/media/post/4zr88vq/punti_panoramici_firenze_piazzale_michelangelo.jpg.jpg

I punti panoramici di Firenze

Culla del Rinascimento, il territorio fiorentino è ricco non solo di monumenti e storia, ma anche di

Dai punti panoramici di Firenze è possibile ammirare un paesaggio meraviglioso e sconfinato nel quale perdersi ogni volta. Sono tanti i punti dai quali si può godere del panorama, tappa fissa di tutti i turisti che vengono a Firenze. 

 

Le Terrazze della Cattedrale

Tra i tour esclusivi organizzati per visitare la Chiesa di Santa Maria del Fiore, c'è la visita panoramica sulle Terrazze esterne del Duomo dove, ad oltre trenta metri di altezza, immersi nella splendida cornice di Firenze, si possono ammirare da un punto di vista esclusivo tutti i monumenti della città e soprattutto soffermarsi a godere della presenza ravvicinata della Cupola. La passeggiata, che gira intorno alla Cattedrale, consente di apprezzare i parati più nascosti della decorazione marmorea in una suggestiva cornice inviolata dagli anni. A questo si aggiunge il tour guidato "A glimpse of Florence" che, oltre alla visita alle maggiori opere racchiuse all'interno del Duomo, permette l'accesso esclusivo alla terrazza nord dove si può godere di una vista straordinaria della città e della Cupola del Brunelleschi. 

 

Giardino Bardini


(descrizione)

È il "giardino dei tre giardini" sviluppati dal '300 ad oggi con una grande scalinata barocca centrale, con statue di pietra e muri decorati, che conduce allo splendido Belvedere sulla città. Da qui la scalinata prosegue giù verso l'Arno con un dislivello di 100 metri e ai piedi si trova il giardino di ori. A ovest si apre il bosco all'inglese con il canale del drago e altre fontane, mentre a est la parte agricola offre ai visitatori una collezione di frutti di antiche varietà toscane. 

 

Forte Belvedere 

Il nome completo è Fortezza Santa Maria in San Giorgio del Belvedere, a 10 minuti dal Ponte Vecchio, sulla cima del Colle di Boboli, in prossimità dell'omonimo giardino. Doveva rappresentare l'estremo rifugio per la famiglia de' Medici in caso di attacco o di sommossa popolare. All'interno della fortezza, nella stanza del tesoro, erano conservati i preziosi della famiglia, e la stanza era protetta da una serie di trappole mortali nascoste che rendevano impossibile l'accesso ai malintenzionati. Recuperata nei primi anni del duemila, dopo trent'anni di totale abbandono, la fortezza è oggi uno dei punti più panoramici della città e durante l'estate ospita vari eventi e alcuni locali aperti al pubblico no a tarda notte. 

 

San Miniato al Monte

(descrizione)

È la chiesa più in alto di tutta la città, riconoscibile dalla splendida facciata in marmo in cima alla gradinata che conduce ad essa. San Miniato, primo martire della città, pare fosse un mercante greco o un principe armeno ucciso durante le persecuzioni contro i cristiani sotto il regno dell'Imperatore Decio. La leggenda narra che, una volta decapitato, il suo corpo sia giunto camminando sulle proprie gambe e reggendo la propria testa in mano fino al luogo in cui sorge la basilica. Una volta arrivati di fronte alla bellissima chiesa, si assapora la libertà nel vedere un panorama silenzioso e immobile, vedute da cartolina, senza confini, come se la frenesia della città più in basso si dissolvesse in un attimo. 

 

Piazzale Michelangelo 

Nasce sulla stessa collina di San Miniato al Monte, ma leggermente più in basso, ed è una meta turistica obbligata. Realizzato nel 1869 su disegno dell'architetto Giuseppe Poggi, in origine doveva ospitare un museo dedicato a Michelangelo, che però non fu mai costruito. Dalla grande terrazza del piazzale è possibile ammirare tutta la città, particolarmente suggestiva al momento del tramonto. Dal Forte Belvedere alla Basilica di Santa Croce, passando per i ponti, fra cui Ponte Vecchio, ammirando la cupola di Santa Maria del Fiore, le torri di Palazzo Vecchio e del Bargello e i numerosi campanili della città. 

 

Terrazza di Fiesole

A Fiesole in ogni angolo si trova un pezzo di storia e cultura. Dal centro del paese, procedendo per una corta ma ripida salita, si raggiunge il convento di San Francesco. Qui ci si trova di fronte a un meraviglioso panorama a 360 gradi su Firenze. Gli spazi verdi e i giardini molto curati della campagna fiesolana si contrappongono in modo netto all’urbanizzazione di Firenze, dove spiccano le magni che strutture architettoniche di Firenze fra cui l’imponente Cupola del Brunelleschi, l’affascinante Piazzale Michelangelo e il glorioso Palazzo Vecchio