/media/post/psftu7c/kos_isola_colorata_dodecaneso.jpg

Kos, solare, gioiosa e colorata

Kos, l'isola del Dodecaneso ricca di storia

Tra le isole del Dodecaneso, Kos è la più solare, gioiosa e colorata: un’isola ricca di storia, paesaggi e vita notturna in grado di accontentare tutti. Ecco le bellezze e i punti di forza di Kos.

 

Nonostante venga presa d’assalto dai turisti nel periodo estivo, Kos ha saputo conservare tutta la sua autenticità e il suo spirito mediterraneo. La città di Kos è il capoluogo dell’isola: è vivace e animata da un lungomare dove si susseguono bar, ristoranti e taverne come Agkyra, dove affacciati sull’acqua si mangiano ricette greche e soprattutto pesce fresco.

 

Il fiore all’occhiello di questa città è la sua storia millenaria, che ha lasciato evidenti tracce: passeggiando per il centro storico s’incontrano rovine d’epoca greca, romana e bizantina e uno splendido castello medievale. Da non perdere l’antica agorà, i templi di Ercole e Dioniso e, sulla piazza principale Plateia Platanou, l’Albero di Ippocrate, dove si dice il celebre medico dell’antichità tenesse le sue lezioni. Le vie del paese pullulano di botteghe dove acquistare manufatti locali: l’arte più tipica è la lavorazione dell’ossidiana, soprattutto sculture e gioielli, mentre le boutique sono concentrate lungo Pasonikolari.

 

(descrizione)

 

La cittadina è una base ideale anche per dormire: da Aqua Blu, per esempio, si è coccolati in un ambiente molto contemporaneo, dove i servizi a cinque stelle si uniscono all’atmosfera di un boutique hotel affacciato sul mare. L’albergo è vicino al centro, che di notte si anima di movida: chi cerca un locale dove bere un drink e ascoltare musica fino a tardi deve andare lungo le strade di Diakon e Nafklirou, mentre le feste in spiaggia più belle sono al Paradise beach bar, sull’omonimo lido, uno dei più belli e suggestivi dell’isola nei pressi di Kefalos, e il Mylos beach bar, vicino al capoluogo.

 

(descrizione)

 

Molto carina anche Kardamaina, ex villaggio di pescatori oggi interamente votato all’industria turistica e perfetto per chi cerca la vita notturna, mentre a nord sono molto amate  Marmari e Mastichari. Il patrimonio più grande dell’isola sono le sue spiagge: segnaliamo Lambi, vicina al centro del capoluogo, un chilometro di spiaggia bagnata da acqua cristallina, Camel beach, dalla sabbia fine racchiusa tra due scogliere che la rendono perfetta per le immersioni, Agios Theologos, amata dai surfisti per i venti che vi soffiano. Da non perdere Agios Mamas, caletta remota raggiungibile solo a piedi, e Therma, che offre l’esperienza di una vera spa a cielo aperto grazie alle sue acque termali.

 

Kos inoltre è ricca di storia e folklore: la prima si può ammirare a Asklepieion, antico sito dedicato al dio della guarigione e scuola di medicina, per il secondo andare a Zia: il villaggio dell’entroterra immerso tra ulivi, viti e fichi, offre un panorama stupendo e la sera si accende di taverne che organizzano balli e concerti di musica tradizionale.