/media/post/u3lhc9f/palazzi_storici_roma.jpg

I palazzi storici di Roma

La storia del passato di Roma attraverso le sue splendide architetture

I palazzi che hanno fatto la storia di Roma sono numerosi e ognuno ha qualcosa da raccontare. Da Palazzo di Niccolò I a Teatro Marcello, da Palazzo Venezia a Palazzo del Quirinale: il passato di Roma si racconta attraverso le sue splendide architetture.

 

(descrizione)

 

In Piazza della Bocca della Verità 18 c’è uno splendido esempio di architettura medioevale: il Palazzo Diaconale di Santa Maria in Cosmedin, conosciuto anche come Palazzo di Niccolò I.

 

Basta un salto indietro nel tempo, al Campo Marzio, per vedere da vicino uno dei più antichi teatri romani, il Teatro Marcello (11.d.C.), voluto da Cesare e terminato dall’Imperatore Augusto.

 

Il Colosseo dista soli 600 metri e proseguendo la passeggiata in direzione Fori Imperiali, si incontra la Casa dei Cavalieri di Rodi, nel Foro di Augusto. Giunti a Piazza Venezia ci si trova di fronte al Vittoriano, monumento inaugurato da Vittorio Emanuele II nel 1911. Solo 10 anni più tardi, al centro del monumento, venne tumulato il Milite Ignoto.

 

Ad un angolo della piazza c’è Palazzo Venezia, opera rinascimentale della metà del ‘400, sede attuale del Museo Nazionale. Da non perdere Palazzo Farnese: uno scrigno di rara bellezza che stupisce per la splendida architettura e i tesori artistici conservati al suo interno. La zona Coppedè, nel quartiere Trieste, è una delle più caratteristiche di Roma per la presenza di costruzioni liberty fiabesche.

 

Nei pressi c’è Palazzo del Ragno (1916- 1926), di ispirazione assirobabilonese, contraddistinto da un ragno sulla facciata. Fra i palazzi contemporanei c’è il Palazzo della Civiltà del Lavoro, anche detto “Colosseo Quadrato” nel quartiere EUR.

 

Nella stessa zona, alle porte della città, c’è il Palalottomatica: il più grande palazzo dello sport di Roma, costruito per i giochi olimpici di Roma nel 1960. Altri palazzi sono divenuti sedi istituzionali. Palazzo del Quirinale risale al 1583 ed è il sesto palazzo più grande al Mondo, nonché ex alloggio papale e residenza ufficiale del Presidente della Repubblica. L’edificio raccoglie un incommensurabile patrimonio artistico e storico e presta il nome alle Scuderie del Quirinale, importante sede di mostre. Palazzo Montecitorio fu commissionato al Bernini nel 1650 dai nobili Ludovisi perché diventasse residenza di famiglia. Verso la fine del ‘500, i nobili Aldobrandini fecero costruire Palazzo Chigi, che deve il nome alla famiglia di banchieri che lo acquistarono nel 1659.

 

Nei pressi di Piazza Navona troviamo invece Palazzo Madama e Palazzo Altemps. Il primo risale al 1500 e fu residenza della famiglia Medici prima di divenire sede del Senato. Il secondo fu costruito nel 1477 e deve la sua notorietà ad elementi architettonici inseriti in epoca successiva. Citati in ordine di costruzione Palazzo Barberini (1600), Palazzo Doria Pamphili (1650), Palazzo delle Esposizioni (1883) e Palazzo Brancaccio (1886-1912) rappresentano alcuni fra gli spazi espositivi artistici più importanti di Roma.

 

Altri palazzi sono diventati sedi di giustizia, come il Palazzaccio dove si trova la Corte di Cassazione, il Palazzo della Consulta, sede della Corte Costituzionale e Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato.

 

Clicca qui per scoprire i palazzi moderni della Capitale.