/media/post/r5vsqqb/Cuneo.jpg

Cuneo e dintorni-Itinerari

Itinerari su cosa vedere a Cuneo e dintorni

Cuneo non è forse tra le città piemontesi più famose ma è sempre stata, per la sua posizione, una città strategica. Tipica città sabauda Cuneo ha molti elementi di interesse turistico, ma sono i dintorni di Cuneo il vero punto di forza di questo territorio. La provincia di Cuneo infatti è ricchissima di luoghi incantevoli da visitare: tra città storiche, parchi naturali, abbazie e castelli. Otre alle ormai famose Alba (nota per i tartufi e le sue torri), Saluzzo, Mondovì e Bra conta alcuni borghi piacevoli tra i quali il borgo di Pamparato.

 

Cuneo-Cosa Vedere-Itinerari

Cuneo è sorta presso la confluenza dei fiumi Gesso e Stura su un’altura e da questa sua posizione incuneata appunto deriva il suo nome.

Il suo centro storico ha un impianto a scacchiera ricco di palazzi e monumenti sfarzosi tipici di una città sabauda dell’800.

Testimone della storia della città è Via Roma, lungo di essa si snodano i più importanti monumenti della città e percorrerla è come fare un viaggio nella storia di questa città all’ombra dei suggestivi e famosi porticati un tratto distintivo di Cuneo che si snodano per ben 8 km all’interno del suo centro storico.

Tra le tappe da non perdere c’è la Cattedrale di Nostra Signora del Bosco con facciata neoclassica di gran pregio, la chiesa di San Sebastiano, il Palazzo della Torre e l’antica Torre Civica che domina il centro ed è il punto più alto da cui osservatre la città.

Cuneo è anche una città godereccia, gastronomicamente parlando, e vanta molte specialità tra le quali gli gnocchi di bava, e i cuneesi al rhum cioccolatini prelibati costituiti da una farcia di meringa e rhum.

 

I dintorni di Cuneo-Cosa Vedere-Itinerari

 

(descrizione)

 

Alba: internazionalmente nota per la fiera del tartufo bianco è la città delle torri e delle case forti. Visitate Alba dall’alto attraverso un tour panoramico alla scoperta delle sue torri.

Saluzzo: bellissima cittadella fortificata, dominata dal castello, Saluzzo fu capitale di un antico marchesato che conservò l’indipendenza per circa 3 secoli. Ha un centro storico meraviglioso nel quale si alternano edifici di età medioevale e rinascimentale, piazze e portici. Da vedere assolutamente la Cattedrale in stile tardo-gotico.

Mondovì: è un borgo medievale. Nei secoli è stata abbellita dagli interventi architettonici barocchi di Francesco Gallo. Da vedere la cattedrale di S. Donato opera appunto di Francesco Gallo. Da visitare anche il Belvedere, nel cui giardino si trova la famosa Torre Civica risalente al XII secolo.

Bra: la città è situata tra le colline del Roero (dichiarato patrimonio Unesco insieme a Langhe e Monferrato), è la città simbolo del barocco Piemontese e di eccellenze gastronomiche (famosa la salsiccia di Bra) nonché patria del movimento slow food. Degne di nota la facciata tondeggiante del Palazzo Comunale, la chiesa di Santa Chiara, capolavoro dell’architetto Bernardo Antonio Vittone, la chiesa della Santissima Trinità, anche conosciuta come i “Battuti Bianchi”.

Pamparato: piccolo e piacevole borgo in provincia di Cuneo. Degni di nota l’altare maggiore in marmi policromi conservato nella parrocchia di San Biagio e la cappella di San Bernardo che si trova fuori dall’abitato. Per una sosta “dolce” vale la pena di assaggiare i biscotti di pasta di meliga che qui sono una vera specialità.

Residenze Sabaude: primo tra tutti il Castello di Racconigi, l'originaria struttura fortificata risalente all'XI secolo fu modificata nei secoli. L'Attuale aspetto risale al 1870 con il suo splendido parco. Oggi il Castello è un polo museale di notevole importanza. Degni di nota i castelli di Govone, Pollenzo e Valcasotto.

Ancora nei dintorni di Cuneo da non predere l'Abbazia di Staffarda a soli 9 km da Saluzzo, uno dei più grandi monumenti medievali del Piemonte risalente al XII secolo.