/media/post/5lczq7l/campagna_Umbria.jpg

Il Cammino "di qui passò Francesco" dalla Romita di Cesi ad Altrocanto

La tappa n. 14 del cammino di qui passò Francesco ci conduce in un altro splendido luogo lo Speco di Narni

Anche se non vorresti lasciare la Romita di Cesi, il cammino, come ogni mattino chiama ad andare avanti. E oggi avremo la gioia di visitare un altro luogo meraviglioso, lo Speco di Narni, prima di approdare ad Altrocanto, dove con il suo frantoio, i tanti animali e le coltivazioni biologiche, Antonello e Claudia ci aspettano per una cena luculliana.

Tappa 14: dalla Romita di Cesi ad Altrocanto

(descrizione)

IL CANTICO DELLE CREATURE. Ci si sveglia al tempo dell’alba e al canto dei cani, che ululano dietro le melodie intonate con voce tuonante e sugli inauditi strumenti musicali di Fra’ Bernardino. Alla Romita, anche il risveglio è un momento magico: e così, un enorme maremmano balza sul letto di Alberto per un buongiorno inaspettato, mentre tutte le camere si destano pian piano all’ascolto di una canzone irripetibile inventata, come tutte le altre, dal frate. Senza dire una parola, scansiamo la coltre di coperte e ci laviamo come possiamo nell’acqua gelida. È il momento delle lodi mattutine, in cui Fra’ Bernardino ci porge il suo ultimo regalo: suonato all’organo e condiviso in un discorso fluido come una corrente di pensiero, è un’improvvisazione di musica e parole in cui condivide la sua gratitudine per il nuovo giorno da vivere. Ogni momento qui ha il sapore dell’indimenticabile, come anche l’uovo fresco con cui io e Alberto brindiamo davanti alla porta della Romita per la nostra partenza. Questo è un posto da raccontare e dove tornare. 

(descrizione)

ANGELI, OVUNQUE. Ci aspetta una tappa non difficile ma lunga, lambendo campi e salutando contadini, prima del noioso attraversamento di Terni. Ma anche questo è cammino, anche i tratti d’asfalto, le aree industriali, i cacofonici passaggi nel traffico, tutto concorre all’esperienza di sentirsi a piedi nella vita. E poi, spuntano da ogni dove gli angeli, che nel ternano prendono le sembianze smilze e gioiose di Marcella Frascarelli. Camminatrice grintosa e amica di Angela Seracchioli, si sta dando da fare per dare il suo supporto  personale al cammino e ai suoi interpreti di passaggio. Ci diamo appuntamento nel cuore metallico della periferia di Terni e camminiamo insieme per un po’: il bello di questo andare è nell’incontro con amici mai visti che ti sembra di conoscere da tempo, già allineati al tuo sentire e al ritmo del tuo passo. Così non devi stare a spiegare niente, che sei stanco e hai caldo, che vuoi stare in silenzio e che oggi vuoi solo arrivare. Si cammina insieme e il senso dell’esperienza è tutto qui.

(descrizione)

Dopo un picnic speso insieme e qualche ora di sgroppata, Marcella ci saluta e noi raggiungiamo giusto in tempo per un tramonto spettacolare l’incanto del Sacro Speco di Narni. Una vista mozzafiato, una chiesa aperta ad accogliere la nostra preghiera, e a riposare il nostro passo finalmente stanco. Ci raggiunge Lorenzo, il caro amico che abita qui dietro venuto a darci un saluto, e tutti insieme andiamo a cena da Claudia e Antonello.

(descrizione)

CON AMORE: L’INGREDIENTE PIÙ IMPORTANTE. Ci aspetta una tavola imbandita, in una cornice d’incanto. Ad Altrocanto il loro Agrivillage è un’oasi, curata in ogni stanza con la passione per i dettagli del tempo. La scenografia è quella di una fattoria dell’Ottocento, finemente convertita in B&B. La vocazione particolare è per l’ospitalità pellegrina, e la cena inizia con un racconto fitto di esperienze di vita in cammino. Il menù è di stagione e varia a seconda dei periodi dell’anno, comprendendo i prodotti locali della loro e delle aziende vicine. In particolare, Antonello è famoso per il suo frantoio, Claudia per l’ingrediente più importante con cui prepara i piatti della tradizione: “Siamo insieme da 30 anni”, raccontano all’unisono, “e abbiamo deciso di dedicare la nostra vita a un’esperienza biologica al 100%, nella coltivazione e nella produzione dell’olio, ma soprattutto nello stile di vita che condividiamo con i nostri ospiti”. E ogni sera ti senti a casa.

La tappa in sintesi

Km: 33 km

Tempo: 9 ore

Difficoltà: impegnativa

Bellezza: 8/10 con lode

Cosa vedere: Lo Speco di Narni

Dove dormire e mangiare: Montanari Agrivillage (Altrocanto), tel: 339.5278500 (Antonello) 

DI VALENTINA LO SURDO

Vedi tutte le tappe del cammino di qui passò Francesco