/media/post/s4g8ldr/albero_natale_storia.jpg

La storia dell'Albero di Natale

Come nasce l'Albero di Natale? Come cambiano nei secoli le decorazioni dell'albero di Natele? La vera storia del simbolo più amato del Natale: l'Albero

Qual è la storia del simbolo più amato da grandi e piccini a Natale? Da semplice decorazione posta sulle porte ai primi del settecento, all'attuale evoluzione ultra moderna dell'Abero di Natale. Ripercoriamo la storia, l'evoluzione e il significato l'Albero di Natale.

La Storia dell'Albero di Natale

 

Tra il XVII e XVIII secolo gli alberi decorati con fiori, noci e biscotti venivano appesi sulle porte o in un angolo della casa. Secondo la tradizione austriaca gli aghi di pino ospitavano di spiriti buoni e preservavano da ogni forma di male.

Nella prima metà del 1800 l'albero di Natale acquista la postura tradizionale e i rami inferiori vengono sacrificati per lasciare spazio ai regali e ai presepi. Le decorazioni erano dolci fatti in casa a forma di cuore, stella o luna.

Nella seconda metà del secolo, la prosperità della rivoluzione industriale influenza anche gli addobbi e così ecco comparire ornamenti di vetri, angeli, dolci o caramelle avvolti in carta dorata o colorata.

A cavallo del 1900 si impongono nuove forme e colori, la figura d'insieme dell'albero assume le tinte dell'oro, dell'argento e del bianco delle candele e ai piedi dell'albero oggetti di legno in miniatura.

 

(descrizione)

 

Tra gli anni venti e sessanta gli alberi di Natale sono caratterizzati da ornamenti colorati: da palle e da pupazzi che richiamano i giocattoli sempre più variopinti.

Negli alberi contemporanei la fantasia regna sovrana, come domostrano quelli allestiti nelle piazze principali delle città e nelle case di tutti noi.