/media/post/bhptlct/tappa_9_foto_copertina.jpg

Cammino "Con le ali ai piedi”: da Celano a Castelvecchio Subequo

La nona tappa del cammino "Con le ali ai piedi" conferma un cammino di rara bellezza, segnato dal passaggio di San Francesco.

Gli altipiani sono la caratteristica principale di questo tratto di cammino e così, dopo le meraviglie dell’Altipiano delle Rocche, perdiamo la vista in quello del Baullo, nella giornata che Angela Seracchioli ama considerare la sua “tappa mistica”.

 

Cammino "con le ali ai piedi" Tappa 9: da Celano a Castelvecchio Subequo

 

È una sorpresa continua Con le ali ai piedi, una sorpresa che puoi gustare solo al ritmo lento del tuo passo. La perla della giornata è custodita nella Chiesa di San Francesco a Castelvecchio Subequo, sconosciuto paesino che in verità conta moltissimo nella storia francescana. Contiene infatti una preziosissima reliquia: il sangue delle stimmati di San Francesco, in una cornice pittorica di rara bellezza. La tappa mistica d’altronde è accompagnata costantemente dalla presenza di Francesco: nell’attraversamento magnifico del tibetano Altipiano del Baullo, è inevitabile sentire i segni di un passaggio che Francesco ha compiuto più volte in terra d’Abruzzo. Si narra anche che proprio qui abbia compiuto il miracolo di salvare una donna morente, facendo zampillare un fiotto d’acqua da questa terra arida. 

(descrizione)

 

Prima ancora di fiancheggiare le pale eoliche che segnano l’inizio di questo paesaggio intenso, con Marcella ci imbattiamo nell’inaspettata bellezza di Aielli: un piccolo centro in cui colori la fanno da padrone, sede di Borgo Universo, un festival internazionale di Street Art, dove addirittura Fontamara , epopea contadina di Ignazio Silone, è stata riportata su parete grazie all’opera di 1500 persone. 

(descrizione)

 

Poi è la lunga silenziosa traversata del Baullo, Il silenzio è un invito che il vento ti propone allungando le distanze tra compagni di viaggio. Torniamo a parlare sotto la pioggia, può succedere anche questo in cammino, passare in poche ore dal sole all’acqua, simbolo più che mai prezioso in questa tappa. Che ci porta infine ad attraversare la bella Gagliano Aterno, dove primeggia una chiesa che per dimensioni è prima nel territorio compreso tra L’Aquila e Sulmona. Fino a incontrare gli amici di oggi: Pasquale, Giuseppe, Patrizia. Lei provvede alla nostra accoglienza nello stupendo convento con chiostro, giusto adiacente alla chiesa di San Francesco, loro ci stupiscono raccontando la storia e i primati di questo luogo, che conta la più antica catacomba abruzzese ma pure il moderno Vivendo Store, bistrot à la page ricavato in una storica falegnameria, perfetto per un’immersione gustativa a fine tappa.

 

La tappa 9 in sintesi

Lunghezza: da Celano a Castelvecchio Subequo km 29 km

Bellezza: 10/10 

Difficoltà: 9/10 

Dove dormire: Convento di San Francesco, Patrizia (349 5038116)

Dove mangiare: Vivendo Store www.vivendostore.com

Tempo di percorrenza: 8 ore

Raccomandazioni: per chi segue le tracce GPS, ci sono delle modifiche di percorso a fine tappa. Seguire le tracce da qui: http://blogdibruno.blogspot.com , sono le più attendibili.

DI VALENTINA LO SURDO

Foto di VALENTINA LO SURDO e MARCELLA FRASCARELLI 

Guarda tutte le tappe del Cammino "con le ali ai piedi"