/media/post/cl8zs38/bruges.jpg

Bruges, in Belgio. Una passeggiata nella Venezia delle Fiandre

Una passeggiata nella Venezia delle Fiandre

La piccola meraviglia di Bruges, cittadina incantata delle Fiandre (in Belgio). Per i suoi tanti canali è chiamata la "Venezia del nord". Ma Bruges è un gioiello medievale da visitare (guarda caso) in calesse.

 

Bruges, dove si trova la “Venezia del nord”

Bruges si trova in Belgio, esattamente nelle Fiandre occidentali. La città nel 2000 è stata proclamata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per il suo centro storico medievale sapientemente conservato.

Bruges, visitare la città su un battello

 

(descrizione)

 

Famosa per i suoi canali, Bruges è chiamata anche la “Venezia del nord”. Merita infatti di essere visitata su uno dei numerosi battelli che partono dai vari angoli della città, permettendo di avere così una visione particolare dei suoi palazzi e dei suoi suggestivi paesaggi. Durante la gita sul battello nei canali di Bruges si possono ammirare dei cigni bianchi bellissimi. La guida parlante francese e inglese vi mostrerà gli edifici più importanti. 

Il giro di Bruges con il calesse non è da meno. Nella grande piazza, il Markt, in cui si erge la Torre Del Beffroi, troverete tanti calessi trainati da maestosi cavalli che aspettano i clienti desiderosi di percorrere la città e le sue antiche viuzze. 

 

(descrizione)

 

Il consiglio è di farlo al crepuscolo, quando ormai la luce del sole lascia lo scettro alla sera. Se è inverno, vi consegneranno una copertina da poggiare, volendo, sulle gambe in modo che siate il più possibile a vostro agio e comodi.

Il percorso per visitare Bruges su un calesse si snoda tra le vecchie viuzze fatte di ciottoli, vietate al traffico dei veicoli a motore, quindi assolutamente silenziose: sarà come un tornare indietro nel tempo.

L’unico rumore che udirete saranno gli zoccoli dei cavalli del vostro calesse e la voce del cocchiere che funge anche da guida e spiega ciò che vedete. Il tutto illuminato dalle vecchie lanterne poste ai lati del calesse.

Vi sarà mostrata la Casa delle Beghine di Bruges (le beghine in età medievale erano delle donne, che pur non avendo preso i voti, vivevano insieme, lavoravano, creavano dei tessuti ed aiutavano i più poveri) e il parco adiacente di Minnewater (lago dell'amore). 

 

(descrizione)

 

Ci sono poi degli angoli a Bruges in cui il tempo sembra non esser passato. Se avete dei bambini in una piccola piazza in cui viene allestito un mercatino, troverete tanti giochi dalla giostra alle macchinine, e altro ancora. articolo diRosanna Cabras

 

Mangiare a Bruges

 

Bruges, una passeggiata a piedi

 

(descrizione)

 

Suggerisco anche una bella passeggiata a piedi per le strade di Bruges, con sosta magari in una delle tante cioccolaterie presenti. Sarete sicuramente rapiti dalle vetrine che espongono in modo accattivante e unico golosissimi cioccolati e dolcetti di tutte le qualità e di tutte le forme. Oltre alla bellezza delle creazioni, il sapore di questi dolci è sublime.

Avrete solo l’imbarazzo della scelta delle varie specialità proposte, e - se vorrete acquistare per parenti ed amici, o, anche per voi stessi - avrete un’ampia gamma di contenitori in latta in ceramica nei quali riporre la grande varietà di praline. 

Occhio ai prezzi. Nei negozi artigianali, occorre prestare attenzione. Un piccolo sacchetto di cioccolatini potrebbe costarvi caro. Ma del resto, per i golosi, come resistere a tanta bontà…

 

Bruges, dove mangiare (e cosa)

 

(descrizione)

 

Per mangiare nel centro storico di Bruges ci sono innumerevoli e caratteristici ristorantini per tutte le tasche e per tutte i gusti. Ognuno espone all'esterno in bella vista una lavagnetta con le proprie specialità e i prezzi.Un po' insolite per noi italiani, ma che vale la pena di provare sono Mules e frites, cioè le cozze con le patatine fritte e la maionese.

Vi porteranno un abbondante recipiente colmo di cozze e un catino in acciaio dove riporre le valve, e un recipiente più piccolo con acqua e limone per lavarvi le mani.

Ottime poi le bistecche accompagnate da deliziose salse. Come dolce un dolcissimo waffles. Tutto accompagnato da ottime birre. Importanti a Bruges sono gli orari.

Nei Paesi del nord si mangia presto. Il pranzo viene servito a partire dalle undici e non oltre le quattordici, mentre la cena la potrete fare anche dalle diciassette, comunque non oltre le ventuno e trenta.

 

Bruges, quando andare

 

(descrizione)

 

Il periodo migliore per visitare questa cittadina va da aprile a settembre, ma nonostante le temperature molto basse, Bruges merita una visita durante il periodo natalizio. Le case adiacenti il Markt vengono impreziosite da luminarie coloratissime e le loro facciate diventano sinonimo di Natale. 

Nella grande piazza viene allestito un bellissimo mercatino di Natale con tante casette in legno nelle quali poter acquistare dai dolci alle calde sciarpe, dagli addobbi in legno ad un caldo panino con tanto di wurstel. 

 

Bruges, dove dormire: i nostri consigli

 

(descrizione)

 

Per dormire a Bruges vi consigliamo - per il buon rapporto qualità-prezzo - l'Etap Hotel. Camere essenziali, molto pulite e ben organizzate. Ottima anche l’ubicazione: vicino alla stazione centrale dei treni e degli autobus e al parcheggio per l'auto, che però in città non vi servirà vista l'efficienza dei mezzi di trasporto pubblici nei quali - con il tagliando dell'avvenuto parcheggio - si viaggia gratis. Nelle vicinanze anche un comodissimo Carrefour Express con piatti di gastronomia, pane e dolci freschi.

 

Bruges, come arrivare

Si arriva a Bruges con un volo low cost all'aeroporto Bruxelles Charloroi e poi via, su un’auto presa a noleggio, verso una delle città più romantiche e belle d’Europa: Bruges, appunto.