/media/post/qv7ep5t/barcellona_mercati_citta_mercato_pulci.jpg

Barcellona, i mercati della città

Storia e tradizione a Barcellona

L’anima della città di Barcellona attraverso i suoi mercati, alcuni dei quali sono i più grandi e famosi d'Europa. Tripudio di colori e profumi, storia e tradizione, ecco i più importanti mercati di Barcellona.

 

di Martina De Angelis

(descrizione)

Tutti i viaggiatori lo sanno: passare per i mercati è uno dei modi migliori per respirare le tradizioni, i gusti e lo spirito del posto al di fuori degli itinerari più turistici. La tradizione del mercato è molto radicata a Barcellona, che vanta alcuni dei più grandi e famosi mercati d’Europa.

 

L’istituzione cittadina, dove non si può evitare di andare, è La Boqueria: risalente al 1700, è in un grande spazio chiuso che domina un’intera piazza e un vero tripudio di colori e profumi con i suoi banchi pieni di ogni delizia, dalla frutta alla verdura, dai formaggi al cioccolato. Sono affascinanti le bancarelle strabordanti di ogni genere di prodotti, così genuini che molti ristoranti della città fanno rifornimento qui, ma si trovano anche specialità gastronomiche preparate sul momento, tra cui bicchieri di macedonia, frutti ricoperti di cioccolata, caramelle e dolci di ogni tipo, cartocci di pesce fritto o burritos di carne e pesce (Rambla 91, tel. +34 93 31 82 584, boqueria.info).

 

Molto bello anche il mercato di Santa Caterina, il secondo più antico di Barcellona e ristrutturato di recente dall’italiana Benedetta Tagliabue e da Enric Miralles. L’edificio colpisce subito grazie al nuovo tetto ondulato, coperto da migliaia di piastrelle di oltre sessanta colori che rappresentato quelli dei banchi del mercato. Sono più di cento gli espositori, e vendono tutto, dalla frutta fresca alla carne, al pesce, alle pagnotte, a tutto quello di cui si potrebbe avere bisogno, spuntini compresi; ci sono anche alcuni bar-caffetterie dentro la struttura, tra cui il famoso Cuines Santa Caterina. All’interno del mercato si può trovare anche un piccolo museo che ne mostra la storia, e i resti archeologici che furono scoperti durante il restauro dell’edificio (Av. de Francesc Cambó 16, tel. +34 93 31 95 740, mercatsantacaterina.com).

 

A metà fra mercato alimentare e mercato vintage è Sant Antoni, un universo composto da frutta e verdura, ma dove ogni domenica ci si possono trovare anche banchi di libri antichi e monete, abiti di seconda mano, dischi, cartoline e fumetti (Carrer del Comte d'Urgell 1, tel. +34 93 42 63 521, mercatdesantantoni.com). La vera istituzione per chi cerca oggetti di ogni forma e tipo è però Encats: si tratta di un grandissimo mercato delle pulci con più di cinquecento banchi, una mini città dove trovare anche quello che si pensava non esistesse più come giocattoli antichi, pezzi di antiquariato, vestiti, mobili, ecc. La parte più divertente? Rovistare tra i banchi e contrattare con i venditori! (Avinguda Meridiana 69, tel +34 93 24 63 030, encantsbcn.com).

 

 

Meritano una visita anche il Mercat del Ninot, mercato ideale per comprare eccellenti prodotti freschi, soprattutto della cucina mediterranea (mercatdelninot.com), il mercato di fiori La Concepciò, tecnologico, profumato e colorato, e la Fira de Nautumismo: vicinissimo alla Rambla, vi si possono trovare oggetti unici provenienti da tutti il mondo, dalle monete ai francobolli, dall’antica gioielleria agli oggetti fatti a mano.