dai disegni dei “codici” di Leonardo Da Vinci.

Molte delle macchine sono interattive e possono essere manvarate.