/media/post/48dldzg/firenze_citta_capolavori_arte.jpg

Firenze, la città dei capolavori d’arte

Dalle piazze alle chiese, dai musei ai palazzi, Firenze è una galleria d'arte a cielo aperto

Dalle piazze alle chiese, dai musei ai palazzi, Firenze è una galleria d'arte a cielo aperto da contemplare e scoprire un po' per volta. Ammirata per la sua magnificenza, turisti di tutto il mondo la scelgono come destinazione per le proprie vacanze

(descrizione)

Firenze è la città dell'arte e dell'architettura, ma anche della cucina saporita e dell'artigianato, da riscoprire e ammirare continuamente. È una delle mete più scelte dai turisti che giungono nel Bel Paese, un “pellegrinaggio” compiuto da più di 10 milioni di persone ogni anno. Facile trovarsi immediatamente in una galleria d'arte a cielo aperto, patrimonio dell'Umanità dell'Unesco quale è il centro storico.

 

 A dominarlo è Piazza della Signoria col suo Palazzo Vecchio che, abitato dai Medici, divenne poi laboratorio di grandi artisti come Ghirlandaio e Vasari, e oggi ospita sia un museo che la sede del Comune. Tra le statue che fanno da cornice, c’è il David di Donatello, simbolo della cultura rinascimentale, una copia purtroppo, poiché l'originale, per motivi di sicurezza, si trova nella Galleria dell'Accademia di Via Ricasoli insieme ad altre opere di Michelangelo.

 

Da Piazza della Signoria, in qualunque direzione ci si muova, si possono ammirare altri capolavori della città: verso est, superata Piazza della Repubblica con la sua giostra, si arriva a Palazzo Strozzi, sede di un prestigioso museo d'arte moderna e contemporanea; pochi isolati e ci si trova in Piazza di Santa Maria Novella con la sua Basilica che racchiude gli affreschi di Paolo Uccello e mostra la sua facciata progettata da Leon Battista Alberti;

 

muovendosi verso ovest ci si trova di fronte la Chiesa di San Lorenzo, una delle più antiche di Firenze, all'interno della quale spiccano il Pulpito della Risurrezione di Donatello e la Sagrestia Nuova di Michelangelo;

 

camminando verso l'Arno si giunge infine al Duomo di Firenze, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, terza chiesa cattolica più grande del mondo, che sorge su un luogo considerato sacro sin dai romani, dove i più grandi maestri hanno posato il loro pennello, dagli affreschi che ritraggono Dante fino al giudizio universale di Vasari e Zuccari che domina dalla cupola di Filippo Brunelleschi.

(descrizione)

Accanto sorgono due opere inestimabili: il Campanile trecentesco di Giotto, con il suo intarsio di marmi bianchi, verdi e rossi e il basamento decorato a bassorilievi, e il Battistero ottagonale, riccamente decorato in ogni minimo dettaglio.

 

Tornando verso Piazza della Signoria, una piccola deviazione permetterà di visitare uno dei massimi esempi del gotico italiano, la Basilica di Santa Croce, al cui interno sono visibili gli affreschi di Giotto, mentre nel chiostro è possibile ammirare la Cappella Pazzi del Brunelleschi.

 

Tra Piazza della Signoria e il fiume ecco che ritroviamo le Gallerie degli Uffizi, opera del Vasari, che ospita alcuni dei capolavori dell'umanità. A fare da cornice uno dei simboli più conosciuti di Firenze: Ponte Vecchio con le sue botteghe di oreficeria e gioielleria. Sull'Oltrarno si trovano la Basilica di Santo Spirito e Palazzo Pitti. Alle spalle del Palazzo si apre il giardino di Boboli passeggiando attraverso il quale si giunge al Belvedere da cui si può ammirare tutta la bellezza di questa città incantata.

 

Altra vista mozzafiato si gode dal Piazzale Michelangelo e dall'Abbazia di San Miniato, magnifico esempio di architettura romanica e oasi di contemplazione della città.