/media/post/dv4clsl/560-grotte_vaticane-622x466.jpg

Il Vaticano: una storia complicata

Ecco cosa fare e vedere fuori e dentro lo stato del Vaticano!

Il Papa, i segreti e le storie strane e complicate dello stato del Vaticano tra polemiche e rivalità.Quella dello stato del Vaticano è una storia costellata di misteri e segreti. A partire dal posto in cui sorge, dove un tempo si innalzava un albero dai poteri magici.

Il Vaticano, lo stato più piccolo al mondo

È il più piccolo stato indipendente al mondo: solo 44 ettari. La sua forma di governo è la monarchia assoluta.

Tutti i poteri sono in mano ad una sola persona: legislativo, esecutivo e giudiziario. Questo – in termini formali – lo Stato del Vaticano. Anzi, per meglio dire, lo Stato della Città del Vaticano, sorto a seguito della firma del Trattato Lateranense - l’11 febbraio 1929 – tra la Santa Sede e l’Italia.

La storia del Vaticano e di certi… poteri magici

Storia e misteri del Vaticano in questo esclusivo video di Marcopolo

Un piccolo, piccolissimo, Stato dunque, che sorge al centro di Roma.

Nel posto esatto in cui secondo quanto racconta Plinio Il Vecchio al tempo degli antichi Romani c’era un leccio al quale si attribuivano poteri magici. Oppure, andando ancora più indietro nel tempo, questo pare fosse un luogo di riunione per indovini etruschi… Sta di fatto che, dove ora spunta il Cupolone, fin da sempre c’è stato un che di magico, a volerlo definire con parole pagane, o un che di spirituale a voler rimanere in ambito religioso.

Nel IV secolo dopo Cristo l’imperatore romano Costantino fece costruire una prima basilica, nel luogo in cui tradizione vuole fosse stato sepolto san Pietro dopo la sua crocifissione. Il 18 Aprile 1506 – sotto papa Giulio II – fu invece iniziata la costruzione dell’attuale basilica, terminata più di un secolo dopo: nel 1626. Cento anni in cui si susseguirono, progetti, direttori di cantieri, dibattiti, polemiche e rivalità.

Vaticano, cosa vedere

Cosa vedere nello Stato del Vaticano

La Basilica di San Pietro

(basilica di san pietro)

Basta pensare alla storia di questa basilica e alla sua valenza simbolica: solo questo potrebbe – o dovrebbe – far scattare la molla della curiosità. Un consiglio: salite sulla cupola, e da lassù… guardate Roma!

La Pietà di Michelangelo

(pietà di michelangelo)

Michelangelo Buonarroti non poteva scolpire qualcosa di più simile alla realtà e al dolore. La disperazione del volto della Madonna. Il corpo sofferente del Cristo. Una scultura che palpita. 

La Piazza di San Pietro

(piazza san pietro)

Il colonnato della piazza è una delle immagini più viste al mondo. E una delle più spettacolari. Ha il sapore della perfezione architettonica. E somiglia molto a una specie di abbraccio (soffocante?) della Roma papale.

La Necropoli vaticana

Un posto poco conosciuto. Si trova sotto la Basilica di San Pietro. Tombe cristiane e tombe pagane. Visitabile solo dai primi anni Ottanta.

La Cappella Sistina

(cappella sistina)

La Cappella Sistina è una tappa obbligatoria. Di una bellezza che lascia senza fiato. Si potrebbe stare ore e ore con il naso all’insù, e scoprire dettagli sempre nuovi. 

I Musei Vaticani

Il museo più bello del mondo? Forse. Comunque merita assolutamente una visita (nonostante le lunghe file per entrare).

I giardini vaticani

(giardini vaticani)

Adiacenti ai Musei Vaticani, sono i giardini dove passeggia il Papa. Curatissimi. Con una riproduzione della grotta di Lourdes.

La porta santa

(porta santa)

È la porta che viene aperta solo in occasione dell’Anno Santo (ogni venticinque anni). Si trova leggermente a destra dell’ingresso principale della basilica di San Pietro.

Le grotte vaticane

(grotte vaticane)

Si estendono sotto una parte della navata centrale della basilica di San Pietro. Una vera e propria chiesa sotterranea, dove ci sono le tombe dei papi.