/media/post/3vspcud/3329-lavoro-new-york-622x466.jpg

Lavoro a New York

Quali sono i settori migliori su cui puntare?

Avere un lavoro a New York significa in qualche modo contribuire a una delle più grandi economie urbane del mondo. Per chi vuol mollare tutto e andarsene, l’idea di lavorare a New York è senz’altro piuttosto affascinante.

Perché New York è – in qualche modo – il centro del mondo. Una persona su dieci a New York lavora nel settore privato, spesso alle dipendenze di una società straniera. E le aziende internazionali attraggono forza di lavoro anch’essa internazionale.

Circa il 50 per cento di tutti i lavoratori dipendenti di New York sono nati all’estero. Per i molti lavoratori stranieri, lavorare nella Grande Mela ha un elemento di indubbio glamour.

Ecco, qui di seguito una veloce panoramica dei settori in cui potreste cercare lavoro a New York. (vedi la nostra guida: New York in 7 giorni)

 

Lavoro a New York. In quali settori?

Lavoro a New York. Il settore finanziario

 

(descrizione)

 

Nonostante i tempi, il settore finanziario continua ad essere uno dei settori che più offrono lavoro a New York. Basti pensare che all’incirca il 35 per cento di tutti i redditi da lavoro nella Grande Mela sono dovuti a quel che gira attorno a Wall Street.

E’ un ambito in cui la sola vera concorrenza arriva da due città: Londra e Tokyo. Ma si può ben dire che Manhattan è davvero l’ombelico del mondo finanziario: è qui che hanno sede gran parte delle banche newyorkesi.

 

Lavoro a New York. Altri settori

 

(descrizione)

 

Non sorprende di certo che uno dei settori che più danno lavoro a New York sia il turismo. Milioni di persone visitano ogni anno la Grande Mela. E – data la crisi economica globale – l’amministrazione della città negli ultimi anni si è impegnata a puntare molto sul turismo.

Oltre al turismo, un altro settore da prendere in considerazione per chi voglia cercare un lavoro a New York è il mercato immobiliare. La Grande Mela vanta alcuni degli immobili più costosi al mondo. Comprare casa a Manhattan è il sogno di molti.

 

Lavoro a New York. L’industria creativa

 

(descrizione)

 

New York potrebbe essere chiamata la capitale dei media del mondo Occidentale, considerando il gran numero di persone che vi lavora. L’industria editoriale, la musica, la televisione, la pubblicità mettono assieme un esercito di 300mila persone. Ma anche design, architettura e moda forniscono molti posti di lavoro. Da approfittarne per chi cerca un lavoro creativo a New York.

 

Lavoro a New York. L’industria verde

 

(descrizione)

 

Industria verde o green economy. E’ un settore di lavoro relativamente nuovo. Negli ultimi anni New York ha attirato molte aziende che lavorano in ambito bio-scientifico. Si tratta, oltretutto, di una fetta di mercato su cui sono puntati gli occhi delle istituzioni. Il governo di New York ha presentato varie iniziative a sostegno della green economy.

 

Lavoro a New York. Suggerimenti utili

 

(descrizione)

 

Indipendentemente dal lavoro che si aspiri a svolgere, ci sono delle formalità da rispettare in tutti gli Stati Uniti, quindi anche a New York. Bisogna infatti chiedere – ed ottenere – un visto H1B che viene erogato un paio di volte all’anno a un certo numero di persone che però abbiano alle spalle un’azienda che faccia da garanzia finanziaria, ma anche – per così dire – “morale”.

L’azienda dovrà infatti presentare delle motivazioni per spiegare il perché preferisca assumere voi, piuttosto che un cittadino americano, Se non riuscite ad ottenere il visto H1B esiste una seconda strada per poter lavorare a New York: vincere alla lotteria della Green Card.

In realtà ne esisterebbe anche una terza… ma vedete voi: sposare un americano/a.

 

Se avete necessità di affittare un appartamento a New York,qui trovate alcuni consigli utili.

Per capire quanto costa vivere a New York,qui trovate una serie di esempi sui prezzi di beni e servizi nella Grande Mela