/media/post/fs75e8q/estate2020_proposte.jpg

Estate 2020: tendenze ed iniziative da nord a sud dell'Italia

Ottava diretta facebook di Marcopolo con aggiornamenti sulle iniziative e le tendenze del turismo in Italia per l'estate 2020

Italia, da Nord a Sud il turismo riparte: proposte e previsioni per l’estate, è questo il tema affrontato nel'ottava diretta facebook di Marcopolo del 18 giugno 2020. Come si stanno indirizzando le scelte dei turisti  per quest'estate? Il mare farà la parte del leone anche quest'anno? Oppure la montagna, con le tante attività all'aria aperta, sarà la meta più apprezzata per le vacanze ? Quali le tante proposte che i territori stanno mettendo a punto per garantire accoglienza, gradimento e sicurezza?

Marcopolo ne ha parlato con Francesco Palumbo, Direttore Toscana Promozione Turistica, che ha esposto le tante iniziative che la Regione ha messo a punto per diversificare le sue proposte turistiche e consentire un'accoglienza di alto livello per tutte le esigenze. Roberto Huber, Direttore di Alta Badia Brand, che ha raccontato come il suo territorio riesca a mantenere un altissimo standard di accoglienza  e quali le proposte quest'anno per una vacanza indimenticabile, nella massima sicurezza. Infine Valentina Lo Surdo, l'esperta di Marcopolo sui tanti “cammini d’Italia”, ci racconterà  quale sia il fascino della vacanza "a piedi", alla riscoperta di un ritmo lento che consente di apprezzare a fondo la bellezza e l'eccellenza del territorio.

Guarda il video integrale della diretta facebook di Marcopolo del 18 giugno

La ricca offerta del brand "Toscana"

Il brand "Toscana" già noto in tutto il mondo si arricchisce di molte proposte per questa estate 2020. Francesco Palumbo, direttore di Promozione Turismo ci illustra le più importanti: tra queste l'offerta che punta sul rimettersi in forma nella natura con la possibilità di praticare sport all'aria aperta legando sport e avventura. Toscana detox legata alle terme con la possibilità di dedicarsi al proprio benessere. e tutti e 33 gli stabilimenti termali in Toscana hanno riasperto o lo stanno facendo con massimi standard di sicurezza. L'altra proposta è scoprire una Toscana sconosciuta che punta sui mille siti UNESCO presenti sul territorio.  Epoi ci sono le città d'arte come Firenze, Siena, per esempio, che pur soffrendo più di altre destinazioni il momento difficile post-covid, stanno riscoprendo un turismo meno affollato dando la possibilità di godere i loro tesori con tempi e ritmi più lenti, sono esse stesse catalizzatori per la scoperta delle bellezze appena fuori città.

La Toscana vanta inoltre ha una rete di Cammini molto ben organizzata che parte dalla ben nota via Francigena, ma che si caratterizza per la massima fruibilità anche appena fuori i borghi Toscani, con una capacità di fruizione per chiunque volesse vivere l'esperienza del cammino anche per brevi tratti di 3/4 km e poter contare sulla possibilità di rientrare in qualunque momento nella propria struttura ricettiva. Una reta di cammini, quella Tascana, organizzata e variegata.

Per le isole della Toscana i porti sono aperti, possibile prenotare in sucrezza e con forme assicurative di rimborso al 100% e la garanzia di avere assistenza sanitaria pubblica che si prende cura di tutti anche degli stranieri.

Alta Badia: la montagna grande protagonista di questa estate 2020

La montagna, ci dice Roberto Huber, di Alta Badia Brand sta recuperando una stagione difficile. I segnali sono molto buoni tanto che stanno registrando prenotazioni non solo da clientela italiana ma ma anche da quella starniera dopo la riapertuta del 16 giugno anche delle forntiere con l'Austria si aper agosto che per luglio. La montagna d'altronde ha un vantaggio in questa fase garantendo distanziamento e vita all'aria aperta, con un probabile cambio di target, da una clientela più anziana ad una più giovane, con la volontà di riscoprire la montagna. Il Alta Badia la stagione turistica apre ufficialmente il 27 di giugno con il 100% dele strutture aperte, dai B&B ai cinque stelle, la montagna offre tante opportunità e l'Alta badia sta puntando su una offerta davvero ampia e variegata per vivere a montagna a 360°.

Tra le tante iniziative messe in campo dall'Alta Badia c'è quella davvero speciale che si chiama "Noi Ladini" che consente alle persone che raggiungono l'Alta Badia di diventare ladini per alcune ore e vivere il territorio e le persone che lo abitano passando una giornata secondo le usanze dei "ladini" e paticando le attività giornaliere come la raccolta delle erbe. 

Inoltre la sicurezza degli impianti di risalita è garantia non solo dai protocolli governativi ma da una ulteriore arttenzione su sanificazioni costanti degli impianti. Per quanto riguarda i sentieri, nel rispetto dello spirito di libertà che si vive in montagna e grazie alla presneza di moltissimi chilometri di sentieri le persone saranno distribuite su tutto il territorio in piena sicurezza.

 

Estate 2020: la riscoperta dei Cammini

Il Cammino è il desiderio di tornare a muoversi, di farlo stando all'aria aperta e lontano dal turismo di massa. Ce lo racconta Valentina Lo Surdo, grande camminatrice ed esperta di cammini d'Italia. Un turismo, quello dei cammini, fatto in economia, in modo semplice e frugale riscoprendo l'Italia, un'Italia "mionore" che non è nota a tutti. Camminare permette letteralmente di conoscere il territorio e i suoi diversi ritmi, affrontando salite, discese, e anche strade asfaltate quando si entra in città. Questo è un momento magico per i Cammini che si regge sul lavoro di tanti volontari uomini e donne che danno un forte contributo: dalla manurtenzione dei sentieri all'ospitalità a misura di cammino ed è un momento importante per l'attenzione che il Governo sta dando attraverso un finanziamento concreto. I cammini in Italia sono tantissimi e stanno crescendo, c'è un progetto presso il Ministero sull'Atlante dei Cammini in Italia per mapparli e creare una sorta di mappa etica perché il cammino è fatto di uno spirito etico, di accoglienza, ecologico.

Tra i cammini in Toscana ve ne sono alcuni davvero molto belli: oltre a quelli francescani più noti vi è "Il Cammino di qui passò Francesco" il primo cammino moderno francescano da La Verna a Poggio Bustone ideato dal Angela Serracchioli. Il camminto Vetta-Mare che dall'Amiata porta ad Orbetello bello e più avventuroso, l'Italia Coast to Coast creato da Simone Frignani un cammino non religioso ma con tematismo geografico da Portonovo Marche ad Orbetello unendo la costa adriatica a quella tirrenica, infine il cammino delle Vie Cave le vie etrusche scavate nel tufo tra Pitigliano, Sorano e Sovana. 

Per scegliere al meglio i cammini da fare anche in base alle stagioni e alle condizioni atmosferiche il consiglio è di seguire #iocamminoinitalia, con tanti consigli su come e quando iniziare i cammini e cosa mettere nello zaino.