/media/post/93qq5qr/2240-rajastan-622x466.jpg

India, consigli per gli acquisti

Potreste comprare davvero di tutto in India. Che vi serva o meno. L’importante è guardare, annusare, scegliere, contrattare… e solo alla fine pagare.

Con la soddisfazione di portarsi via la cosa più utile o più inutile del mondo. Ma questo ha poca importanza. L’importante – in India – è mettere piede in uno dei tanti e grandi bazar, e farlo con tutti e cinque i sensi.

Vogliamo provare? Quella che vi proponiamo è una guida allo shopping indiano

Ecco cosa e dove comprare in India

1. I tappeti del Kashmir

Il Kashmir è una regione che si trova a cavallo tra l’India e il Pakistan, famosa per la lavorazione delle lane.  I pastori nomadi del Kashmir ricavano la preziosa lana dalle loro greggi, che poi affidano alle abili mani di artigiani che confezionano i tappeti.

2. Il sari del Kerala

Il sari è l’indumento tradizionale indossato dalle donne. Si tratta di una striscia di stoffa, lunga tra i quattro e i nove metri, senza cuciture, che deve avvolgere il corpo femminile. E’una specie di simbolo dell’India, ma ogni stato ha le proprie tradizioni al riguardo, sia per quel che riguarda il tessuti, che la lavorazione o il modo in cui va indossato. Ma trovate senz’altro dei sari bellissimi nello stato del Kerala, nell’India meridionale.

3. I gioielli del Rajstan

A parte il fatto che nel Rajastan (lo stato più grande dell’India) si trova una gran varietà di artigianato, perché si tratta di una zona da sempre al centro delle vie dei commerci, i gioielli migliori da acquistare qui sono quelli in argento. Senza però rinunciare a dare uno sguardo alle pietre preziose, al cui taglio si dedicano numerosi artigiani. In particolare, la città di Jaipur è considerata la capitale indiana della gioielleria.

4. I dipinti del Bihar

Lo stato del Bihar si trova nel nord est dell’India, ed è attraversato dal fiume Gange. Si tratta di uno degli stati meno sviluppati del Paese, ma solo qui potete trovare dipinti straordinari dai colori vivaci che hanno solitamente due temi: le divinità indù o le scene di vita naturale. I dipinti vengono oggi eseguiti su carta, tela o tessuti, ma un tempo erano eseguiti direttamente sulle pareti delle case dalle spose il giorno prima del matrimonio.