/media/post/73a4tgv/4596-folco1-622x431.jpg

Folco Quilici: l'intervista esclusiva

Il grande documentarista si svela su marcopolo

Folco Quilici è celebre documentarista, giornalista e scrittore, nonché conduttore, per Marcopolo Tv, di Diario di viaggi e di avventure e Un uomo e il mare, il programma in cui viene ripercorso il rapporto tra Folco e il mare attraverso i grandi documentari del regista.

 

Quando hai iniziato ad appassionarti ai viaggi?

Praticamente sin da bambino e da ragazzo accompagnando mio padre, giornalista, e mia madre pittrice. Quando potevano portarmi, io ero sempre con loro. Erano delle esperienze molto emozionanti per un giovanissimo anche perché loro cercavano soggetti e luoghi interessanti, poco conosciuti e qualche volta anche lontani, come l'Africa o la Spagna.

Qual è stato il tuo primo viaggio?

Tralasciando di citare altre occasioni, il primo vero viaggio carico ancor oggi di ricordi, di suggestioni e soprattutto di emozioni, fu quando compii otto anni: un lungo itinerario via mare da Venezia lungo tutta la Dalmazia, l'Albania, sino alla Grecia con visita al Partenone che dopo più di settant'anni ricordo nitidamente.

 

(descrizione)

 

Di lì poi navigammo nelle Isole dell'Egeo e il ritorno fu su un idrovolante che a quel tempo univa Rodi a Roma. Una somma di sorprese ed esperienze che sono rimaste nel mio ricordo profondamente impresse.

Il viaggio più bello fatto con Marcopolo?

La lunga navigazione intorno a Ponza e a Palmarola, mie isole predilette, per averle a sfondo delle puntate che Marcopolo dedicò alle mie esperienze nei mari del mondo.

 

(descrizione)

 

Un luogo ancora da visitare?

Sono talmente numerosi i luoghi che vorrei visitare e altrettanto numerosi quelli che con eguale interesse vorrei rivisitare, da rendere impossibile rispondere con un elenco di nomi. Vedremo cosa mi riserva in futuro così da trovare spunti ancora inediti sparsi nel mondo.

Una città in cui vorresti trasferirti?

Per la verità mi trovo benissimo a Roma per i suoi grandi pregi e anche per i suoi profondi difetti da non poter certo immaginarmi su un altro sfondo.

 

(descrizione)