/media/post/fg34q98/latina-copertina1.jpg

Latina, la seconda città più popolosa del Lazio dopo Roma

Latina e il suo mare, cosa vedere, cosa fare e dove mangiare a Latina

Proprio al centro dell'agropontino sorge una delle città più giovani d'Italia: Latina. Fondata durante il ventennio fascista con il nome di Littoria, è solo nel 1945 che viene ufficialmente riconsociuta con il nome attuale.

Preceduta soltanto da Roma, Latina è la seconda città laziale con i suoi quasi 127.000 abitanti circa, anche grazie al suo territorio molto esteso che comprende numerosi borghi e comuni dalla bellezza e dalla storia importante, nati e sviluppatisi in seguito alle bonifiche dei territori paludosi tipici di queste zone.

La città è relativamente giovane visto che venne costruita nel silenzio nazionale ma nel clamore internazionale a partire dal 1930 circa. Molti furono i migranti veneti, emiliani, friuliani e romagnoli che s'insediarono e divennero i nuovi coloni di una terra che conobbe un boom economico arrivato immediatamente dopo la seconda guerra mondiale (una guerra che vide Latina luogo di importanti eventi come lo Sbarco di Anzio e la Battaglia di Cisterna) che trasformo il borgo rurale di allora nella città industriale di oggi.

La città di Latina oggi vive di agricoltura specializzata e di terziario ma ha all'interno del suo comune borghi e cittadine che vengono presi d'assalto dai turisti per la loro vicinanza al mare come Sperlonga, Gaeta, Fondi, Terracina e il Circeo o per la loro valenza storia e le loro tradizioni come Sermoneta e Montecassino.

Parte del comune di Latina sono anche le bellissime Isole Pontine su tutte Ponza e Ventotene facilmente raggiungibili e meta turistica d'obligo per chi ama le vacanze tra mare e pace.

Dove si trova Latina

(latina dove si trova sulla mappa dell'Italia)

Latina nasce nel cuore dell'agropontino a pochi chilometri dal mare alle pendici dei bellissimi Monti Lepini e in piena Pianura Pontina.

Latina, cosa vedere in città

Della città di Latina si nota l'architettura estremamente razionale tipica del ventennio fascista e rimasta intatta sino ai giorni nostri. La piazza più importante è senza ombra di dubbio Piazza del Popolo dove c'è il Municipio con la sua torre e i suoi giardinetti tutti da visitare.

Una curiosità che indica il legame della città con il periodo storico che ha visto la sua nascita è il palazzo M in onore di Mussolini. Un'opera monumentale, granitica, che sarebbe dovuta essere parte di un più ampio progetto architettonico interrotto con lo scoppio della II Guerra Mondiale e che avrebbe coinvolto tutta la città.

Da visitare anche il Museo Piana delle Orme un mueso dedicato essenzialmente all'agricoltura e alle operd i bonifica che hanno consentito alla città di latina di proliferare e di liberarsi delle zone paludosi e acquitrinose tipiche di quel territorio.

Latina, il mare

Latina sorge a pochi passi dal mare, quest'ultimo è raggiungibile anche con una passeggiata in bicicletta, anche se, per godere al meglio del Litorale Pontino, sarebbe meglio spostarsi un pò dalla città e raggiungere ad esempio le località turistiche maggiormente attrezzate per accogliere i visitatori al mare, oppure recarsi direttamente verso le spiagge isolate e deserte anche d'estate cone la spiaggia della Bufalara.

Latina, il mare - San Felice Circeo

San Felice Circeo è un piccolo borgo situato nell'agropontino a circa 100 km da Roma parte del più vasto Comune di Latina. Famoso per il suo mare e il suo parco naturale, in realtà San Felice Circeo è un borgo antichissimo su un territorio abitato addirittra dall'uomo di Neanderthal come hanno testimoniato gli studi del professor Blanc che ritrovò in un grotta (la grotta Guattari) i resti di animali e di utensili appartenuti alla comunità Neanderthaliana che li vi risiedè circa 60.000 anni fà.

(latina foto circeo)

Secoli dopo il borgo venne abitato sin dall'Impero Romano passando per il Medioevo e nell'età moderna attraverso il protettorato della potente famiglia Caetani.

Nonnostante sia un borgo di appena 10.000 anime, rimarrete stupiti dalle tantissime cose che offre da vedere proprio grazie alla sua storia millenaria.Come il suo borgo storico, un bellissimo insieme di vie e casette dall'aspetto Medioevale che si affacciano sul mare e sulle isole. La sua via principale, Via del Faro è una delle più panoramiche e caratteristiche di tutto il Lazio.

Il promontorio del Circeo si allunga verso il mare e da lontano sembra essere il profilo di una donna sdraiata, per molti la maga Circe (la maga che trasformò in porci gli uomini di Ulisse e dalla quale prende il nome questo territorio), il suo naso sarebbe il Picco di Circe a 600 metri di altezza e meta di numerosi itinerari di trekking.

Assolutamente da visitare le calette e le numerose grotte che offrono assoluta riservatezza ed un mare cristallino, reso ancora più affascinante dal caratteristico colore rossiccio della terra. Da questa caratteristica deriva il nome della località in questione: Punta Rossa.

Infine è d'obligo una visita al Faro, un vero e proprio simbolo per questo comune in cui è possibile mangiare, rilassarsi, dormire e fare acquisti nella boutique di riferimento.

Latina, il mare - Sabaudia

Tra dune di sabbia bianca e una natura rigogliosa e selvaggia grazie alla presenza del Parco Nazionale del Circeo alle sue spalle, Sabaudia è una localtà del vasto Comune di Latina che non ha bisogono di essere descritta.

(Latina sabaudia mare)

Costruita in pochissimi giorni grazie anche al razionalismo architettonico tipico dell'epoca, Sabaudia è stata tirata su con l'obiettivo di essere la meta di villeggiatura per la Roma bene "quella che poteva permettersi la casa al mare". Un vero e proprio biglietto da visita per la Roma che conta e teatro degli eccessi dei Vip che d'estate la frequentano.

Una meta turistica alle porte di Roma che dà a tutti, anche i più giovani, essendo facilmente raggiungibile, la possibilità di vivere indimenticabili week end in una delle spiagge piu selvagge e belle del litorale laziale.

Da visitare nei dintorni e, per chi non fosse interessato solo al mare, la Fonte di Lucullo ristrutturata e aperta al pubblico. la Villa di Domiziano che si estende fino al Lago di Sabaudia. Quest'ultimo, insieme ai Laghi di Caprolace, Fogliano e Monaci compone uno dei sistemi lacustri più interessanti d'Italia.

(latina torre paola a sabaudia)

Infine assolutamente caratteristica e degna di nota, la torre di avvistamento a picco sul mare che sorge sul promontorio del Circeo: Torre Paola

 

Latina, il mare - Gaeta e Sperlonga

Due baluardi, due borghi arroccati sul mare, due splendidi gioielli che fanno parte del Comune di Latina e che ogni anno attirano migliaia di turisti sulle loro spiagge e sulle loro coste, sono Sperlonga e Gaeta.

SPERLONGA

latina torre truglia sperlonga

è il tipico borgo in cui si ritrova l'ospitalità tipica del Sud-Italia. Luogo preso d'assalto e ambito da turchi, romani e saraceni per la bellezza del litorale, Sperlonga è un continuo susseguirsi di salite, di discese, di scorci mozzafiato e di panorami incredbili.

La sua forte anima medioevale si respira in ogni palazzo, chiesa e porta d'accesso (Porta Carrese e Porta Marina su tutte), tra le boutique e le strade pefettamente conservate e tirate a lucido per i turisti e i visitatori.

Da visitare la Chiesa di Santa Maria e il Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga e soprattutto il porticciolo per intrattenersi e rilassarsi in uno dei molteplici ristorantini direttamente affacciati sul mare.

GAETA

(latina castello di gaeta)

Considerata la roccaforte Borbonica del regno di Napoli conserva ancora oggi un carattere marcatamente partenopeo. Si divide in Gaeta Vecchia e Gaeta Borgo, una volta divise da un muro e oggi appartenenti ad un'unica amministrazione.

Assolutamente da visitare il Lungomare Caboto fino alla chiesa della SS. Annunziata, la Cattedrale dominata dal Campanile del XII secolo uno dei più belli d'Italia, e il Castello di Gaeta composto da due complessi distinti: il Castello Angioino, carcere di massima sicurezza (per anni ha custodito criminali come Kappler nonchè i nazzisti delle fosse ardeatine) e il Castello Aragonese dove fu trattenuto Giuseppe Mazzini prima della breccia di Porta Pia.

Latina, il mare - Formia

(latina formia)

Importante per il turismo balneare, famosa per il suo centro storico ricco di monumenti dall'alto valore artistico e culturale, Formia sempre più si conferma essere uno dei borghi più visitati e belli del basso Lazio.

Passeggiando per il centro troviamo numerosi edifici religiosi, chiese medioevali e rinascimentali tutte belle e caratteristiche come il Duomo di Sant'Erasmo, la chiesetta di Sant'Anna e quella di San Rocco. Anche se le più caratteristiche di tutte sono le "chiese gemelle" di San Lorenzo e San Giovanni Battista costruite in due periodi compleatmente diversi erano un tempo divise da un muro poi, quest'ultimo, venne abattuto e oggi le due chiese ne formano una unica a due navate.

Una visita la merita il "castellone" medioevale un edificio che conserva intatta tutto la sua imponenza nonostante l'età e nonostantante abbia perso ben 10 delle 12 torri originali e gran parte della originaria cinta muraria.

La città di Formia ospita anche la tomba di Cicerone, il mausoleo romano che fonti storiche più che certificate fanno pensare sia stata la tomba del famoso oratore romano anche se tutt'ora le spoglie sappiamo esser conservate a Roma.

 

Latina, il mare - Terracina

A Terracina si unisce, più di ogni altro borgo del litorale laziale, la storia con il divertimento. Qui il turista può passare intere giornate rilassandosi con le attività balneari tipiche di una città di mare, oppure decidere di andare alla scoperta dei numerosi siti archeologici e artistici dal valore inestimabile.

(latina, la cattedrale di terracina)

La città si divide in parte alta, la più antica e, parte bassa, quella che continua tutt'oggi a svilupparsi e ad ingrandirsi. In entrambe le parti ritroviamo comunque interessanti elementi architettonici come Piazza del Municipio, il Foro Emiliano centro del vecchio nucleo cittadino e, infine, la vecchia Chiesa del Purgatorio caratterizzata da molti elementi tipici del "periodo controriformista".

Tra i complessi piu interesanti e antichi spicccano il bellissimo Duomo risalente al V secolo e rstrutturato nel XIII secolo portando le sue originarie 5 navate alle atutali 3 e il Castello Frangipoane posto a guardia della città e ormai quasi completamento distrutto.

Ma l'icona e il simbolo di questa cittadina visitata da tutti i turisti che vi si trovano a soggiornare è, senza ombra di dubbio il Tempio di Giove, situato sul Monte Sant'Angelo in una posizione panoramica mozzafiato da cui poter ammirare l'intero golfo e le Isole Pontine.

Latina, le Isole Pontine

Le Isole Pontine sono un arcipelago di 6 isole al largo delle coste laziali e precisamente davanti al Golfo di Gaeta. Tutte tra di loro, nonostante fanno parte dello stesso arcipelago, presentano elementi caratteristici diversi, ma una cosa hanno in comune la bellezza e il fascino antico di isole storiche.

Latina, le Isole Pontine - Ponza

(Latina, isole pontine Ponza)

È l'isola più bella e affascinante, caratterizzata da acque turchesi e coste frastagliate visitabili con una barchetta (il classico "gozzo") fermandosi a fare il bagno o parendere il sole nelle bellissime grotte naturali o nelle calette tipiche.Bello anche il paesino con le sue abitazioni dal colore caratteristico.

Si raggiunge facilmente da San Felice Circeo

Latina, le Isole Pontine - Palmarola

(Latina, isole pontine Palmarola)

L'isola e quasi completamente disabitata se non fosse per quelle piccole insenature scavate nella roccia dai pescatori e per qualche piccola casa costruita come rifugio dei pescatori appunto. Sull'isola non ci sono molte strutture ricettive se non un ristorante-affittacamere.

Si raggiunge con imbarcazioni private oppure affittando una barca da Ponza.

Latina, le Isole Pontine - Ventotene e Santo Stefano

(Latina, isole pontine Ventotene)

Le spiagge sono scure e di origine vulcanica. La sua vocazione è sicuramente meno turistica rispetto alla sua sorella maggiore Ponza. Ha una sola spiaggia Cala Neve poco affollata e molto suggestiva.

Da visitare anche il Faro da dove poter ammirare l'solotto di Santo Stefano sede del ex istituto carcerario in cui sono stati custoditi personaggi del calibro di Sandro Pertini

Si raggiungono con imbarcazioni private o dal porto di Formia

Latina, le Isole Pontine - Zanone e Gavi

Queste due isole dell'arcipelago pontino sono completamente disabitate e caraterizzate da una natura fitta e rigogliosa. Fanno entrambe parte del Parco Nazionale del Circeo.

Si possono raggiungere solo tramite una barca privata o affitandola direttamente da Ponza.

Latina, i borghi Medioevali

La provincia di Latina è una provincia vasta e ricca di comuni importanti, popolosi, ricchi di storia e di importanti siti dall'inestimabile valore storico, artistico e culturale. Una provincia che si divide tra borghi medioevali, centri nati con la bonifica dell'acquitrino pontino e aree naturali protette e dall'indiscutibile valore paesaggistico-naturalistico.

Alcuni di essi sono antichi e storici, altri recenti, appena costruiti e funzionali alla vita moderna, altri ancora sono così unici che sembrano provenire proprio da un'altra regione e un'altra epoca.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Sermoneta

(latina e dintorni, sermoneta)

Sermoneta è un borgo medioevale che difficilmente vi lascerà insoddisfatti, abitato da moltissimo tempo dagli abitanti di Sulmo che, spinti dalle invasioni dei Saraceni e dalle paludi della zona, si stabilirono nell'entroterra e diedero vita al borgo stesso.

Nel 1200 la famiglia Caetani vi si stabilì e costrui quello che ancora oggi è il simbolo di questo borgo il famoso Castello Caetani. Da allora in poi, la cittadina e la famiglia, ebbero un unico e lungo destino durato sino all'epoca contemporanea.

Il castello edificato nel XI secolo e ristrutturato varie volte nei secoli successivi, è una visita che non delude mai le aspettative, con le sue "stanze pinte", le sue segrete, il carcere, i ponti elevatoi e, non ultimi, i numerosi eventi musicali che ogni anno vengono svolti in questo contesto da sogno.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Fondi

Gli edifici religiosi, i monumenti romani e quelli medioevali sono i principali soggetti di un centro storico tra i più ricchi della provincia di Latina, quello di Fondi.

Un centro storico veramente interessante e ricco che lascerà stupiti i visitatori. È passeggiando tra le sue vie che si arriva innanzi al Duomo di San Pietro, un edifico del XII secolo in cui si trova il sepolcro di Cristoforo Caetani. Anche qui infatti, come in tutta la provincia, è forte l'influenza della famiglia Caetani che vi costrui il suo Castello Baronale, il simbolo della citta con la sua torre centrale completamente merlata. Accanto ad esso sorge il Palazzo del Principe le cui bellissime decorazioni gotico-catalane attiriano centinaia di turisti.

Degne di nota le chiese come la Colleggiata di Santa Maria Assunta, il Santuario Madonna del Cielo e la caratteristica Chiesa della Madonna del Soccorso. Da visitare anche la Chiesa di San Martino, San Paolo e San Francesco.

Per gli amanti del mistero, c'è la "casa degli spiriti": una casa al centro della città, nel quartiere ebraico, oggetto di numerosi misteri e storie raccapriccianti che tutt'ora si cerca di capire se siano vere o meno.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Cisterna di Latina

situata nel cuore dell'agro pontino Cisterna di Latina è un comune di Latina molto popoloso e ricco di monumenti dalla forte valenza commemorativa.

(latina, fontana nel comune di cisterna di latina)

Anticamente era considerato un luogo di sosta per tutti i viandanti che percorrevano la via Appia, vessato dagli attacchi dei Saraceni, è solo nel 1400 circa, che con la Famiglia Caetani conosce un periodo di lungo benessere e prolificazione.

I monumenti e gli edifici hanno passato lunghi periodi di incuria, anche se alcuni di essi li hanno superati senza riportare grandi danni, come il bellissimo Palazzo Caetani costruito sulle macerie della vecchia Rocca Frangipane.

Sicuramente l'aspetto più interessante è quello delle Gallerie Ipogee, che percorrono il sottosuolo della città partendo dalla dimora della famiglia Caetani per chilometri e oggi conosciute come le Grotte di Palazzo Caetani.

Tra le chiesa da visitare la Chiesa di Santa Maria Assunta con al suo interno la statua canoviana di marmo che raffigura San Rocco, o la Chiesa di Sant'Antonio Abate con gli affreschi dei fratelli Zuccari

I GIARDINI DI NINFA

da non perdere assolutamente sono i Giardini di Ninfa, un giardino all'inglese nominato dal "New York Times" come il più bello del mondo.

Sorge sulle rovine della vecchia e abbandonata città di Ninfa. Al suo interno scorre un fiume cristallino e una quantità enorme di diverse specie di piante: dalle più classiche e comuni alle più esotiche.

Si puo visitare solo in alcuni periodi dell'anno e con una visita guidata organizzata.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Itri

Arroccato intorno al suo imponente castello, questo borgo, più di tutti gli altri in provincia di Latina, presenta le caratteristiche di un Borgo Medioevale. Stiamo parlando della bellissima e interessante Itri.

(descrizione)

A pochi chilometri dal mare e su una collina dal quale poteva dominare il panorama circostante, Itri è sempre stata storicamente uno snodo economico e culturale visto la sua vicinanza alla Via Appia e ai primi centri abitati più popolati dell'epoca.

Il Castello è senza ombra di dubbio il suo edificio più rapresentativo costituito da una torre a base pentagonale e una a base quadrata in seguito venne ampliata con un camminamento e un ulteriore torre a base cilndrica. All'interno delle sue possenti mura oggi si svolgono vari eventi come mostre e mercatini per lo sviluppo dell'artigianato e dell'arte locale.

Il centro storico di Itri è molto interessante è ricco di spunti e cose da vedere come: il Convento di San Francesco con vicino la Chiesa stessa di San Francesco e di Santa Maria Maggiore. Mentre continuando il tour nel centro storico si arriva alla Chiesa più antica e affascinante, la Chiesa di San Michele Arcangelo costruita nel XI secolo su un antico Tempio Pagano.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Priverno

Sulle ceneri di un antico insediamento dei Volsci, Priverno sorge sui Monti Lepini. Tutto tra le sue mura ci racconta dei Templari e dei Cistercensi. Nel centro storico sono apprezzabili le cosidette costruzioni con le triplici cinte come nell'Abazia di Fossanova situata a pochi chilometri di distanza dal centro.

(latina abazia di fossanova a priverno)

Proprio all'interno di questa abazia che si apprezzano i maggiori simboli dei templari in un circuito di templi e luoghi di culto tipici cistercensi (la città di Ninfa, l'abazia di Casamari e quella di  Valvisciolo insieme alla Certosa di Trisulti) dai quali controllavano il sud di Roma

Nonostante il suo sviluppo urbanistico notevole in epoca moderna, il suo centro storico presenta importanti elementi mediovali, perfettamente conservati e oggi protetti. Da visitare sono sicuramente Piazza Giovanni XXIII con la Cattedrale di Santa Maria Annunziata e il Palazzo Comunale.

Uscendo dalla città oltre alla già citata Abazia di Fossanova, da guardare il Castello di San Martino una dimora rinascimentale immersa in un bellissimo parco e i Laghetti del Vescovo una serie di piccoli specchi d'acqua collegati tra loro da alcune sorgenti sotterranee e sui quali si narrano numerose leggende come quella di una "Carpa Gigante" che li abiterebbe da secoli.

Latina, cosa vedere nei dintorni - Fogliano

(latina, borgo di Fogliano)

Assolutamente da vedere sorge a limitare del Parco Nazionale del Circeo e si distingue per il suo Lago che comunica con il mare per garantire un ricircolo di acqua costante e per il suo Borgo abitato anticamente dai pescatori e dalla famigla Caetani che ne aveva stabilito la residenza.

Ricco di piste ciclabili e di stazioni dove praticare il bird-watching, visto la presenza di molte paludi habitat perfetto per molte specie di uccelli, Fogliano si presenta come un piccolo borgo in cui ci si ferma per una passeggiata rilassante, magari visitando il bellissimo Giardino Botanico creato e poi abbandonbato dalla famiglia Caetani per dedicarsi ai piu famosi giardini Ninfa.

(descrizione)

Curiosa è anche la visita alla villa inglese dimora di caccia del Conte d'Albany e del Cardinale di York. Una villa con il riconoscibilissimo stile inglese ma nel mezzo dell'agro pontino.

Latina, il Parco Nazionale del Circeo

Il bellissimo golfo di Gaeta da un lato e le dune di sabbia biance fino a Nettuno dall'altra. È questo il bellissimo panorama sul quale si estende il bellissimo Parco Nazionale del Circeo.

(latina vista dall'alto del parco nazionale del circeo)

84,4 chilometri quadrati di parco nazionale in cui si alternano 4 bellissimi e piccoli laghetti separati dal mare solo da un piccolo lembo di spiaggia bianca, un villa, un borgo, una palude e due isole oltre che ad una foresta che fa da sfondo a una serie di sentieri e di percorsi naturalistici affascinanti.

Una diversità ambientale notevole che gnera e d è l'habitat di altrettanti numerosi ecosistemi ricchi di biodiversità a partire da cinghiali, volpi, lepri e falchi che passeggiano, pascolano o volano tra lecci, larici, farnetti, cerri e molto altro ancora.

Latina, il Parco Nazionale del Circeo - Gli Itinerari

(latina parco nazionale del circeo  dall'alto)

Il parco si mostra in tutta la sua bellezza ai visitatori che vogliono viverlo con delle escursioni o delle passeggiate nei percorsi e negli itinerari che vengono proposti, come quello:

  • storico-archeologico - in cui si va alla scoperta delle grotte scoperte da Blanc con i resti dell'Uomo di Neanderthal nella Grotta del Fossellone, e arrivando a scoprire i resti lasciati dalle prime civiltà italiche come le Mura Ciclopiche.  
  • naturalistico - vistando l'ambiente paludoso generato dai laghi costieri del parco (Monaci, Fogliano, Paola e Caprolace), oppure vivendo l'ambiente di mare dei suoi borghi marini come Sabaudia, finanche la foresta cone la sua ricca fauna e flora
  • naturalistico-storico - un percorso che ci porta alla scoperta di luoghi salmastri come prima della bonifica, tra i musei che ci ricordano come si viveva in questi luoghi in cui la zanzara anofela mieteva vittime spargendo la malaria tra gli abitanti o come vivevano i vecchi carbonai e i loro metodi primitivi di allevamento del bestiame.

Latina, il Parco Nazionale del Circeo - I sentieri per il trekking

(latina i sentieri del parco nazionale del circeo)

Assolutamente degni di nota sono i sentieri presi d'assalto per tutti coloro che amano il trekking. Grazie ad essi, si possono osservare le ricchezze della fauna e della flora del Parco Nazionale e soprattutto accedere a scorci e panorami mozzafiato. Il meritato premio dopo una camminata faticosa ma soddisfacente.

Tra i sentieri di trekking più frequentati vi segnaliamo:

  • Il sentiero della Testa di Circe
  • Il sentiero della Maga Circe
  • Il sentiero del Vecciaro
  • L'anello di San Felice
  • L'antica via Severiana
  • Il sentiero delle grotte marine
  • Il sentiero del Picco di Circe

ma molti altri sono quelli che potrete trovare più o meno lunghi più o meno difficoltosi ma tutti sicuramente degni di essere presi in considerazione per la loro bellezza ed il fascino della natura che li caratterizza.

Latina cosa vedere nei dintorni

Assolutamente da vedere e visitare sono alcuni tra i borghi più piccoli del Comune di Latina. Delle vere e proprie perle di bellezza, in cui trovare borghi famosi per alcuni prodotti tipico locali, tra questi:

BASSIANO

Famoso per il prosciutto che qui trova il clima ideale per una stagionatura perfetta.

BORGO SAN MICHELE

Un piccolo borgo completamente intatto, camminando tra le sue stradine sembra di stare in un'altra epoca, in un altro mondo.

NORMA

(latina, Norma, mura di Norba antica)

Attraverso di essa si accede alle rovine della suggestiva Norba Antica una città che venne lasciata disabitata di punto in bianco e incendiata per non lasciare niente agli invasori che sarebbero sopraggiunti di li a poco. Oggi sono ancora visibili le case e le macerie degli edifici bruciati con le strade anch'esse arse dal fuoco.

LENOLA

Attraverso quest'ultima si arriva nella suggestiva città scomparsa di Ambrifi di cui è rimasta qualche rovina e il castello anch'esso ridotto a poche macerie.

CAMPODIMELE

Famosa per la longevità dei suoi abitanti e, per secoli, visto la sua posizione protetta dalla macchia dell'agropontino, anche sede dei briganti laziali.

MARANOLA

Un borgo costruito per fuggire dai saraceni, un fitto dedalo di strade strettissime sono la caratteristica di questo borgo, insieme al presepe di terracotta e alla rapresentazione dei mestieri antichi messa in essere tutti gli inverni.