/media/post/la7duva/dormire_mangiare_san_vito_marsala_baglio.jpg

Dormire e mangiare da Marsala a San Vito

Indirizzi di hotel e ristoranti delle città di Sicilia

Da Marsala a San Vito, dormire e Mangiare in Sicilia. Cous Cous e Charme, sapori e stile inconfondibili per l’ospitalità della Sicilia dell’ovest, legata alla tradizione e colorata da un pizzico d’Oriente. Gli indirizzi da Marsala a San Vito.

 

L’incanto nella zona occidentale dell’isola, oltre a provenire dalla splendida architettura delle città e dai panorami naturali di rara bellezza, sta anche nell’ospitalità e in una grande tradizione culinaria, entrambe influenzate dal mondo arabo.

(descrizione)

Protagonista della cultura, e delle tavole, di San Vito Lo Capo è il cous cous, una pietanza tipicamente africana che si è diffusa in tutto il Mediterraneo: la variante siciliana prevede un condimento a base di sugo di pesce e viene celebrata ogni anno nel Cous Cous Fest, un vero e proprio festival dedicato a questa saporita pietanza. Ma non bisogna aspettare l’evento di settembre: uno dei locali più conosciuti per assaggiare questo piatto è La Casa del Cous Cous Sanvitese, che la presenta condita con materie prime sempre freschissime e preparata in molteplici varianti, dal pesce alle verdure alle spezie.

 

Gestito dalla stessa famiglia, anche La Casa di Enzo è un indirizzo da non perdere: il patron Enzo Battaglia è un vero personaggio locale, ex sindaco di San Vito, grande uomo di cultura e promotore del Cous Cous Festival, e qui ha creato un ambiente rilassante, tipicamente siciliano ma colorato da tocchi orientaleggianti. Sul menù si trova, ovviamente, il cous cous di carne o di pesce, ma anche i piatti della tradizione e i tajines, pietanze cotte con il sistema tradizionale del Marocco nei tipici contenitori di terracotta.

(descrizione)

Il ristorante Profumi di Cous Cous, all’interno dell’Hotel Ghibli, accoglie gli ospiti in un elegante cortile profumato di limoni, cedri e mandarini e propone piatti siculi e l’immancabile cous cous, presentato in sette varianti diverse. Più familiare e informale Giardino Corallo, una colorata trattoria in un tipico patio siciliano dove assaggiare la star della cucina locale incocciata a mano e servita, come da tradizione, con spezie e pesce fritto.

 

L’ospitalità alberghiera non è da meno: l’Hotel Capo San Vito è adagiato sulla spiaggia, e unisce un design moderno al piacere per il gusto etnico e tradizionale. L’albergo ha un giardino rigoglioso che spicca contro il bianco della sabbia, uan piccola Spa con aromaterapia e una bellissima terrazza panoramica.  Particolarmente apprezzato per location, eleganza e servizi il Baglio La Porta, un sofisticato boutique hotel su una collina affacciata sulla Baia dello Zingaro, a pochi chilometri da San Vito: le camere eleganti hanno mattoni a vista, travi in legno e arredi di lusso, gli ospiti possono usufruire di un fornito centro benessere e del ristorante, fiore all’occhiello della struttura sia per la qualità della cucina che per la posizione, su una terrazza che domina il mare cristallino.

 

Deliziosi anche Pocho, dove la chef e padrona di casa Marilù ha infuso uno spiccato spirito mediterraneo negli ambienti dell’albergo e nel ristorante che guarda il golfo e la costa, e Tannure, locale degli chef gemelli Peraino dove provare specialità come il cous cous alla sanvitese e la tagliata di tonno. Lungo la via del sale tanti bagli –masserie fortificate tipiche della zona – sono stati riconvertiti in resort affascinanti: Donna Franca, nei pressi di Marsala, è al contempo un wine resort e il cuore di una azienda agricola innovativa dotata di una suggestiva cantina con impianti di imbottigliamento e sala degustazione.

 

Simile l’idea dietro il Baglio Oneto Resort, antica residenza trasformata in un hotel a quattro stelle che porta avanti l’attività storica di produzione di vino e olio. Affascinante un soggiorno presso i famosi depositi di sale della zona: il Realis Antiche Saline, in contrada Nubia, si affaccia proprio sulle distese di sale, e coccola l’ospite con l’ottimo ristorante-museo Trattoria del Sale, ai piedi di uno dei caratteristici mulini, dove gustare cucina casereccia e osservare gli antichi strumenti di estrazione dell’ “oro bianco”.

 

Il Bed and Breakfast Casolare nelle Saline si trova nel cuore della riserva naturale, circondato dal verde e con una vista splendida sulle Isole Egadi e sul monte Erice: a conduzione familiare, e conosciuto per le sue abbondanti colazioni, la cura, i piccoli dettagli e la tipica accoglienza calorosa dei siciliani sono un valore aggiunto di questa caratteristica struttura. In zona Trapani ci si può far coccolare dall’ospitalità e dai sapori dell’Officina Gastronomica, un’antica abitazione signorile con letti a baldacchino, due cortili e un ristorante che propone cucina tipica ma creativa.

 

Chi vuole alloggiare in città non rimarrà deluso: La Gancia vanta una residenza storica ristrutturata con un piacevole tocco moderno e una location esclusiva, affacciata proprio sul mare. In pieno centro invece il Residence Porta delle Botteghelle, un palazzo dell’800 con camere e appartamenti finemente arredati e con i tetti in legno originali dell’epoca.

 (descrizione)

Per una scorpacciata di pesce in riva al mare, Taverna Paradiso varia sempre il suo menù in base al pescato del giorno, preparato secondo le antiche ricette della tradizione trapanese, ricca di suggestioni arabe. Nei locali di un’antica taverna dei pescatori nasce Antichi Sapori dei fratelli Angelo e Francesco Lorito: ambiente caratteristico e ricette storiche di pesce sono gli ingredienti di una serata alla scoperta del tipico ambiente siciliano.

 

Se siete a Marsala la cucina marinara si trova a Le Lumie, ristorante a conduzione familiare  con un orto proprio da cui provengono la maggior parte delle materie prime servite a tavola. Imperdibile anche Ciacco Putia Gourmet, locale che riflette il suo spirito dinamico in piatti siciliani dal sapore di casa, e sfizi preparati con i migliori prodotti locali. Erice, con i sui cortili e case in pietra, è un borgo magico: l’Hotel Moderno ha lo stesso fascino del paese, unito ad una modernità di servizi che lo rendono base ideale per esplorare l’antica cittadina dedicata alla dea Venere.

 

Per una cena siciliana doc, è perfetto Archi Di San Carlo: incastonato in una delle tipiche viuzze del centro, l’atmosfera è magica grazie alle sale medievali – ex lavanderie di un antico convento – e l’offerta ottima con piatti della cucina tipica come pesto alla trapanese, cous cous e pesce fresco, una fornitissima cantina e una vasta scelta di salumi e formaggi, lasciati a stagionare nelle antiche celle del convento.