/media/post/h5srvcs/10_simboli_roma.jpg

I 10 simboli di Roma

I must che non puoi non conoscere

Dalla Lupa Capitolina al Colosseo, dai Fori Imperiali alla Fontana di Trevi, dal Pantheon a Piazza di Spagna: i 10 simboli che parlano della grandezza di Roma

Lupa capitolina

Simbolo per eccellenza della città. la scultura di
bronzo risale al 500 a.C. - 1.100 ed è considerata di fattura etrusca. l’opera rappresenta una lupa che allatta i gemelli fondatori della città: i leggendari Romolo e Remo. donata da Sisto IV a Roma nel 1471, è oggi custodita nei Musei Capitolini. L’aquila imperiale invece, con le ali spiegate e il capo rivolto a destra, è il simbolo del potere di Roma.

Acronimo SPQR

La sigla è presente anche sullo stemma attuale della città, deriva dal latino e significa Senatus Popolusque Romanus, ovvero “il senato e il popolo romano”. nell’antichità il senato e il popolo costituivano il fondamento dello stato romano.

Colosseo

Conosciuto anche come Anfiteatro Flavio, è una delle opere architettoniche di epoca romana più famose al mondo, nota sede dei giochi gladiatorii. la sua costruzione fu avviata sotto l’impero di Vespasiano, e completata sotto Tito nell’80 d.C. il nome deriva dall’enorme statua bronzea di Nerone che venne eretta nelle vicinanze, poi abbattuta.

Basilica di San Pietro

Simbolo della santa sede e del cattolicesimo,
è la più importante delle basiliche di Roma. si trova all’ingresso dello Stato Vaticano ed è abbracciata da Piazza San Pietro. l’opera viene descritta come la più grande chiesa del mondo ed è sede delle principali manifestazioni del culto cattolico, tra cui l’apertura e la chiusura del Giubileo.

Fori imperiali

Piazze monumentali edificate tra il 46 a.C. e il 113 d.C. erano il fulcro dell’attività politica, culturale, intellettuale e commerciale di Roma. ne fanno parte il Foro di Cesare, quello di Augusto, di Traiano, il Foro di Nerva e il Tempio della Pace. l’area archeologica si estende lungo l’omonima via, tra Piazza Venezia e il Colosseo e confina con il complesso del Foro Romano (quest’ultimo tradizionalmente non ricompreso tra i fori).

Altare della Patria

Monumento nazionale a Vittorio Emanuele primo Re d’Italia. il palazzo che lo ospita, conosciuto come Vittoriano, è simbolo della patria e di Roma. si erge sul Campidoglio e fu costruito dall’architetto Giuseppe Sacconi. Nel 1921 parte del Vittoriano fu trasformata in Monumento al Milite Ignoto e accoglie i resti di un militare deceduto durante la Prima Guerra Mondiale.

Fontana di Trevi

È delle più celebri fontane romane, ripresa da Federico Fellini nel film “La Dolce Vita”. l’opera appartiene al tardo barocco, è realizzata in stile rococò con l’utilizzo di travertino e marmo di carrara.
vi confluisce uno dei più antichi e importanti acquedotti di Roma. nelle sculture sono ritratti tritoni, cavalli marini e altre figure mitologiche o reali. fu progettata da Nicola Salvi e terminata nel 1762 da G. Paganini.
È posizionata su un lato di Palazzo Poli (il restauro della fontana è a p.).

Pantheon

Il nome deriva dal greco e significa “tempio di tutti gli
dei”. l’ampio edificio dedicato al culto pagano fu fondato nel 27 a.C. dall’imperatore Agrippa e fatto ricostruire da adriano dopo alcuni incendi. la struttura è circolare, unita a un portico in colonne corinzie. la sua particolarità è la presenza di un’apertura al centro del soffitto (detta oculo) che permette l’illuminazione dell’ambiente interno.

Piazza di Spagna

Ospita la chiesa di Trinità dei Monti e la fontana della Barcaccia scolpita dai Bernini. deve il suo nome al Palazzo di Spagna, sede dell’ambasciata dello stato iberico presso la Santa Sede. È una location storicamente legata al mondo della moda, nonché punto di partenza per raggiungere le vie dello shopping, fra cui Via del Corso.

Castel Sant'Angelo

Conosciuto anche come Mausoleo Adriano, si trova di fronte a ponte Sant’Angelo e al Tevere. l’edificio subì nel tempo diversi cambi di destinazione: da tomba imperiale a fortezza militare e prigione, da residenza pontificia ad attuale museo. È collegato a Città del Vaticano tramite il corridoio fortificato del “passetto”. Sul castello aleggiano diverse leggende.

 

Clicca qui per scoprire la storia di Roma in 12 tappe.