/media/post/qgldv8a/levanzo_marettimo_preview.jpg

Le isole Egadi - Levanzo e Marettimo

Riservate, selvagge e circondate da acque blu: Levanzo e Marettimo sono paradisi di tranquillità.

 

Visitare Levanzo Marettimo, nelle isole Egadi, è aver voglia di guardare il mare e fare un tuffo nel blu nelle splendide acque limpide.

 

Levanzo, appena 6 chilometri di superficie priva di strade, e Marettimo, lontana e selvaggia con i suoi monti verdi: le due isole più piccole e lontane delle Egadi sono delle vere e proprie oasi che emergono dalle onde, il luogo perfetto per una vacanza appartata e pacifica, lontana dalla frenesia della vita quotidiana.

 

(descrizione)

 

Con i suoi 300 abitanti, quasi tutti concentrati intorno all’approdo di Cala Dogana, e la sua unica strada sterrata, Levanzo è l’isola perfetta per sperimentare i rilassati ritmi di un tempo. Protagonista assoluto è il mare, così trasparente che le barche sembrano sospese.

 

(descrizione)

 

Nella parte sud-est dell’isola si nascondono due delle cale più belle, raggiungibili sia via terra che via mare: Cala Fredda, una spiaggia di sassi con qualche chiazza di sabbia e acque dalla tinta turchese, e Cala Minnola, selvaggia insenatura circondata da una pineta, con uno spazio attrezzato per i picnic.

 

(descrizione)

 

Per gli amanti dell’archeologia subacquea, i suoi fondali sono imperdibili: verso i 30 metri di profondità si trovano anfore e vasellame risalenti al I sec. a.C. e persino i resti di un relitto romano, testimonianza viva della battaglia combattuta in queste acque tra romani e cartaginesi. Anche la zona nord è ricca di tesori naturali, tra cui Cala Calcara e Cala Tramontana, piene di grotte e comode per esplorare i fondali anche solo con maschera e boccaglio.

 

Due esperienze da non perdere se si soggiorna a Levanzo sono inoltre il tramonto sulla spiaggia del Faraglione, l’isolotto che si tinge di rosso e arancione, e una visita alla Grotta del Genovese, una cavità naturale con le pareti piene di incisioni e dipinti risalenti ad almeno diecimila anni fa.

 

(descrizione)

 

L’ospitalità rispecchia l’anima dell’isola: semplice, rilassata, rispettosa della riservatezza. Così i residence La Plaza e Lisola mettono a disposizione piccoli appartamenti dove respirare l’atmosfera di Levanzo da veri e propri abitanti, senza che manchino però servizi e comfort.

 

L’Hotel dei Fenici è una piccola pensione in stile mediterraneo dotata di camere con vista e di un buon ristorante di cucina tipica; ottima per assaporare i sapori di una volta è la trattoria dell’Albergo Paradiso, menù a base del pescato del giorno per le ricette più tradizionali.

 

(descrizione)

 

Caratteristico anche Romano, locale affacciato sull’acqua turchese del porto che è sia ristorante-pizzeria che ottimo bar, dove gustare dei ricchi aperitivi. 

 

(descrizione)

 

Nonostante l’isola sia molto piccola non mancano botteghe dove comprare souvenir, in particolare cappelli e borse realizzate in paglia, ma il consiglio è di acquistare soprattutto prodotti tipici: per lo scopo è perfetta la Panetteria Olimpia, dove trovare il meglio dello shopping gastronomico e dove assaggiare il cabbuccio alla levanzara, un tipico panino di pasta lievitata ripieno di pomodoro e tonno.

 

La natura è invece padrona quasi assoluta di Marettimo, la più lontana e selvaggia isola delle Egadi: grazie alla presenza di sorgenti la vegetazione è rigogliosa e annovera più di cinquecento specie vegetali, alcune delle quali rarissime o addirittura scomparse altrove; ricchissime anche la fauna marina e quella dell’entroterra.

 

(descrizione)

 

L’isola è il paradiso degli amanti del trekking: i sentieri sono tantissimi, e percorrono alcuni degli scorci più belli, tra calette e panorami mozzafiato. Tra questi, il percorso che porta a Punta Troia, promontorio dalla vista spettacolare con un fortino medievale trasformato in castello, o il vecchio Faro di Punta Libeccio, che al tramonto si illumina di rosso. Di grande fascino, per chi ama le escursioni più impegnative, è l’arrampicata fino alla cima di Monte Falcone, che dai suoi quasi 700 metri permette un panorama unico sulle altre isole dell’arcipelago.

 

Il mare poi di certo non delude: la costa è piena di piccole baie e insenature nascoste dove si aprono più di 400 grotte, alcune raggiungibili a piedi e altre via mare chiedendo un passaggio ai pescatori. Splendide sono Cala Bianca, su cui si affaccia la Grotta delle Sirene, e Cala Cretazzo dove l’acqua sembra impalpabile, e tra le grotte da non perdere quella del Tuono, dove ascoltare ad occhi chiusi il parlare costante del mare, e quella del Cammello, molto raccomandata anche per le immersioni.

 

(descrizione)

 

Nel piccolo borgo non mancano le strutture per pernottare, ma bisogna dimenticare grandi resort di lusso o hotel a cinque stelle: qui si vive con gli isolani la loro vita, nelle loro case. 

 

(descrizione)


I più esigenti possono però rivolgersi al Marettimo Residence, forse il più ricercato del posto grazie al complesso di camere in tipico stile isolano, immerse in un grande giardino con piscina idromassaggio.

 

(descrizione)

 

Per il resto, la soluzione migliore sono gli appartamenti, come quelli che propone l’Isola del Miele, azienda che produce anche prodotti tipici come il famoso miele di Marettimo, realizzato tramite una specie protetta di api e arricchito dai sapori delle piante del posto, o quelli de Il Corallo, decorati a tema marino fra nasse, reti di pescatori e stelle marine. Non mancano anche i bed & breakfast come Le Terrazze, Le Anfore o I Delfini, soluzioni ideali per vivere in pieno lo spirito del posto a un prezzo conveniente. 

 

A tavola il mare è il protagonista assoluto: al Veliero e al Carrubo si può assaggiare una delle specialità di Marettimo, la pasta all’aragosta, mentre Il Pirata, trattoria con una ventina di tavoli installati sulla spiaggia, ha tra i suoi piatti forti saporite zuppe e il famoso couscous di pesce. Il re dei dessert è invece La Scaletta, ristorante a conduzione familiare che propone dolci della casa come torta con mele, uva passa e pinoli, oppure la specialità per il dopo caffè, delle zollette di zucchero immerse in alcol puro con aroma di cannella e limone.

 

C’è anche spazio per qualche locale per finire la serata tra chiacchiere e relax: il Cafè Tramontana, dove sorseggiare un drink davanti ad un bel panorama, e il pub Il Carrubo, tra Punta Troia e il mare, tipico per l’utilizzo degli aromi di cui l’isola è particolarmente ricca, il timo, il rosmarino, il finocchietto selvatico.

 

Trovate qui tutti gli indirizzi e i numeri di telefono utili per domire e mangiare a Levanzo e Marettimo