/media/post/s7dtbtl/I bacini di potassio dello Utah - copertina.jpg

I bacini di potassio dello Utah

Gli incredibili colori dei bacini di potassio nei pressi di Moab, nello Utah

Nel roccioso ed arido deserto dello Utah, e precisamente tra le gole e i canyon scavati dal bellissimo fiume Colorado, si intravedono alcuni piccoli stagni di colore turchese acceso, potrebbero sembrare naturali ma invece di naturale hanno ben poco.

Si tratta di una miniera di potassio (tra le più grandi degli interi Stati Uniti d'America) nei pressi di Moab, nello Utah appunto, in cui viene utilizzata l'acqua del fiume, pompata nella miniera per sciogliere il cloruro di potassio.

Questa "soluzione salina" viene poi versata negli stagni che tendono ad evaporare grazie al calore del sole, lasciando la materia prima pronta per essere raccolta, trattata e immessa sul mercato per i più disparati utilizzi.

(I bacini di potassio dello Utah - immagine del cloruro di potassio pronto per essere raccolto)

I bacini di potassio dello Utah - gli stagni

Gli stagni che fomano i bacini di potassio dello Utah, hanno una particolarità: sono cioè rivestiti in gomma (questo serve a facilitare il mantenimento del materiale dopo l'evaporazione dell'acqua) e misurano circa 1,5 chilometri quadrati.

Gli esperti americani della miniera di potassio utilizzano, inoltre, uno speciale colorante che facilita l'evaporazione dell'acqua. Questo determina la differenza con tutti gli altri bacini salini del mondo che invece tendono ad avere una colorazione rosea piuttosto che blu, anche grazie alla formazione di alga particolare.

(I bacini di potassio dello Utah - paragone con il laghi di sale rosa)

I bacini di potassio dello Utah - la miniera

I bacini di potassio più grandi che conosciamo provengono tutti da aree in cui un tempo c'erano gli oceani. Questi, una volta ritiratisi, hanno lasciato sul terreno il potassio che nel corso dei millenni e a causa degli sconvolgimenti della crosta terrestre sono stati sepolti dalla terra trasformandosi così in minerali.

In particolare nel bacino di potassio dello Utah, più precisamente nel Bacino Paradox, si pensa che la quantità di cloruro di potassio disponibile all'estrazione, superi facilmente i due miliardi di tonnellate.

(I bacini di potassio dello Utah - gli stagni visti dall'alto)

Una miniera che si pensa si sia formata circa trecento milioni di anni fa e che oggi si trova a circa 1200 metri di profondità. Una miniera che produce in media circa 900 tonnellate di cloruro di potassio al giorno e che ha iniziato la sua produzione nel 1965 e che si pensa possa durare ancora a questi ritmi per altri 120 anni circa.