/media/post/c4z9bf3/396-cardinali-conclavecover-622x466.jpg

Elezione del Papa.

I luoghi del Vaticano dove si svolge il Conclave

L’elezione di un nuovo Papa è sempre un momento storico. Di portata non solo religiosa. L’elezione di un nuovo Papa segna – in ogni caso – un passaggio da un’era all’altra. Perché ogni elezione di un nuovo Pontefice porta con sé implicazioni sociali e anche politiche di valenza storica.

Anche a livello personale, l’elezione di un nuovo Papa ha la sua importanza. E’ uno di quei momenti di cui ci si ricorda per sempre nella vita. Si è – infatti – sempre capaci di rispondere alla domanda “Dov’eri quando è stato eletto Papa Benedetto XVI?” (tanto per menzionare una delle ultime elezioni di un Pontefice).

Ma vogliamo provare a rispondere a un’altra domanda. Dove viene eletto un nuovo Papa?

Quali sono i luoghi di questa elezione tanto importante?

 

Cappella Sistina: dove viene eletto il nuovo Papa

 

(descrizione)

 

Il luogo più importante al riguardo è senz’altro la Cappella Sistina (siamo nello Stato del Vaticano, naturalmente). Il Conclave si riunisce a porte chiuse all’interno della straordinaria Cappella Sistina affrescata da Michelangelo Buonarroti. Qui i Cardinali votano a più riprese fin tanto che il nuovo Papa non venga eletto. 

 

Piazza San Pietro: per vedere il colore del fumo

 

(descrizione)

 

Un altro posto importantissimo nel caso dell’elezione di un nuovo Papa è piazza San Pietro. Per vedere la fumata: bianca o nera? Anche questo è un rito. Importantissimo soprattutto per i fedeli in attesa in Piazza San Pietro. A ogni votazione: fumata nera se il Papa non viene eletto. Fumata bianca se Habemus Papam.

Il fumo proviene dal camino della sala del Conclave. Dove le schede vengono bruciate a ogni votazione. Quando la votazione è negativa un tempo alle schede veniva aggiunta della paglia così da ottenere il fumo nero. Ora i metodi sono cambiati. Anche la Chiesa si è rinnovata.

 

Elezione del Papa. Dove alloggiano i Cardinali del Conclave?

 

(descrizione)

 

Un tempo tutti i Cardinali erano letteralmente rinchiusi all’interno della Cappella Sistina fino a votazioni concluse (e quindi fino ad elezione avvenuta). E non era cosa da poco: basti pensare che nel tredicesimo secolo, alla morte di Papa Clemente IV, ci sono voluti quasi tre anni perché i Cardinali eleggessero il nuovo Papa.

Nel tentativo di rompere la situazione di stallo a un certo punto vennero addirittura alimentati solo a pane e acqua, così da spingerli ad accelerare i tempi.  Oggi ormai le cose sono diverse. Il Sacro Collegio dei Cardinali – il corpo elettorale chiamato a eleggere il nuovo Papa – si riunisce sì nella Cappella Sistina, ma alloggia nella vicina Casa di Santa Marta. E per coprire la breve distanza fino alla Cappella Sistina… tutti sul pullman.