/media/post/f93lhd8/londra-bric-lane.jpg

Londra - East End - Quartieri

Da sempre uno dei quartieri più poveri e marginali di Londra

Tradizionalmente l'East End di Londra era una dei quartieri più poveri di Londra, quasi parzialmente distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Questo quartiere fa parte della Londra nascosta, quella meno visitata, anche se non meno attraente per scoprire la vera anima di questa città. L'East End è la casa dei "cockney", la classe proletarie di Londra, che ha anche un suo particolare dialetto.

Da non perdere gli itinerari a Londra, per scoprire tutto quello che c'è da visitare in città (leggi anche la guida di Londra).

(descrizione)

 

Qui si trovano molti bar alla moda, discoteche, ristoranti, boutique e negozi vintage. Gran parte della vita alla moda si trova intorno a Hoxton Square e nei dintorni, tra Shoreditch, ricco di gallerie d'arte e Brick Lane, famoso per l'arte di strada, la moda e i suoi ottimi ristoranti etnici.

L'East End è sicuramente la parte di città che negli ultimi trent'anni ha subito maggiori trasformazioni soprattutto nella sua zona a nord.

 

Come arrivare

Ci si arriva con la metropolitana scendendo alla stazione di Liverpool. Questo posto gode di fama di quartiere alternativo: tradizione che affonda le radici nel passato.

Appena fuori le mura costituiva un rifugio per tutti coloro che non volevano vivere sotto la giurisdizione della City o non vi erano benvenuti. Tra i primi a stabilirvisi, gli ugonotti francesi, sostituiti ormai dalla comunità bengalese.

L'East End si estende a est dalle mura della città di Londra, e comprende Stepney, Bow, Poplar, West Ham, Canning Town e altri distretti.

Oggi, qui, i locali trendy si moltiplicano.

I ristoranti