/media/post/avd9rgz/5_musei_piu_importanti_di_roma.jpg

I 5 musei più importanti di Roma

I tesori di Caravaggio, Michelangelo e Raffaello

Dai Musei Vaticani ai Musei Capitolini, da Galleria Borghese al MAXXI al Macro: i musei più importanti di Roma che custodiscono alcune delle opere più significative della città, i tesori di Caravaggio, Michelangelo e Raffaello.

 

(descrizione)

 

Musei Vaticani: le opere di Raffaello, Michelangelo e Caravaggio a Roma

Custodiscono una delle collezioni d’arte più grandi al mondo e alcune tra le opere più famose dei maestri Raffaello, Michelangelo e Caravaggio. La Cappella Sistina, con gli affreschi del Buonarroti, si trova lungo l’itinerario. I musei si suddividono in sette chilometri di sale e in palazzi vaticani distaccati dalla sede centrale.

 

Musei Capitolini, patrimonio d’arte antica, rinascimentale e barocca di Roma

Fra le mura di Palazzo dei Conservatori e di Palazzo Civico, è custodito un grande patrimonio di arte antica, rinascimentale e barocca. La creazione dei Musei Capitolini risale al 1471, quando Papa Sisto IV donò a Roma una collezione di bronzi provenienti dal Laterano (tra i quali la Lupa Capitolina). alla collezione si aggiunsero negli anni le donazioni di vari papi.

 

Galleria Borghese: le opere di Caravaggio a Roma

Galleria d’arte allestita all’interno di Villa Borghese, considerata unica per le tele del Caravaggio e le sculture
 del Bernini che ospita. È un vero scrigno di tesori artistici, frutto del collezionismo del Cardinale Scipione Borghese.

 

MAXXI, il Museo Didattico di Roma

MAXXI è l’acronimo di Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Il museo nasce a scopi espositivi e didattici ed è suddiviso nelle sezioni arte e architettura, che a loro volta ospitano una collezione permanente e mostre singolari
 (ma anche workshop, laboratori e spettacoli) che danno spazio alla creatività.

 

Macro, il Museo d’Arte Contemporanea di Roma

È il Museo di Arte Contemporanea della Capitale e ospita mostre di artisti italiani e internazionali spesso emergenti, ma anche presentazioni di libri, lezioni, conferenze e proiezioni.