/media/post/ahea533/dolceacqua.jpg

Dolceacqua

Il borgo ligure reso immortale da Claude Monet

Dolceacqua è uno dei borghi più belli della Liguria. A Dolceacqua – e in questo fazzoletto di terra ligure – c’è un non so che di francese. Forse il dialetto: la lingua della Liguria che si mischia un certo accento d’Oltralpe. Forse il paesaggio: le linee di Dolceacqua sono state amate dai pittori francesi, che hanno raffigurato il borgo nei loro quadri

 

Dolceacqua nei dipinti di Claude Monet

 

(descrizione)

 

Della scenografia naturale di Dolceacqua (paese dell'entroterra ligure)  rimase stregato il pittore francese Claude Monet. Fu merito del maestro dell’Impressionismo se questo borgo della Liguria è diventato famoso anche in Francia. La Francia del resto e solo a pochissimi chilometri a ovest di Dolceacqua.

Monet arrivò a Dolceacqua nel 1884. E immortalò questo borgo in un quadro. Rendendolo in qualche modo eterno. Dolceacqua è infatti rimasto uguale a quel suo ritratto. Identico. Nulla – o quasi – è cambiato in paese da quel dipinto. Anzi, da quei dipinti: perché furono ben quattro i quadri che Claude Monet dedicò a Dolceacqua.  Chi l’avrebbe detto: un paese piccolo, sconosciuto ai più, che finisce dentro a un quadro, anzi dentro ben quattro quadri, conservati in un museo di Parigi e in uno della Normandia.

 

Dolceacqua oggi: uno dei borghi più belli della Liguria

 

(descrizione)

 

Oggi Dolceacqua è considerato – a ragione – uno dei borghi più belli della Liguria e d’Italia (lo si trova menzionato in tutte le guide e le classifiche che trattano dei borghi italiani).

Quello che ha colpito l’attenzione di Monet alla fine dell’Ottocento è esattamente quello che colpisce ancor oggi quando si mette piede in paese: lo scorrere del fiume tra le casette del borgo. Il tutto in una composizione visiva perfetta. Che termina – lassù in alto – con il castello dei Doria.

Famiglia da cui dipendeva anche forse la morte del giorno appena trascorso. E non solo in maniera figurata: il castello dei Doria è sempre stato l’ultimo lembo del paese di Dolceacqua a godere dell’ultimo raggio di sole prima del tramonto