/media/post/9vdr4ut/berlino-night.jpg

Berlino

I locali notturni della trasgressione

Locali notturni, nightclub, discoteche e i peccaminosi locali a luci rosse: ad un passo dal centro di Berlino, ad Alexanderplatz, c'è tutto un pullulare di vita che non perde occasione per mostrare il suo lato peccaminoso.

Berlino infatti, oltre ad essere una magnifica città, è una delle grandi capitali delle notti europee. Dimenticate la freddezza nordica: da anni l'attenzione dei visitatori si sta spostando sempre più verso dei locali che vanno ben oltre una semplice tendenza hot, aiutati anche dalle birrerie di Berlino.

La "caliente" Berlino, infatti, in realtà non dorme mai e se lo fa, non ha molti vestiti addosso. Lungo Friedrichstrasse, a nord di Unter den Linden e soprattuto verso Oranienburgerstrasse troverete, proprio nel bel mezzo della capitale, prostitute infreddolite che aspettano clienti, magari di ritorno dallo shopping a Berlino.

 

Locali notturni, discoteche e locali a luci rosse a Berlino

 

(descrizione)

 

Balzato agli onori della cronaca poco prima dell'inizio dei Mondiali di Calcio, nell'estate del 2006, l'Artemis Sexclub è ancora una delle mete più gettonate della città.

Se il passaggio ad ovest non vi spaventa, fate un salto in questo "centro commerciale del peccato", magari alla fine della partita di calcio nel vicino stadio. Tremila metri quadrati di stanze con arredamento a tema, velluto rosso e ori, salone centrale con piscina, saune e jacuzzi, e c'è perfino un cinema.

Se cercate qualcosa di più tranquillo potete sempre rivolgervi al Liberty, in zona Schoneberg o, nel caso vi piaccia lo striptease, al Rush-Hour: uno strip e table-dance club non-stop. Ma Berlino è una città che sorprende, magari vi capiterà di bussare a qualche portone, e sentirvi dire "Benvenuti all'inferno".

 

(descrizione)

 

I consigli di Marcopolo

Gli hotel consigliati: Singer109 (Berlino - Mitte), Zarenhof Prenzlauer Berg (Berlino - Prenzlauer Berg), Ludwig van Beethoven (Berlino - Kreuzberg)

I ristoranti consigliati: Schwarzwaldstuben, Max und Moritz, Gugelhof.