/media/post/l3u789c/isole_grecia_cinema_mamma_mia_film.jpg

La Grecia e le sue isole nel cinema

Tre pellicole ambientate in Grecia

La Grecia e le sue isole hanno fatto da sfondo a film che sono diventati dei cult, e sono stati in grado di creare dei veri e propri flussi di “turismo cinematografico”.

 

Zorba il greco (1964). Il leggendario personaggio portato sullo schermo da Anthony Quinn evoca un mondo fatto di amicizia, lealtà e incrollabile ottimismo. La pellicola è diventata leggendaria: ha dato vita alla danza del sirtaki e fatto conoscere le meraviglie di Creta, in particolare Apokoronas, la penisola di Akrotiri e la spiaggia di Stravos.

 

Mediterraneo (1991). Uno dei più famosi e premio Oscar nel 1992 come miglior film straniero. Merito della regia di Gabriele Salvatores che racconta di un gruppo di soldati italiani dimenticati su un’isola greca per tre anni, a partire dal 1941. Ma la riuscita del film sta nella scelta del set: Kastellorizo, con le sue atmosfere rarefatte da ultima frontiera del mondo, perfette per far si che i protagonisti si “ perdano” ritrovando poi la loro vera identità.

 

Mamma Mia! (2008). Ispirato dalle canzoni degli svedesi ABBA, è la tranquilla isola di Skopelos a fare da set, diventando così una delle mete più richieste. Terra di viti e uliveti, di spiagge rocciose e case colorate, ha la sua più celebre attrazione nella cappella di Agios Ioannis, pittorescamente aggrappata a uno scoglio alto quasi 100 metri e oggi meta prediletta degli sposini che vogliono emulare il film. Anche Skiathos venne utilizzata per girare alcune scene, in particolare il suo vecchio porto e la spiaggia di Koukounariès.