/media/post/sz5vgbf/gigi_proietti_meraviglie_roma.jpg

Gigi Proietti: le piccole meraviglie di Roma

I luoghi e le storie che legano l'attore alla città

Da via Giulia a villa Celimontana, da via dei Santissimi Quattro al Tufello, dal Tevere a Ponza, da Palmarola al Priorato dei Cavalieri di Malta, dall’Aventino a San Pietro: ecco i luoghi e le storie che legano Gigi Proietti alla città Roma.

 

(descrizione)

 

Di Gigi Proietti

Attore, regista

 

Abbiamo girato per Roma come nomadi, nel tardo dopoguerra: oggi brontoliamo e protestiamo, giustamente, per la crisi, allora non ci si poteva nemmeno lamentare. Nonostante questo i ricordi di allora sono piacevoli, perché legati alla gioventù.

 

Sono nato in una traversa di via Giulia, una strada bellissima, un tempo era il corso papale, ma a 10 mesi già avevo cambiato casa: ci trasferimmo dietro villa Celimontana, a via dei Santissimi Quattro, un altro posto che solo Roma sa offrire. Visite alla villa e a tutta la zona sono consigliatissime. Poi sono finito in periferia, al Tufello, in una casa popolare: anche questa è una parte di Roma interessante, diciamo che è fuori dai circuiti turistici ufficiali, ma offre un insolito spaccato di città. Quando l’adolescenza finì, cominciai a suonare e cantare nei night: non ne è rimasto nemmeno uno, quelli di allora sono spariti tutti. Sopravvivono, invece, alcuni barconi sul Tevere: mi ricordo quanto erano affollati, ai romani piacevano molto, andavano, prendevano il sole e facevano il bagno. Oggi ce ne sono alcuni che cercano di rivitalizzare quella tradizione, ristoranti e locali anche molto carini, ma un tuffo non si può più fare, chi nuoterebbe mai in quello che un tempo era il “biondo fiume”? Ecco, vado a Ponza a fare il bagno, un’isola meravigliosa, i turisti che arrivano d’estate dovrebbero andarci: ho una casa lì, col gommone arrivo a Palmarola, che è ugualmente bella, secondo alcuni anche di più. Di Roma voglio suggerire due curiosità, perfette per essere immortalate anche con la macchina fotografica: guardando nel buco della serratura del cancello del Priorato dei Cavalieri di Malta, all’Aventino, si può scoprire la più famosa e suggestiva vista di San Pietro. E poi, proprio a San Pietro, il punto della piazza da dove le colonne sembrano allinearsi in un’unica fila. Piccole meraviglie di una città che resta straordinaria.